classicistranieri.com / Blog Archives

Skip to content

Monthly Archives: ottobre 2011

Hans-Christian Andersen – La Margheritina – Traduzione di Maria Pezze’-Pascolato

31-ott-11

Stammi un po’ a sentire. Sai che in campagna, vicino alla strada maestra, c’è una villa: devi averla veduta anche tu, certo, una volta o l’altra. Dinanzi alla villa c’è un giardinetto, con tanti fiori e una bella cancellata dipinta. Al di fuori della cancellata, sull’orlo del fossetto, tra l’erba verde e folta, c’era una [...]

HAns-Christian Andersen – L’acciarino – Traduzione di Maria Pezze’-Pascolato

31-ott-11

Per la strada maestra veniva marciando un soldato: Uno, due! Uno, due! – Aveva sulle spalle il suo bravo zaino e al fianco la spada, perchè era stato alla guerra ed ora se ne tornava a casa sua. Sulla strada maestra, s’imbattè in una vecchia strega, brutta da far paura, col labbro inferiore che le [...]

Hans-Christian Andersen – Storia di una Mamma – Traduzione di Maria Pezze’-Pascolato

31-ott-11

Una mamma vegliava il suo bambino, angosciata dallo spavento che le potesse morire. Egli era lì pallido pallido, i piccoli occhi già chiusi, il respiro lieve come un soffio: solo ogni tanto ansava un po’ più forte, che pareva sospirasse; e allora la mamma guardava la sua creatura con la espressione di un dolore ancora [...]

Hans-Christian Andersen – I vestiti nuovi dell’imperatore – Traduzione di Maria Pezze-Pascolato

31-ott-11

Molti anni or sono, viveva un Imperatore, il quale dava tanta importanza alla bellezza ed alla novità dei vestiti, che spendeva per adornarsi la maggior parte de’ suoi danari. Non si curava de’ suoi soldati, non di teatri o di scampagnate, se non in quanto gli servissero di pretesto a far mostra di qualche nuovo [...]

Hans-Christian Andersen – Il brutto anatroccolo – Traduzione di Maria Pezze’-Pascolato

31-ott-11

Che bellezza, fuori, in campagna! Piena estate: il grano tutto giallo come l’oro, l’avena verde; il fieno ammucchiato già nei prati, e la cicogna dalle lunghe gambe rosse che gli passeggia attorno, chiacchierando in Egiziano… – perchè l’Egiziano è la lingua che le ha insegnato mamma Cicogna. – Di là dai campi e dai prati, [...]

Giosue’ Carducci – Lettera a Maria Pezze’-Pascolato

31-ott-11

“Carissima Signora, “Tra le tante cose di cui vo debitore alla signora Astrid Ahnfelt metto ora per prima la idea che ha ispirato in Lei di mandarmi in dono le novelle di Andersen. Qualche cosa ne avea intravvisto in una traduzione tedesca; ma ora ne gusto la fantasia nativa e profonda, la grazia e l’andamento [...]

Jacopo Alighieri – O voi che siete nel verace lume

31-ott-11

O voi che siete nel verace lume alquanto illuminati nella mente, ch’è sommo frutto de l’alto volume, Perchè vostra natura sia possente più nel veder l’esser dell’universo, guardate all’alta commedia presente Ella il dimostra, e ‘l simile e ‘l diverso dell’onesto piacere, il nostro oprare e la cagione che ‘l fa o bianco o perso. [...]

Jacopo Alighieri – Acciò che le bellezze, signor mio

31-ott-11

Acciò che le bellezze, signor mio, Che mia sorella nel suo lume porta, Abbian d’agevolezza alcuna scorta Più in color in cui porgon disìo, Questa Divisïon presente invio, La qual di tal piacer ciascun conforta; Ma non a quelli c’han la luce morta, Chè ‘l ricordar a lor serìa oblìo. Però a voi, ch’avete sue [...]

Giuseppe Cesare Abba – Prendi moglie!

31-ott-11

Adagio, adagio, anche pel dottor Asquini erano arrivati i cinquantacinque, età già così solenne che chi l’ha gli pare di non poter vedere il fondo delle memorie, da tante che sono, sebbene talora le colga tutte con un’occhiata della mente, come se tutto fosse di ieri. E l’Asquini, in quanto a memorie, poteva dire d’aver [...]

Giuseppe Cesare Abba – I baffi ed il cuore del signor Saul

31-ott-11

- Tant’è, questa sera non posso mangiare! – esclamò il signor Saul, spingendo in là il piatto di carne che aveva dinanzi; – Grifò, prova a darmi due peperoni. – Perchè, signor padrone? non aveva comandato l’arrosto? – venne a dire Lucrezia, stando sull’uscio, tra la cucina e la sala da pranzo. – Sì, ma [...]

Giuseppe Cesare Abba – Il Dottor Crisante

31-ott-11

Il dottor Paleari se ne tornava cavalcando come se non sapesse neppure d’essere in sella, tanto l’animo suo si lasciava rapire dalla vista dei monti lontani di dov’egli veniva, i bei monti tra i quali, cadendo dall’opposta parte dell’orizzonte, il sole entrava di traverso, e vi illuminava certe profondità di boschi, che nell’altre ore del [...]

Vittoria Aganoor – Adolescentula

31-ott-11

Quando t’ho conosciuto era d’aprile, quel mese traditore che nell’ebbrezza del nascente amore pinge ogni cosa d’un color gentile. Quando t’ho conosciuto era d’aprile! E al di là della siepe io t’ho veduto. Tornavi polveroso dalla caccia; eri solo, eri pensoso. Mi rivolgesti un timido saluto. Al di là della siepe io t’ho veduto. Tornavi [...]