Federico Maria Sardelli – Concerto per violoncello, archi e basso continuo in sol minore

Download (PDF, 662KB)

Compositore Sardelli, Federico Maria
Numero di movimenti o sezioni 3
Anno/data di composizione 28th December 2008, Düsseldorf
Anno della prima pubblicazione 2009
Stile del pezzo Baroque
Strumentazione Violoncello, strings, continuo
Edizione:

Frederico Maria Sardelli

Copyright:

Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives 3.0

Federico Maria Sardelli – Concerto a tre per flauto, violino, basso

Download (PDF, 286KB)

Compositore Sardelli, Federico Maria
Numero di movimenti o sezioni 3
Anno/data di composizione October 2002
Anno della prima pubblicazione 2008
Stile del pezzo Baroque
Strumentazione Recorder, Violin, Basso continuo, without orchestra

© COPYRIGHT NOTICE. THIS FILE IS PROTECTED UNDER COPYRIGHT LAW.
However, the lawful copyright owner has generously released the file for distribution at IMSLP under one of the Creative Commons licenses or the IMSLP Performance Restricted License, which allow for the free distribution (with proper attribution) of the file with various levels of restriction with respect to the creation of derivative works, commercial usage, or public performances.

Edizione:

Frederico Maria Sardelli

Copyright:

Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives 3.0

Johann Sebastian Bach – Sei mottetti BWV 225 – 230 – Bach Collegium San Diego

Bach Collegium San Diego - Archivio Magnatune

[hifi lofi] 01-Komm Jesu komm BWV 229 (JS Bach) (9:17)
[hifi lofi] 02-Lobet den Herrn alle Heiden BWV 230 (JS Bach) (7:04)
[hifi lofi] 03-Furchte dich nicht ich bin bei dir BWV 228 (JS Bach) (9:13)
[hifi lofi] 04-Jesu meine Freude BWV 227 (JS Bach) (22:30)
[hifi lofi] 05-Der Geist hilft unser Schwachheit auf BWV 226 (JS Bach) (9:09)
[hifi lofi] 06-Singet dem Herrn ein neues Lied BWV 225 (JS Bach) (13:28)

 




JS Bach Six Motets BWV 225-230 by Bach Collegium San Diego

Federico Maria Sardelli – Concerto per fagotto in Do maggiore

Edizione:

Federico Maria Sardelli

Copyright:

Creative Commons Attribution Non-commercial No Derivatives 3.0

Titolo dell’opera Bassoon Concerto in C major
Titolo alternativo Concerto per Fagotto in Do maggiore
Compositore Sardelli, Federico Maria
Key C major
Numero di movimenti o sezioni 3
Anno/data di composizione 2012 (10 June)
Stile del pezzo Baroque

da:http://imslp.org/wiki/Bassoon_Concerto_in_C_major_%28Sardelli,_Federico_Maria%29

Download (PDF, 406KB)

Federico Maria Sardelli – Domine ad adjuvandum me

Compositore Sardelli, Federico Maria
Anno/data di composizione 2007
Librettista Bible, Psalm 69
Lingua latin
Stile del pezzo Baroque
Strumentazione SAT, strings and continuo

© COPYRIGHT NOTICE. THIS FILE IS PROTECTED UNDER COPYRIGHT LAW.
However, the lawful copyright owner has generously released the file for distribution at IMSLP under one of the Creative Commons licenses or the IMSLP Performance Restricted License, which allow for the free distribution (with proper attribution) of the file with various levels of restriction with respect to the creation of derivative works, commercial usage, or public performances.

Download (PDF, 426KB)

Wolfgang Amadeus Mozart – Il flauto magico – Die Zauberflöte – Bezdin Ensemble – Adina Spire – High Definition Music

La copertina dell'incisione

 

Grazie alla cortesia, all’amabilità, alla generaosità e alla specifica autorizzazione ottenuta da Adina Spire, e, per suo tramite, dal Bezdin Ensemble, vi offriamo la registrazione del “Flauto Magico” (Die Zauberflöte) Continue reading

Oscar Wilde – The House of Pomegranades – Audiobook

A House of Pomegranates (1891) is a collection of fairy tales, written by Oscar Wilde, that was published as a second collection for The Happy Prince and Other Tales (1888). Wilde once said that this collection was “intended neither for the British child nor the British public.”

Total running time: 3:26:27
Read by Alex Lau

In addition to the reader, this audio book was produced by:
Dedicated Proof-Listener: Martin Geeson
Meta-Coordinator/Cataloging: Phil Chenevert

mp3 and ogg files

da: www.librivox.org

Emily Dickinson – Poems – Series Two – Audiobook

“The eagerness with which the first volume of Emily Dickinson’s poems has been read shows very clearly that all our alleged modern artificiality does not prevent a prompt appreciation of the qualities of directness and simplicity in approaching the greatest themes,—life and love and death. That “irresistible needle-touch,” as one of her best critics has called it, piercing at once the very core of a thought, has found a response as wide and sympathetic as it has been unexpected even to those who knew best her compelling power. This second volume, while open to the same criticism as to form with its predecessor, shows also the same shining beauties.” (Summary by Mabel Loomis Todd, from Preface)

Total running time: 1:39:59
Read by Laura Atkinson

In addition to the reader, this audio book was produced by:
Dedicated Proof-Listener: Eden Rea-Hedrick
Meta-Coordinator/Cataloging: TriciaG

mp3 and ogg files

Justin McCarthy – Red Diamonds – Audiobook

In the South African wilderness, six men got together to mine for diamonds and become very rich. They agree that the wealth is to be split equally between them or their heirs after a few years and that the share of any one who died without leaving an heir or whose heir died before the time would be split between the remaining partners.

Soon, all heirs are notified and wait expectantly for the first of January, on which the diamonds are to be divided between the partners. However, the diamonds are becoming increasingly blood stained, and January the first is still some time off… (Summary by Carolin)

Total running time: 14:41:14
Read by Carolin Kaiser

In addition to the reader, this audio book was produced by:
Dedicated Proof-Listener: Laura Victoria
Meta-Coordinator/Cataloging: Carolin Kaiser

mp3 and ogg files

da: www.librivox.org

Thomas Hardy – The Hand of Ethelberta – Audiobook

Ethelberta was raised in humble circumstances but became a governess and consequently, at the age of 18, married well. However, her husband died two weeks after the wedding. Her father-in-law, Lord Petherwin, died shortly afterwards. Ethelberta (now 21) lives with her mother-in-law, Lady Petherwin. In the three years that have elapsed since her marriage, Ethelberta has been treated to foreign travel and further privileges by Lady Petherwin but restricted from seeing her own family. The story follows Ethelberta’s career as a famous poetess and storyteller. Meanwhile, she struggles to support her family and conceal the fact that her father is a butler. Ethelberta easily attracts four very persistent suitors but is reluctant to give her much-coveted hand. The book is written in serial form. (Summary by Simon Evers)

Total running time: 13:46:37
Read by Simon Evers

In addition to the reader, this audio book was produced by:
Dedicated Proof-Listener: Betty M.
Meta-Coordinator/Cataloging: Bart de Leeuw

mp3 and ogg files

da: www.librivox.org

Paolo Attivissimo – Roberto Odoardi – Da Windows a Linux

La copertina del volume

Da Windows a Linux non è protetto in alcun modo contro la duplicazione. Lo offro alla comunità di Internet senza restrizioni, eccetto quelle imposte dalla vostra onestà. Distribuitelo e duplicatelo liberamente, basta che:

  • rimanga intatto
  • ci siano sempre indicati il mio nome e quello di Odo
  • non lo facciate pagare (a parte il costo dell’eventuale supporto)

Il fatto che sia liberamente distribuibile non altera in alcun modo il diritto d’autore (copyright), che rimane nostro (mio e di Odo) e di Apogeo. In particolare, Apogeo è l’unica casa editrice autorizzata a pubblicare questo libro su carta.

da: http://www.attivissimo.net/other_books/altri_libri.htm

DOWNLOAD

w2l1_tuttopdf

Paolo Attivissimo – L’Acchiappavirus

La copertina del volume di Paolo Attivissimo

La versione elettronica de L’Acchiappavirus non è protetta in alcun modo contro la duplicazione. La offro gratuitamente alla comunità di Internet senza restrizioni, eccetto quelle imposte dalla vostra onestà. Distribuitela e duplicatela liberamente, mettendola per esempio sul vostro sito o circolandolo nei circuiti peer-to-peer, basta che:

  • il file rimanga intatto
  • non lo facciate pagare (a parte il costo dell’eventuale supporto digitale)

Il fatto che sia liberamente distribuibile non altera né indebolisce in alcun modo il diritto d’autore (copyright), che rimane mio, ai sensi delle leggi vigenti. In particolare:

  • non sono permesse opere derivate.
  • Apogeo è l’unica casa editrice autorizzata a pubblicare questo libro su carta. Con “pubblicare” si intende anche la distribuzione, gratuita o meno, di copie stampate del testo. Pertanto, potete duplicare liberamente il file, e ognuno può stamparselo per uso personale, ma non potete stamparne o fotocopiarne più copie da dare a terzi.
    Se avete questo tipo di esigenze, potreste anche considerare il gesto nobile di acquistarne qualche copia :-)

da: http://www.attivissimo.net/acchiappavirus/index.htm

DOWNLOAD:

Download (PDF, 4.52MB)

Paolo Attivissimo – Luna? Sì, ci siamo andati

La copertina del volume di Paolo Attivissimo

“È disponibile l’edizione digitale e cartacea integrale del mio libro “Luna? Sì, ci siamo andati!”, che affronta e smonta con i fatti, una per una, le principali tesi di chi sostiene che gli sbarchi umani sulla Luna furono una messinscena.

Complottismi a parte, il libro chiarisce anche i dubbi di chi ha sentito parlare di queste tesi e vuole capire come stanno realmente le cose per non farsi fregare dai contaballe spaziali.

Le sue 330 pagine ricche di illustrazioni sono anche un’occasione per conoscere meglio l’epopea dei viaggi spaziali con dovizia di dettagli e di chicche curiose e poco conosciute.

Il libro è disponibile e distribuibile gratuitamente sotto licenza Creative Commons come file PDF o EPUB ed è anche acquistabile come e-book per Kindle su Amazon.it o su carta tramite Lulu.com”

da: http://complottilunari.blogspot.it/2010/03/luna-si-ci-siamo-andati-faq.html

DOWNLOAD:

Download (PDF, 7.99MB)

 

Antonio Fogazzaro – Il fiasco del Maestro Chieco

I

Rilessi nel vecchio quaderno, dove l’avevo trascritta molti anni addietro, questa sentenza di Lessing: “Lass dir eine Kleinigkeit nicht n’äher gegehen als sie werth ist” (Non lasciarti toccare da un’inerzia più ch’essa nol meriti). Alzai gli occhi e vidi la mia vita, vuota e amara per l’oblìo di quelle parole sapienti. Anche lei, però! Sì, lei era stata troppo orgogliosa, troppo fiera; ma se io le avessi detto sorridendo: “Badi, le sue rose avevano questa spina, e mi ha punto qui e vi è rimasta”, ella avrebbe levata la spina e forse anche baciata la ferita. Invece io m’ero fitto in cuore, con una strana e crudele compiacenza, quella sua lieve allusione a un passato di cui ero geloso. Il cuore aveva poi date parole acerbe che fecero stupore e offesa; l’amor proprio era entrato subito in mezzo, come naturale nemico di quell’altro amore, a reprimere ogni slancio generoso delle anime; e così, reciso dalla piccola spina un legame che pareva eterno, io non avevo più sposata donna Antonietta, la giovane vedova del tenente colonnello D’Embra di Challant.
Quando chiusi sospirando il vecchio quaderno, mi accorsi d’una lettera col francobollo, austriaco, che mi avean gittata sulla scrivania senz’avvertirmene, al solito.
Era quel matto del maestro Lazzaro Chieco, il famoso violoncellista e compositore che mi scriveva così:

Castel Tonchino (o che diavolo è)
24 giugno 1883

Caro Cesare,

Hai da sapere che il povero Chieco sta da quindici giorni in un Castel Catino del Tirolo fatto così. C’è un diavolo di montagna a picco, tutta nuda; sotto c’è la strada; questa strada tocca dall’altra parte un laghetto celeste e vi caccia dentro uno sperone di terra e sassi; in cima a questo sperone c’è Castel Tapino.
Dovevo andare ai bagni di Comano, ma passando ho visto questo castello che non c’è altro stupendo posto per comporre, e ho detto: Chieco mio, se tu non fai il primo atto della Tempesta qui, ‘leverito!’ come dicono a Fiumelatte, tu creperai senza farlo. E ci sono e scrivo. Tu sai, caro Cesare, che gli amici musicanti di Milano, mi sputarono su questo soggetto per la gola che n’avevano; ma lo straccione calabrese vuole che ‘se òngen’ tutti questi ‘ragionàt’ quanti sono.
Solo che tu mi devi aiutare perché il poeta veneziano ha il secondo atto in corpo e ponza; e io gli scrivo “corajo, corajo!” e lui mi risponde: “grassie, grassie, el vien, el vien!” ma non viene un accidente. Dunque va in via Brera, pigliamelo per il collo, e se non ti dà l’atto, strozzalo. Quindi tu vieni qua e stai tre giorni con il povero Chieco. Il primo giorno riposerai, il secondo ascolterai la mia musica, il terzo mi rifarai alquanti versi che non vanno e se li mando in via Brera, ‘te saludi!’. Il quarto te n’andrai fuori dei lazzerei piedi.

Il tuo
Lazzaro Chieco

PS. – Non mi guardare le donne belle del Tirolo che sono tutte mie. Povero Chieco, e come si fa?

II

Avevo in mente di lasciar presto Milano e di passare il luglio a Madesimo, ma conoscevo tanto il maestro Chieco e tanto poco il Tirolo, che forse avrei mutato piano, se quella bestia, secondo la quale, tra parentesi, a Milano neppur si fa un risotto senza ‘il ragionàt’, il ragioniere, mi avesse indicato meglio il suo Castello Tonchino o Catino o Tapino e la via da tenere. La lettera, per verità, aveva il timbro di Trento, ma era poco. Mi stizzì e non ci pensai più. Otto giorni dopo ricevetti un’altra lettera con il timbro di Vezzano, dove una tale Purgher scriveva che il signor maestro Chieco, alloggiato nel suo albergo, era pericolosamente ammalato e mi desiderava come il migliore dei suoi amici. La signora Purgher m’indicava di prender a Trento la diligenza delle Giudicarie fino al ponte delle Sarche, dove nei giorni quattro e cinque luglio avrei trovato persona incaricata d’accompagnarmi dal mio amico. Partii subito e arrivai nel pomeriggio del quattro luglio sotto un sole cocente, al ponte delle Sarche.
Pochi minuti prima avevo riconosciuto a destra la nuda montagna scoscesa sopra il mio capo, a sinistra il laghetto celeste ai miei piedi. Scure collinette boscose lo cingevano dall’altro lato: dietro a quelle si levavano altri monti di un verde più gaio; ma laggiù, verso il Garda, il cielo scendeva quasi fino alle ondicelle azzurre, tutte trepidanti nell’ora del gran lago marino invisibile a mezzogiorno. Vidi il pugno di terra, sporgente della riva, e sulla punta, il castelluccio ritto e fiero come un falco.
Al ponte delle Sarche trovai una servotta tedesca che mi seppe solo dire “Purgher, Purgher”. Entrai con lei nella piccola penisola, seguendo un parapetto merlato, un baluardo a riposo, con tanto di cipressi e di rose. Fuori dai merli luccicavan l’acque, tutte vento e sole; dentro viveva e si moveva, sotto l’alto fantasma del castello, un affollato disordine di erbe rigogliose, di fiori incolti, di arbusti selvaggi, di piccoli pini imbozzacchiti.
Ascendemmo lungo il giro del parapetto, sino all’andito male intagliato nella viva roccia che mette nel cortile del castello; un gibboso macigno, questo cortile, inquadrato di mura nere, di logge medioevali, con pitture mezzo stinte, con un chiasso, sui parapetti, di geranii in fiore.

III

Il castello era un vero eremo. Neppure la albergatrice si lasciò vedere, e fu la serva che m’introdusse nel camerone bianco dove giaceva sul cuscino di un letto colossale, il mefistofelico viso del mio povero amico Chieco. Me gli accostai in punta di piedi. Aveva gli occhi chiusi ma la fisonomia era composta. Dormiva? Mi arrischiai di dirgli piano all’orecchio:
“Lazzaro!”.
Mi rispose un fil di voce:
“Chi è?”.
“Cesare” sussurai “sono Cesare”.
Allora Chieco, senza aprir gli occhi, sbattè la bocca come un cane che azzanna a vuoto, dicendo sottovoce: “Asino!”. E continuò con una diabolica rapidità crescendo: “Cane, brigante, assassino, ‘ragionàt!’”, aperse quei suoi carboni sfavillanti di occhi, saltò in piedi sul letto ballonzolando e gridando come un ossesso: “Entrate, o Purganti, di Castel Porcino, entrate a vedere il principe degli straccioni che, se non si crepa, non viene!”, e si pose a tirarmi tutto che aveva sul letto, mentre entravano ridendo la tonda signora Purgher e la serva. Colei incominciava a scusarsi meco della burla, quando Chieco, non avendo altro nelle mani, fece atto di tirarmi la camicia. Fughe, strilli, e risate; restammo soli.
Chieco saltò dal letto, corse così come era scalzo e in camicia, a pigliar il suo violoncello e, sedutosi in faccia a me, se lo piantò fra le gambe, attaccò un delizioso andante appassionato. La Purgher e la serva fecero subito capolino all’uscio, ma il maestro s’interruppe, si diede a sgambettare verso il soffitto, fischiando in un suo modo infernale, per cui le donne scapparono da capo, non ci seccarono più. Egli, suonando, mi guardava sempre. I visacci che faceva non si scrivono; non sapevo se commuovermi della melodia dolcissima, o ridere della bizzarra faccia, ora lugubre, ora sfavillante, ora solenne, ora furbesca, ora patetica, ora beffarda, comica sempre. Chieco ha trentott’anni, barba e capelli misti di nero e di argento; ciò accresce la stranezza della sua fisonomia napoletana, piena di sentimento umano e di brio diabolico. Finalmente depose lo strumento. “E come si fa?” disse egli. “Caro Cesare, e come si fa?”.
Gli domandai che musica fosse quella.
“Povero Chieco!” mi rispose serio serio, “io ho detto tutto e questo infelice ‘ragionàt’ non ha capito niente. La mia musica significa, o straccione, che io sono innamorato e che tu ti devi ammogliare”.
Io pigliai la cosa come una delle sue solite pazzie, per quanto mi giurasse che non aveva mai detto in vita sua una parola più vera.
Egli conosceva benissimo le mie passate relazioni con donna Antonietta e me ne parlò in modo tale che lo pregai a smettere. “Quanto sei asino!” disse egli. “Tu le vuoi ancora bene”. Diventai troppo rosso, forse, ma negai; ahimè, più di tre volte. Intanto Chieco ripeteva su tutti i toni, infilando le mutande: “Quanto sei asino! quanto sei asino!”. Tuttavia non mi parlò più di Antonietta.
Invece, appena compiuta la sua toeletta, mi invitò a vedere ‘Castel Pulcino’. Prima di tutto mi condusse in cucina vociando: “O Purganti, o Purganti del diavolo dove siete?” E trovata, invece della Purgher, la servotta tedesca, incominciò a farle boccacce, a gesticolarle davanti, a stordirla con un diluvio di ‘schlicche schlocche’, da cui la disgraziata doveva capire di preparar subito da pranzo per due; ed accennò di aver capito tanto bene che Chieco la volle abbracciare prima di portarmi fuori.
Il castello non aveva proprio niente di raro, toltone la postura e quel cortile pittoresco; ma quando Chieco s’infatuava di un luogo, lo sentiva da gran poeta fantastico, lo idealizzava con una potenza straordinaria.
“Questo è Castel Divino, capisci?” mi disse egli nel cortile, estatico, davanti a un capitello gotico dei più comuni. “Guarda che bestia gentile deve essere stato lo scultore di quella graziosa porcheria lì! Sono dieci anni che io passo otto mesi dell’anno a Parigi e puoi pensare se ho visto Pierrefonds. Ho visto anche i castelli del Reno. Ebbene, sono niente rispetto a questo; ti dico niente. Qui, se tu non sei troppo asino, ci vedi tutti i tempi. Questo pavimento non sa che sia scalpello, tu lo vedi; è ancora dell’età della pietra. Le fondamenta di queste mura sono romane. Va qui vicino dal prete di Santa Pazienza, che è un santo uomo, a domandare se i romani non praticavano qui. E poi c’è tutto questo Medio Evo; e poi nelle camere tu hai veduto il Rinascimento sino al rococò; e poi ci sono i Purganti che sono il vile presente; e poi ci sono io che sono l’avvenire!”.
Gli chiesi se avesse fatto gite.
“Che gite, che gite!” mi rispose. “Queste sono idee da ‘ragionàt’. Mi volevano ben mandare a Santa Pazienza, a Mancavino, al diavolo che li porti. Ma io, questi nomi, li fiuto e mi basta. Vado qualche volta a Comano, ecco tutto. Domattina per esempio, vado a far colazione a Comano”.
“Vengo anch’io!” dissi.
“No!” gridò Chieco “Nossignore! Domattina Lei resta a Castel Tavolino e mi rimpasta qualche dozzina di versi. Io vado per intendermi sul ballo”.
“Che ballo?”.
“Il ballo che si dà qui domani sera. Una cosa magica, mio caro; vedrai. Ho invitato tutti quegli straccioni di Comano per aver lei. Si fan due passi fuori?”.
“Chi lei?”.
Chieco mi piantò per ricomparire due minuti dopo in ombrellino, panama e babbucce.
“Si deve capire che io sono in casa mia” disse egli “e che tu sei uno straccione qualunque. Del resto, eccoti lei, ma somiglia poco”.
Mi diede la fotografia di una signora che non mi parve assai giovane, né assai bella.
“Somiglia poco” ripetè. “La vedrai. È una musica dalla punta dei capelli alla punta dei piedi. Povero Chieco”.
Grossi nuvoloni uscivano dalla gola delle Sarche, raggiungevano e celavano il sole; l’òra del Garda soffiava sempre più forte nei pini e negli arbusti sul lago tumultuante, tutto mobili luci plumbee. Chieco si buttò a giacer supino nell’erba con le mani intrecciate sotto nuca, e mi volle accanto a sé.
“È una musica” disse egli. “È la più morbida, fine musica che io conosca; è del Bach, per Sebastiano!”.
Balzò su a sedere per potersi sfogar meglio. Non pareva più il matto di prima.
“Tu sai” disse egli “o piuttosto tu non sai come disegna Bach. Ebbene, quando lei si muove e io vedo svolgersi tutte le linee del suo dolcissimo corpo e ondulare in aria così, così, dietro di lei, io penso sempre alla musica di Bach”.
Scosse forte il capo piantandosi le cinque unghie della mano destra nella fronte.
“Cosa vuoi?” disse. “Ha un orecchio, per esempio, che lo può fare solo il mio violoncello. E due labbra poi, due labbra così frementi di passione e di sensi, di tutti i peccati capitali, mio caro! Benché sia santa e ‘prude’ come una vecchia diavolessa inglese. È questo che ti frigge il sangue, capisci? Non ti parlo degli occhi, non sono mica il Padre eterno per poterne parlare. Ma le mani, per Bach, ma le mani! C’è un birbaccione di professore tedesco che gliele studia con gli occhiali, e gliele ha trovate ‘psichiche!’ Maledetto, come ha trovato bene! È un pezzo di Quattrocento”.
Continuò a lungo su questo tono misto di fuoco meridionale e di finezza parigina, di sensualità e di poesia, levando a cielo persino le toelette della dama, delle quali tremava che fossero una sola cosa con quel corpo e quella anima, che le crescessero vive intorno come il calice al fiore. L’anima? Ah l’anima era musica italiana del Settecento, così ricca di vena, così delicata nello scherzo, così composta e precisa nel sentimento, sempre penetrata da una ragione luminosa. Insomma questa donna era la sola degna di sposare Lazzaro Chieco, la sola cui avrebbe voluto sacrificare la sua libertà.
Questo accesso di febbre matrimoniale mi strappò una esclamazione molto ammirata. Allora Chieco mi parlò con toccante gravità della tristezza che era in fondo al suo cuore sotto tanti pazzi umori, come l’acqua morta, scura in fondo al lago sotto tanto ballare e luccicare di onde. Era stanco, disgustato di tutto fuorché della musica e di un suo antico ideale d’amore, non detto mai ad alcuna delle tante femmine che aveva prese un momento.
“Ho trentott’anni” mi disse egli “ma potrei forse amare ancora ed essere felice come un fanciullo di venti”.
“E perché non lo sarai?” diss’io.
“Perché questa stupida non mi ama” rispose.
La signora Purgher chiamò da una finestra. Chieco balzò in piedi e, ficcatosi un dito in bocca, cacciò il suo fischio diabolico.
“Andiamo a tavola” disse egli.

IV

Mi fece udire quella sera stessa, sopra un piano scellerato, la sinfonia e, in parte, il primo atto della sua Tempesta. Per vero dire, l’imitazione delle onde, del vento, dei tuoni, delle urla non mi è sembrata mai, con licenza dell’amico, straordinariamente felice in quella sinfonia; l’ultima melodia, che figura il canto di Ariele quando acquieta il mare, è soave, ma ricorda forse un po’ troppo la Canzone di Primavera di Mendelssohn… Invece il pezzo sinfonico che segue, eseguito dall’orchestra a sipario alzato e scena vuota, mi parve veramente, come parve al pubblico, sublime. La musica non è descrittiva ma seconda mirabilmente l’immaginazione dello spettatore che sappia essere quella una isola deserta dell’Oceano popolata da spiriti obbedienti a un mago, e dove si prepara uno strano dramma in cui avranno parte quelle aeree potenze misteriose e tante passioni umane.
L’amico mio infondeva nella sua esecuzione una vita indiavolata, mi gridava i nomi degli strumenti, li imitava con la voce, urlava nei punti di grande sonorità, rovesciando il capo all’indietro, tempestando con le braccia e con le gambe. Mi fece udire, con gli altri pezzi il duetto originalissimo di Calibano e Ariele, di cui non erano per anco scritti i versi. “È il duetto dell’anima” mi disse Chieco. “Shakespeare non lo ha immaginato, ma io sì. Lo faccio precedere da un assolo di violoncello che è divino. Te lo suonerò, poi, fuori di qui”.
Il bizzarro uomo suonò infatti più tardi questo pezzo ispirato a capo della scala che scende nel cortile, presso una finestra poetica da cui si domina il lago e si vedono giù, porgendo il capo, le alte mura, lo scoglio, i salici e i fichi selvaggi che ne sbucano a pender sull’acqua. Io sedevo sulla scala, cinque o sei gradini più sotto.
Il violoncello sospirava e gemeva più dolcemente di qualsiasi voce umana. Il vento sibilava nelle logge, sbatteva ogni tanto qualche uscio per le solitudini del castello. Un soffio più forte spalancò la finestra, portò dentro il rumore delle onde. Pareva di essere in un’altra isola incantata, di udire un altro Ariele, altre voci confuse di spiriti. Possibile che la sera prima, a quell’ora, io stessi pranzando in Galleria Vittorio Emanuele? Mi pareva un sogno, mi sentiva una vaga commozione, una inquietudine inesplicabile.

V

Il mattino dopo l’amico mio se ne andò a Comano per tempo. Io vagai lungo il lago, e prese le ‘zette dell’Imarò’ che fiancheggiano i precipizi in fondo a cui si rigira, per un bagliore di ghiaie, la Sarca verde, giunsi a veder là di fronte, fra montagna e montagna, un cucuzzolo bianco, il ghiacciaio della Tosa. A colazione ebbi con la signora Purgher un dialogo su Chieco. “Matto” diceva “ma che cuore!”. Gli aveva visto prodigare oro ai poveri come un principe e parole assai più preziose dell’oro; abbracciare una vecchia pezzente che somigliava a sua madre. Di questa lo aveva udito parlar con un fuoco che gli empiva gli occhi di luce e di lagrime. Peccato che non avesse freno nel trattare con le donne! Era un orrore per quello. La signora Purgher finì col farmi acquistare, era la sua frase, un eccellente bicchier di Isera, dopo di che mi accinsi a rabberciar le strofette melliflue del poeta B. secondo certi concetti shakesperiani espressimi la sera antecedente dall’amico Chieco.
Il pomeriggio di quel giorno e tutto il giorno appresso furono interamente occupati dai preparativi del ballo. Chieco ne parlava come lo offrisse lui questo ballo, ma in fatto non aveva offerto che la sua direzione, la sua camera, la musica e l’acqua. Le provvigioni, i fiori, i fuochi di artificio vennero, per cura della società di Comano, in parte da Comano, in parte da Trento, insieme a tre famelici musicanti, un pianista e due violinisti, che noi battezzammo Trinculo, Stefano e Calibano; Chieco ne elesse subito uno a suo gran tappezziere, un altro a suo gran facchino, il terzo a suo grande sottocuoco. Lavoravano come scimmioni goffi, istupiditi da quella novità di mestiere e di padrone, guardando costui con un comico sgomento, non osando ribellarsi né sapendo se almeno fosse loro lecito di ridere.
“Tu non fai niente, brutto straccione” mi disse Chieco “ma stasera ti cambio nome vestito e mestiere, ti sollevo a mio primo lustrascarpe e barcaiuolo. Ho fatto venire apposta un canotto da Riva”.
Gli chiesi il perché di tanto onore, ma egli non me lo volle dir subito. Dopo pranzo mi prese a braccetto e mi condusse in giardino.
“Parliamo sul serio” disse egli. “Poiché non la posso sposare io, come si fa? la devi sposare tu. Maledetti voi che siete nati uno per l’altro!”.
“Mi dirai almeno il suo nome!” interruppi ridendo. “Non ridere! Tu non sai quanto bestia io sono in questo momento e quanto stupido sei tu. Perché lei ti vorrà bene, capisci, e tu ne vorrai a lei, e io che se ci penso ti strozzerei come l’ultimo dei piccioni, te la do, te la do e che siate maledetti!”.
Ciò detto mi saltò al collo, mi baciò, mi strinse in modo che lo credetti impazzito davvero.
“Ti voglio bene, sai” disse egli “perché ci conosciamo da tanti anni, perché non scrivi musica e ti piace la mia; ma se mi amasse, tu non saresti qui. Non ridere e non domandare il suo nome. La vedrai stasera. Se non ti piace è inutile che tu ne sappia il nome. Le ho già detto che ho qui un canotto e un domestico, e che questo domestico sa remare e che ella potrà fare una corsa sul lago. Ha accettato a patto che io non venga. Andrà con te solo, dunque. E adesso, mi dai trentadue lire e settantacinque centesimi”.
Feci un atto di meraviglia.
“Oh! furfante!” esclamò Chieco. “Vuoi che l’abbia fatto venire a mie spese il canotto? Vuoi fare all’amore tu e che io paghi? Come sei ‘ragionàt’!”.
Non capivo bene, sulle prime, se scherzasse o no, ma il dubbio durò poco. Chieco voleva veramente le trentadue lire e io le sborsai, dichiarando tuttavia che in canotto non ci sarei andato poiché la sua incognita non mi tentava affatto.
“Oh” diss’egli “tu vuoi farti rendere il denaro?”.
Alle corte, dovetti promettere, per non offenderlo, di fare a suo modo, ma soggiunsi che non sarei uscito un momento dalla mia parte di barcaiuolo.

VI

Alla sera Chieco, in frac e cravatta bianca, raccolse una banda di ragazzotti, distribuì loro delle lanterne di carta e delle torce a vento, li schierò in colonna, vi collocò in mezzo i due violinisti, e, salito sull’asino di casa Purgher, si pose a capo di una bizzarra marcia alle fiaccole, in omaggio a quelli di Comano che dovevano trovarsi al ponte delle Sarche dopo le nove. I violini stridevano, Chieco zuffolava, i portafiaccole facevano un chiasso d’inferno, il terzo musicista tirava razzi dal nero culmine del castello, sul monte Cavedine sorgeva un fantasma velato di luna. Io m’imbarcai per una corsa di prova. Il canotto era un vecchio arnese pesante, troppo alto di sponde, fatto per i flutti e le collere, fluctibus et fremitu, del Garda, ben diverso dalla elegante barca inglese, che il maestro aveva a Fiumelatte; ma stava a galla, e io non desideravo di più. Approdai subito al luogo indicatomi da Chieco e vi attesi che le fiaccole e i clamori tornassero dal ponte delle Sarche. Faceva quasi freddo, l’aspettazione di questa signora che piaceva tanto a Chieco m’era sgradevole. Mi dolevo di avere scritto una certa lettera ad Antonietta, di non essere invece partito per Saint-Vincent dove ella si trovava. Le avevo scritto per chieder perdono e pace, ma la penna non aveva forse scritto come il cuore dettava, la penna aveva forse talvolta sentito il freno del maledetto orgoglio; non mi si era risposto. Perché scrivere? La febbrile visione di un incontro con Antonietta venne improvvisamente sopra di me. Era di una vivezza, e, in pari tempo, di una mobilità tormentosa. Ora Antonietta mi passava a fianco senza salutarmi, conversando e ridendo con altri, ora mi diceva un freddo ‘buon giorno’, ora il suo lungo sguardo mi correva deliziosamente le vene. Intanto i clamori e le fiaccole tornarono. Udii il fischio di Chieco. Voleva dire che la signora c’era e che mi tenessi pronto.
Ero uscito dal canotto e mi preparavo un’attitudine ossequiosa di barcaiuolo che aspetta, quando comparve Chieco tenendo a braccetto la dama avviluppata in uno scialle bianco.
“Entra, entra tu!” mi gridò il maestro. “E a posto! La signora siede a prua e al canotto gli do una spinta io.” “Presto!” soggiunse, parlando a lei. “Facciamo presto, altrimenti ci prendono!”.
Infatti si gridava dietro a loro: “Chieco! Chieco! anche noi! Dove siete, Chieco?”.
Entrai nel canotto, sedetti sul banco di mezzo voltando le spalle alla prua, e impugnai i remi. In un baleno la signora balzò dentro, il canotto fregò, saltando indietro, la sabbia. “Presto, presto!” ripeteva Chieco. “Gira, gira!”. Feci girare a tutta forza quella vecchia carcassa e la misi con quattro colpi di remo alla corsa.
Si tagliava dritto all’altra sponda, quando la dama, che non aveva ancora aperto bocca, mi disse:
“Fate il giro del castello”.
Dio mio, che dolce voce era questa? N’ebbi tronchi, per un momento, il moto, il respiro, il pensiero; era la voce ‘sua’. Appena potei, ripresi a remare a caso, immaginando febbrilmente ch’ella sapesse, che non sapesse, non osando volgere il capo, sentendo che era un momento supremo.
Ella ripetè: “Fate il giro del castello!” con una leggera impazienza, stavolta. No, no, non poteva saper niente, Chieco l’aveva ingannata come me. Obbedii; piegammo verso lo scoglio del castello, incendiato in giro dal bengala. Qualcuno gridò: “Donna Antonietta! A terra! A terra!”. Ella mi chiese allora se si potesse approdare dall’altro lato della penisola.
Esitai un poco, e risposi con voce involontariamente alterata:
“Non lo so”.
Antonietta non replicò nulla, ma subito dopo sentii il canotto piegare sul fianco destro.
Certo ell’aveva fatto un movimento, aveva cercato vedermi in viso. Anche la sua voce mi parve leggermente alterata quando soggiunse:
“Voglio tornar indietro, all’approdo”.
Pensai che mi avesse riconosciuto, che forse mi credesse complice dell’inganno. Guai se credeva questo, lei col suo carattere! Non c’era da sperar più nella pace. Voltai il canotto, silenziosamente, per ricondurla all’approdo. Ero ben risoluto di parlare ma solo quando ella fosse libera di scendere, di lasciarmi. La luna usciva brillante di sotto un nuvolone: entrai nell’ombra del muro di cinta.
“Vi sono altri forestieri qui nel castello?” chiese Antonietta colla stessa voce di prima. Eravamo a una trentina di metri dall’approdo. Non risposi. Ora avrei dovuto voltar il capo verso di lei per approdar bene. Remavo adagio, adagio, il cuore mi batteva in tutto il petto. Antonietta non ripetè la sua domanda. L’angolo del muro di cinta mi comparve a fianco, era lì che dovevo approdare. Trassi di un colpo i remi nel canotto e balzai in piedi voltandomi a lei che si rizzò in un lampo e fece l’atto di slanciarsi a terra.
“In nome di Dio” esclamai stendendole le braccia “non sapevo niente! Mi crede, mi crede? Non è possibile che non mi creda!”.
In quel punto il canotto urtò la riva. Antonietta non parlò né si mosse.
“Esci, se vuoi” proseguii tra l’angoscia e la speranza, giungendo le mani. “Proibiscimi di seguirti, di parlarti, ma credi!..”.
“Se non lo sapeva” interruppe Antonietta “perché questa commedia?”,
Saltai a lei, le afferrai una mano ch’ella né mi abbandonò, né mi tolse, le raccontai con affannosa fretta quello ch’io pensavo allora essere uno scherzo di Chieco, le parlai del mio folle orgoglio distrutto dal dolore, dell’ardente speranza che mi riprendeva, della vita mia che era in sua mano, come anche l’anima, forse! Ebbro di gioia sentii quella mano cedere, cedere; potei stringere fra le mie braccia la dolce fidanzata che nulla, neppure la morte, potrà mai più interamente dividere da me.
Mi disse che aveva creduto riconoscermi al mio primo “non lo so”, ma che n’era stata sicura solo quando non avevo risposto alla sua domanda. Vinsi così presto perché la mia lettera, arrivata a Saint-Vincent quando Antonietta n’era partita per non trovarvisi bene, l’aveva raggiunta, dopo lunghe peregrinazioni, a Comano, la mattina di quel giorno stesso. Le proposi di restare in barca, di pigliare ancora il largo. Non le parve conveniente; e neppure ch’io, mutata qualità, l’accompagnassi al ballo. Ma prima di andarsene dovette pur dirmi qualche cosa di Chieco. Egli le aveva infatti parlato di amore; trivialmente, sulle prime, a modo suo; più tardi con una serietà e una passione di cui Antonietta aveva creduto capace il violoncello, ma non l’uomo. Respinto in tutti i modi, le aveva detto male di me, scandagliando il terreno, giurando che non si sarebbe fatto alcuno scrupolo di prendere ciò che io non aveva saputo tenere. A questo punto Antonietta gli aveva chiuso la bocca con due parole asciutte cui egli dichiarò di accogliere come il “turacciolo del fiasco”, soggiungendo però che farebbe vedere alla signora chi fosse Chieco, che testa e che cuore.
“Aveva ragione” disse Antonietta abbracciandomi dopo il suo racconto. “Ci ha intesi molto bene ed è stato molto buono. Ed ora vado, sai”.
“Va va” risposi trattenendola più forte che potevo.
“Come mandi via la gente, tu!” diss’ella con una boccuccia e un accento di bambina dolente, aggiustandomi i capelli sulla fronte. Mi pose le labbra all’orecchio, mi sussurrò: “Ho piacere che siamo qui al buio, che tu non mi veda bene negli occhi, altrimenti ci tornerebbe tropp’orgoglio qui dentro!”.
Ritirò il viso, rise un poco, mi diede un bacio, saltò a terra e fuggì.
Io mi scostai dalla riva remando in fretta e, deposti quasi subito i remi, mi abbandonai all’ebbrezza che m’invadeva cuore, pensieri e sensi. Non so quanto tempo rimanessi così sdraiato sul banco del canotto, con la nuca a una sponda, i piedi all’altra, le braccia incrociate, gli occhi alla luna; so che mi scosse il fischio di Chieco. Mi rizzai e remai a terra. Egli era là, sulla riva. Quando mi vide a pochi metri mi disse: “E come si fa?”. Vi era in me una battaglia di sentimenti diversi; pure saltai subito fuori ad abbracciarlo. Io non potevo parlare, egli ripeteva: “E come si fa? Poco somigliante la fotografia! Come si fa?”. Avevamo gli occhi umidi, credo, tutt’e due.
“Povero Chieco!” diss’egli. “È stato un gran fiasco!”.
Intanto un carro s’era fermato lì vicino sulla strada e alcuni uomini vennero difilati al canotto.
“Cosa succede?” diss’io al maestro.
“Succede che la barca e io andiamo via. Mi seccava di vederti, ma ti sei andato a cacciare in mezzo al lago, bisogna bene farti venire a riva. Adesso si mette il canotto sul carro, Chieco sul canotto e Castel-t’-inchino”.
Così fu. In un attimo si caricarono il canotto e i bagagli. Nel castello ballavano e suonavano, nessuno sapeva niente, tranne la signora Purgher che credeva sognare e venne tutta commossa per un ultimo saluto. Chieco, seduto sopra un baule, non volle stringerle la mano, pretendendo che non fosse pulita; e le ordinò bruscamente di avvertire le signore e i signori che il maestro non cavaliere Chieco stava per partire e avrebbe degnato dar loro un saluto.
Si udirono presto dei passi rapidi, delle grida, delle esclamazioni, il carro fu attorniato di gente che lo voleva prender d’assalto per tirar giù a forza il maestro. Ma questi cacciò tali improperi napoletani e lombardi da fare scappar le signore e star quieti gli uomini.
“Adesso” diss’egli “o straccioni, vi saluto. Se volete poi sapere perché ne ho abbastanza di voi, ecco qua”.
Trasse il suo magico violoncello, incominciò la melodia dolcissima, appassionata, ch’è del duetto nel secondo atto della Tempesta, la troncò subito con quattro raschiate buffonesche, ripose lo strumento e gridò ‘avanti!’ I buoi si mossero, le ruote stridettero, gli uomini salutarono con la voce e il cappello, le signore col fazzoletto, due o tre giovinotti saltarono sul carro. Vedo ancora Chieco buttarli giù a calci, l’odo ancora gridar loro in segno di vittoria: “E come si fa? E come si fa?”.

François Rabelais – Gargantua e Pantagruel – Traduzione di Gildo Passini

LIBRO PIENO DI PANTAGRUELISMO

AI LETTORI,

O voi che il libro a legger v’apprestate,
Liberatevi d’ogni passione
E leggendo non vi scandalizzate,
Ché non contiene male né infezione.
Anche gli è ver che poca perfezione
V’apprenderete, salvoché nel ridere;
Non può il mio cuore senza riso vivere
E innanzi al duolo che vi mina e estingue,
Meglio è di riso che di pianto scrivere,
Ché il riso l’uom dall’animal distingue. Continue reading

Raffaello Sanzio – Como non podde dir d’arcana Dei

Como non podde dir d’arcana Dei
Paul, como disceso fu dal c[i]elo,
così el mio cor d’uno amoroso velo
ha ricoperto tuti i penser miei.

Però quanto ch’io viddi e quanto io fei
pel gaudio taccio, che nel petto celo,
ma prima cangerò nel fronte el pelo,
che mai l’obligo volga in pensi[e]r rei.

E se quello altero almo in basso cede,
vedrai che non fia a me, ma al mio gran foco,
qua più che gli altri in la fervenzia esciede.

Ma pensa ch’el mio spirto a poco a poco
el corpo lasarà, se tua mercede
socorso non li dia a tempo e loco.

Raffaello Sanzio – Lettera a Papa Leone X

Sono molti, padre beatissimo, che, misurando col loro debile giudizio le grandissime cose che delli romani, circa l’arme, e della città di Roma, circa ‘l mirabile artificio, ricchezze, ornamenti e grandezza delli edifici si scrivono, più presto estimano quelle fabulose, che vere. Ma altramente a me sòle avenire e aviene; perché, considerando dalle reliquie che ancor si veggono per le ruine di Roma la divinitade di quelli animi antichi, non estimo fòr di ragione credere che molte cose di quelle che a noi paiono impossibili, che ad essi paressero facilissime. Onde, essendo io stato assai studioso di queste tali antiquitati, e avendo posto non piccola cura in cercarle minutamente e in misurarle con diligenzia, e leggendo di continuo li buoni auctori e conferendo l’opere con le loro scripture, penso aver conseguito qualche notizia di quell’antiqua architettura. Il che in un punto mi dà grandissimo piacere, per la cognizione di tanto excellente cosa, e grandissimo dolore, vedendo quasi il cadavero di quest’alma nobile cittate, che è stata regina del mondo, così miseramente lacerato. Onde, se ad ognuno è debita la pietade verso li parenti e la patria, mi tengo obbligato di exponere tutte le mie piccole forze acioché più che si può resti viva qualche poco di imagine e quasi un’ombra di questa, che in vero è patria universale di tutti i cristiani, e per un tempo è stata nobile e potente, che già cominciavano gli uomini a credere che essa sola sotto il cielo fosse sopra la fortuna e, contra ‘l corso naturale, exempta dalla morte e per durare perpetuamente. Onde parve che ‘l tempo, come invidioso della gloria delli mortali, non confidatosi pienamente delle sue forze sole, si accordasse con la fortuna e con li profani e scelerati barbari, li quali alla edace lima e venenoso morso di quello aggiunsero l’empio furore del ferro e del fuoco; onde quelle famose opere, che oggidì più che mai sarebbono fiorenti e belle, furono dalla scelerata rabbia e crudel impeto di malvagi uomini, anzi fère, arse e distrutte; ma non però tanto che non vi restasse quasi la macchina del tutto, ma senza ornamenti, e – per dir così – l’ossa del corpo senza carne. Ma perché ci doleremo noi de’ gotti, de’ vandali e d’altri perfidi inimici del nome latino, se quelli che, come padri e tutori, dovevano difendere queste povere reliquie di Roma, essi medesimi hanno atteso con ogni studio lungamente a distrugerle e a spegnerle? Quanti pontefici, padre santo, quali avevano il medesimo officio che ha Vostra Santità, ma non già il medesimo sapere, né ‘l medesimo valore e grandezza d’animo, quanti – dico – pontefici hanno permesso le ruine e disfacimenti delli templi antichi, delle statue, delli archi e altri edifici, gloria delli lor fondatori? Quanti hanno comportato che, solamente per pigliare terra pozzolana, si siano scavati i fondamenti, onde in poco tempo poi li edifici sono venuti a terra? Quanta calcina si è fatta di statue e d’altri ornamenti antichi? che ardirei dire che questa nova Roma, che òr si vede, quanto grande ch’ella vi sia, quanto bella, quanto ornata di palazzi, di chiese e di altri edifici, sia fabricata di calcina fatta di marmi antichi. Né senza molta compassione posso io ricordarmi che, poi ch’io sono in Roma, che ancor non sono dodici anni son state ruinate molte cose belle, come la meta ch’era nella via Alexandrina, l’arco che era alla entrata delle terme diocleziane et el tempio di Cerere nella via Sacra, una parte del foro Transitorio, che pochi dì sono fu arsa e distrutta, e de li marmi fattone calcina, ruinata la magior parte della basilica del foro… oltra di questo, tante colonne rotte e fesse pel mezzo, tanti architravi, tanti belli fregi spezzati, che è stato pur una infamia di questi tempi l’averlo sostenuto e che si potria dire veramente ch’Annibale non che altri fariano pio. Non debbe adunche, padre santo, esser tra gli ultimi pensieri di Vostra Santità lo aver cura che quello poco che resta di questa antica madre della gloria e nome italiano, per testimonio di quelli animi divini, che pur talor con la memoria loro excitano e destano alle virtù li spiriti che oggidì sono tra noi, non sia extirpato in tutto e guasto dalli maligni e ignoranti, che purtroppo si sono insino a qui fatte ingiurie a quelli animi che col sangue loro parturirono tanta gloria al mondo e a questa patria e a noi; ma più presto cerchi Vostra Santità, lassando vivo el paragone de li antichi, aguagliarli e superarli, come ben fa con magni edifici, col nutrire e favorire le virtuti, e risvegliare gl’ingegni, dar premio alle virtuose fatiche, spargendo el santissimo seme della pace tra li prìncipi cristiani. Perché, come dalla calamitate della guerra nasce la destruzione, ruina di tutte le discipline e arti, così dalla pace e concordia nasce la felicitate a’ popoli e aggiunge al colmo della excellenzia. Come pur per il divino consiglio e auctorità di Vostra Santità speriamo tutti che s’abbia a pervenire al secol nostro; e questo è lo esser veramente pastore clementissimo, anzi padre optimo di tutto il mondo.
Ma, per ritornare a dir di quello che poco avanti ho tocco, dico che, avendomi Vostra Santità comandato che io ponessi in disegno Roma antica, quanto cognoscier si può per quello, che oggidì si vede, con gli edifici, che di sé dimostrano tal reliquie, che per vero argumento si possono infallibilmente ridurre nel termine proprio come stavano, facendo quelli membri, che sono in tutto ruinati né si veggono punto, corrispondenti a quelli che restano in piedi e si veggono. Per il che ho usato ogni diligenzia a me stata possibile, acioché l’animo di Vostra Santità e di tutti gli altri che si diletteranno di questa nostra fatica, restino senza confusione ben satisfatti. E, ben ch’io abbia cavato da molti auctori latini quello ch’io intendo di dimostrare, tra gli altri nondimeno ho principalmente seguitato P. Victore, el qual, per esser stato degli ultimi, può dar più particular notizia delle ultime cose, non pretermettendo ancor le antiche, e vedesi che concorda nel scriver le «regioni» con alcuni marmi antichi nelli quali medesimamente son descripte.
E perché ad alcuno potrebbe parere che difficil fosse el cognosciere li edificî antiqui dalli moderni, o li più antichi dalli meno antichi, per non lassar dubbio alcuno nella mente di chi vorrà aver questa cognizione, dico che questo con poca fatica far si può. Perché di tre maniere di edificî solamente si ritrovano in Roma, delle quali la una è di que buoni antichi, che durarono dalli primi imperatori sino al tempo che Roma fu ruinata e guasta dalli gotti e da altri barbari; l’altra durò tanto che Roma fu dominata da’ gotti e ancora cento anni di poi; l’altra, da quel tempo sino alli tempi nostri. Li edifici adunque moderni sono notissimi, sì per esser novi, come per non essere ancora in tutto giunti né alla excellenzia, né a quella immensa spesa che nelli antichi si vede e considera. Ché, avegna che a’ dì nostri l’architettura sia molto svegliata e venuta assai proxima alla maniera delli antichi, come si vede per molte belle opere di Bramante, niente di meno li ornamenti non sono di materia tanto preziosa come li antichi, che con infinita spesa par che mettessero ad effetto ciò che imaginarno e che solo el volere rompesse ogni difficultate. Li edifici, poi, del tempo delli gotti sono talmente privi d’ogni grazia, senza maniera alcuna, dissimili dalli antichi e dalli moderni. Non è adunque difficile cognoscere quelli del tempo delli imperatori, li quali son li più excellenti e fatti con più bella maniera e magior spesa e arte di tutti gli altri. E questi soli intendiamo di dimostrare, né bisogna che nell’animo di alcuno nasca dubbio che, tra li edifici antiqui, li meno antichi fossero men belli, o men bene intesi, o d’altra maniera. Perché tutti erano d’una ragione. E, benché molte volte molti edificî dalli medesimi antichi fossero ristaurati, come si legge che nel medesimo luoco dov’era la casa Aurea di Nerone di poi furono edificate le terme di Tito e la sua casa e l’anfiteatro, niente di meno erano facti con la medesima maniera e ragione che gli altri edifici ancor più antichi che ‘l tempo di Nerone e coetanei della casa Aurea. E, benché le lettere, la scultura, la pittura e quasi tutte l’altre arti fossero lungamente ite in declinazione, e peggiorando fino al tempo degli ultimi imperatori, pur l’architettura si osservava e manteneasi con bona ragione, et edificavasi con la medesima maniera che prima: e fu questa, tra le altre arti, l’ultima che si perse, e questo cognoscer si può da molte cose e, tra l’altre, da l’arco di Costantino, il componimento del quale è bello e ben fatto in tutto quel che appartiene all’architettura, ma le sculture del medesimo arco sono sciocchissime, senza arte o disegno alcuno buono. Quelle che vi sono delle spoglie di Traiano e di Antonino Pio sono excellentissime e di perfetta maniera. Il simile si vede nelle terme diocleziane. ché le sculture del tempo suo sono di malissima maniera e mal fatte, e le reliquie di pittura che si veggono non hanno che fare con quelle del tempo di Traiano e di Tito. E pur l’architectura è nobile e ben intesa. Ma, poiché Roma in tutto dalli barbari fu ruinata, arsa e distrutta, parve che quello incendio e quella misera ruina ardesse e ruinasse, insieme con li edifici, ancora l’arte dello edificare. Onde, essendosi tanto mutata la fortuna de’ romani e succedendo, in luoco delle infinite vittorie e trionfi, la calamitate e la miseria della servitù, come non si convenisse a quelli, che già subiugati e facti servi altrui, abitar di quel modo e con quella grandezza che facevano quando essi aveano sugiogati li barbari, subito – con la fortuna – si mutò el modo dello edificare e abitare, e apparve uno extremo tanto lontano da l’altro, quanto è la servitute dalla libertate; e ridusse a maniera conforme alla sua miseria, senza arte, o misura, o grazia alcuna, e parve che gli uomini di quel tempo insieme con l’imperio perdessero tutto lo ingegno e l’arte, e fèrnosi tanto ignoranti, che non seppero far pur li mattoni cotti, non che altra sorte di ornamenti, e scrustavano li muri antiqui per tòrne le pietre cotte e, in piccioli quadretti riducendo li marmi, con essi muravano, dividendo con quella mistura le parete, come or si vede nella torre che si chiama delle Milizie. E così per bon spazio di tempo seguitorno con quella ignoranzia che in tutte quelle cose del lor tempo si vede, e parve che non solamente in Italia venisse questa atroce e crudel procella di guerra e di distruzione, ma si distendesse ancora in Grecia, dove già furono gl’inventori e li perfetti maestri di tutte l’arti, onde ancor là nacque una maniera di pittura e di scultura e architectura pessima e di niuno valore. Cominciossi di poi quasi per tutto a surgere la maniera dell’architettura tedesca che, come ancor si vede nelli ornamenti, è lontanissima dalla bella maniera delli romani e antichi, li quali – oltra la macchina di tutto lo edificio – aveano bellissime le cornice, li fregi e gli architravi, le colonne e i capitelli e le base, e insomma. tutti gli altri ornamenti di perfetta e bellissima maniera. E li tedeschi, la maniera delli quali in molti luoghi ancor dura, spesso per ornamento pongono un qualche figurino ranicchiato mal fatto, peggio inteso per mensola, a sostenere un travo, e altri strani animali e figure e fogliami fuor d’ogni ragione. Pur, questa architectura ebbe qualche ragione però che nacque dalli arbori non ancor tagliati, alli quali, piegati li rami e rilegati insieme, fanno li lor terzi acuti. E, benché questa origine non sia in tutto da sprezzare, pur è debile, perché molto più reggerebono le capanne fatte di travi incatenati, e posti a uso di colonne con li colmi loro e coprimenti, come descrive Victruvio della origine dell’opera dorica, che li terzi acuti, li quali hanno dui centri: e però ancora molto più sostiene, secondo la ragione matematica, un mezzo tondo, il quale ogni sua linea tira ad un sol centro; e, oltra la debolezza, el terzo acuto non ha quella grazia all’occhio nostro, al qual piace la perfeczione del circulo: e vedesi che la natura non cerca quasi altra forma. Ma non è necessario parlar dell’architectura romana, per farne paragone con la barbara, perché la differenzia è notissima; né ancor per discrivere l’ordine suo, essendone già tanto excellentemente scripto per Victruvio. Basti adunque sapere che li edificî di Roma insino al tempo degl’ultimi imperatori furno sempre edificati con bona ragione di architectura e però concordavano con li più antiqui, onde difficultà alcuna non è di discernergli da quelli che furono al tempo delli gotti e ancora molti anni da poi, perché furono questi quasi dui extremi direttamente oppositi; né ancor dalli nostri moderni, se non altro, almeno per la novità che li fa notissimi.
Avendo adunque abastanza dichiarato quali edificî antiqui di Roma sono quelli che noi vogliamo dimostrare, e ancora come facil cosa sia cognoscere quelli dalli altri, resta ad insegnare il modo che noi avemo tenuto in misurarli e disegnarli, acioché chi vorrà attendere alla architectura sappia operar l’uno e l’altro senza errore. E cognosca noi, nella discripzione di questa opera, non esserci governati a caso e per sola pratica, ma con vera ragione. E, per non aver io insino a mo veduto scritto, né inteso che sia apresso alcuno antico el modo di misurare con la bussola della calamita, el quale modo noi usiamo, estimo che sia invenzione de’ moderni, però parmi bene insegnar con diligenzia l’operarla a chi non sapesse. Farassi adunque uno istrumento tondo e piano, come uno astrolabio, el diametro del quale sarà dui palmi, o più o meno, come piace a chi vòle operare. E la circonferenzia di questo instrumento partiremo in otto parti giuste, e a ciascuna di quelle parti poremo el nome d’un degli otto vènti, dividendoli in trentadue altre parti piccole, che si chiamarano gradi, così dal grado di tramontana tireremo una linea dritta per mezzo il centro dello instrumento fino alla circumferenzia, e questa linea all’opposito del primo grado di tramontana farà el primo di ostro. Medesimamente tireremo pur dalla circumferenzia un’altra linea, la qual, passando per el centro, intersecherà la linea di ostro e di tramontana e farà intorno al centro quattro angoli retti, e in un lato della circumferenzia signerà il primo grado di levante e, nell’altro, il primo di ponente. Così, tra queste linee, che fanno li supradetti quattro vènti principali, resterà el spazio delli altri quattro vènti collaterali, che sono greco. lybeccio, maestro e syroco. E questi si discriveranno con li medesimi gradi e modi che si è detto delli altri. Facto così, nel punto del centro, dove si intersecano le linee, conficaremo un umbilico di ferro, come un chiodetto, dirittissimo e acuto, e sopra questo si metta la calamita in bilancia, come si usa di fare nelli orioli del sole che tutto dì veggiamo. Di poi chiuderemo questo luoco della calamita con un vetro, overo con un corno subtilissimo e trasparente, ma in modo che non tocchi, per non impedire el moto di quella, e acioché non sia sforzata dal vento. Dippoi, per mezzo del instrumento, come diametro manderemo un indice, el qual serà sempre dimostrativo, non solamente delli appositi vènti, ma ancora delli gradi, come l’armille nello astrolabio, e questo si chiamerà «traguardo», e serà acconcio di modo che si poterà volgere intorno, stante fermo el resto dello instrumento. Con questo, adunque, misuraremo ogni sorte di edificio di che forma si sia: o tondo, o quadro, o con strani angoli e svolgimenti quanto si voglia. E il modo è tale che, nel luoco che si vòle misurare, si ponga lo instrumento ben piano, acioché la calamita vadi al suo dritto e se acosti a quella parete, che si vuol misurare, quanto comporta la circumferenzia dello instrumento. E questo si vadi volgendo tanto che la calamita sii giusta verso el vento signato per tramontana, e come è ben fermata a questo verso, si indirizzi el traguardo con una regola di legno, o di ottone, giusto a filo di quella parete, o strata, o altra cosa che si voglia misurare, lassando lo instrumento fermo, acioché la calamita servi el suo dritto verso tramontana. Di poi guardisi a qual vento e a quanti gradi volta per dritta linea quella parete, la quale misurerassi con la canna, o cubito, o palmo, fino a quel termine che ‘l traguardo porta per dritta linea, e questo numero si noti: cioè tanti cubiti, a tanti gradi di ostro, o syroco, o qual si sia. Dippoi che ‘l traguardo non serve più, per dritta linea devesi alor svolgerlo, cominciando l’altra linea, che si ha a misurare, dove termina la misurata; e così, indrizandolo a quella, medesimamente notar li gradi del vento e ‘l numer delle misure, fin tanto che si circuisca tutto lo edificio. E questo pensiamo che basti, quanto al misurare, benché bisogna intendere le altezze, le quali facilmente si misurano col quadrante, e li edifici tondi, el centro delli quali si ritrova da ogni minima parte del suo circulo, come insegna Euclide nel terzo.
Avendo misurato di quel modo che si è dicto, e notate le misure e prospecti – cioè tante canne, o palmi, a tanti gradi di tal vento -, per disegnar poi bene el tutto è oportuno aver una carta della forma e misura propria della bussola della calamita, e partita apunto di quel medesimo modo, con li medesimi gradi delli vènti, della qual si può l’uom servire, come io dimostrarò. Piglisi adunque la carta sopra la qual si vòl dissegnare lo edificio misurato. E primamente si tiri sopra essa una linea, la quale serva quasi per una maestra al dritto di tramontana; poi se gli sovraponga la carta dove è disegnato lo exemplar della bussola con la qual si misura, e indrizzisi di modo che la linea di tramontana nel exemplare dissegnata se congiunga con la linea che è tirata nella carta ove si vòl dissegnar lo edificio. Di poi guardisi, nella cosa misurata, el numero delli piedi notatovi misurando e li gradi di quel vento verso el qual è indrizato el muro, o la via, che si vòl disegnare, e così trovisi el medesimo grado di quel vento nel exemplar della bussola dissegnata, tenendolo fermo con la linea di tramontana sopra l’altra linea descripta nella carta, e tirisi la linea di quel grado, dritta che passi per el centro dello exemplar dissegnato, e discrivasi nella carta dove si vòl dissegnare. Di poi si riguardi quanti piedi furono traguardati pel dritto di quel grado, e tanti se ne segnino con la misura delli piccoli piedi su la linea di quel grado. E se, verbigrazia, s’intraguardi in un muro piedi trenta a gradi sei di levante, misurinsi piedi trenta e segninsi. E così di mano in mano, di modo che, con la pratica, si farà una facilitate grandissima; e sarà, questa, quasi un disegno della pianta, e un memorial per dissegnar tutto il resto.
E perché el modo del dissegnar che più si appartiene allo architecto è differente da quel del pittore, dirò qual mi pare conveniente per intendere tutte le misure e sapere trovare tutti li membri delli edifici senza errore. El dissegno adunque delli edificî pertenente al architecto si divide in tre parti, delle quali la prima si è la pianta, o – vogliam dire – el dissegno piano; la seconda si è la parete di fuora, con li suoi ornamenti; la terza è la parete di dentro, pur con li suoi ornamenti. La pianta si è quella che comparte tutto el spazio piano del luoco da edificare, o voglio dir – el dissegno del fondamento di tutto lo edificio, quando già è rasente al pian della terra. E quel spazio, bench’el fosse in monte, bisogna ridurlo in piano, e far che la linea della base del monte piana e posta in piano sia parallela a tutti li piani dello edificio, e per questo si deve pigliare la linea dritta della base del monte, e non la curvità dell’altezza, di modo che sopra quella caggiano in piombo e in perpendicolo tutti li muri dello edificio, e chiamasi questo disegno – come è dicto – «pianta»; quasi che così questa pianta occupi el spazio del fondamento di tutto lo edificio, come la pianta del piede occupa quel spazio che è fondamento di tutto il corpo. Dissegnato che sia la pianta e compartita con li suoi membri con le larghezze loro, o in tondo, o in quadro, o quel altra forma si sia, devesi tirare, misurando sempre con la piccola misura el tutto, una linea della larghezza della base di tutto lo edificio, e dal punto di mezzo di questa, tirata un’altra linea dritta, la quale faccia da l’un canto e dall’altro dui angoli retti, in questa sia la linea del mezzo dello edificio. Dalle due extremitati della linea della larghezza tirinsi due linee parallele perpendiculari sopra la linea della base, e queste due linee siano alte quanto ha da essere lo edificio, ché in tal modo faranno l’altezza dello edificio. Di poi tra queste due linee extreme, che fanno l’altezza, si pigli la misura delle colonne, detti pilastri, delle finestre e degli altri ornamenti dissegnati nella metà dinante della pianta dello edificio; e faciasi el tutto sempre tirando, da ciascun punto delle extremitate delle colonne, pilastri, vani, o ciò che si siano, linee parallele da quelle due extreme. E di poi per el traverso si ponga l’altezza della base delle colonne, delli capitelli, delli architravi delle finestre, fregi, cornice, e tal cose. E questo tutto si faccia con linee parallele della linea del piano dello edificio. E in tali disegni non si diminuisca nella extremitate, ancora che lo edificio fosse tondo, né ancora se fosse quadro, per farli mostrare, due faccie. Perché lo architecto, dalla linea diminuita, non può pigliare alcuna giusta misura, el che è necessario a tal artificio, che ricerca tutte le misure perfette in facto, e tirate con linee parallele, non con quelle che paiono, e non sono; e, se le misure fatte talor sopra pianta di forma tonda scórtano, over diminuiscano, sùbito si trovano nel dissegno della pianta, e quelle che scórtano nella pianta, come vôlte, archi, triangoli, sono poi perfette nelli suoi dritti disegni. E, per questo, è sempre bisogno aver pronte e apparecchiate le misure giuste di palmi, piedi, diti e grani, fino alle sue parti minime. La terza parte di questo dissegno si è quella che avemo dicto e chiamata «parete di dentro», con li suoi ornamenti. E questa è necessaria non meno che l’altre due, et è fatta medesimamente dalla pianta con le linee parallele, come la parete di fòra; e dimostra la metà dello edifico di dentro, come se fosse diviso per mezzo: dimostra il cortile, la conrespondenzia dell’altezza della cornice di fòra con le cose di dentro, l’altezza delle finestre, delle porte, delli archi e delle vôlte, o a botte, o cruciera, o che altra foggia si siano. In somma, con questi tre ordini – over modi – si possono considerare minutamente tutte le parti d’ogni edificio, dentro e di fòra.
E questa via avemo seguitata e tenuta noi, come si vederà nel progresso di tutta questa nostra opera. E, acioché più chiaramente ancora si intenda, avemo posto qui di sotto in disegno un solo edificio dissegnato in tutti tre questi modi.

E, per satisfare ancor più compitamente al dessiderio di quelli che amano di vedere e comprendere bene tutte le cose che saranno dissegnate, avemo – oltre li tre modi di architettura proposti e sopra ditti – dissegnato ancora in prospettiva alcuni edificî li quali a noi è paruto che così ricerchino accioché gli occhi possino vedere e giudicare la grazia di quella similitudine che se gli appresenta per la bella proporzione e simetria delli edifici, il che non apar nel dissegno di quelli che son misurati architecticamente. Perché la grossezza de’ corpi non si può dimostrare in un piano, se quelle parti che si hanno da veder più lontane non diminuiscano con proporzione secondo che l’occhio naturalmente vede, il qual manda li raggi in forma di piramide e nell’obiecto aplica la base e in sé retiene lo angolo della summità secondo il qual vede; però, quanto l’angolo è minore, tanto l’obbiecto veduto par minore, e così più alto e più basso, dextro e sinistro, secondo l’angolo.
E, per mettere nella parete diritta un piano sopra il quale le cose più lontane si vegghino minori con la debita proporzione, bisogna intersecare li raggi pyramidali delli occhi nostri con una linea equidistante da esso occhio, perché così si vede naturalmente, e dalli punti dove questa linea interseca li raggi si coglie misura giusta del… con quella proporzione e intervallo che fa parere li obietti che si veggono lontani più o meno, secondo la distanzia che ‘l pittore, over prospettivo, vòl dimostrare. Così noi questa ragione e le altre necessarie alla prospectiva avemo observate nelli disegni che lo ricercavano, rimettendo le misure architectiche alli altri tre primi, con li quali sarebbe impossibile, o – almeno – difficilissimo, ridurre tal cose nelle proprie forme, che misurar si potessero, benché in effetto la ragione delle misure pur vediamo. E, benché questo modo di dissegno in prospettiva sia proprio del pittore, è però conveniente ancora al architecto.
Perché, come al pictore convien la notizia della architettura per saper far li ornamenti ben misurati e con la lor proporzione, così all’architecto si ricerca saper la prospettiva perché con quella exercitazione meglio immagina tutto l’edificio fornito con li suoi ornamenti.
De’ quali non occorre dir altro, se non che tutti derivano dalli cinque ordini che usavano li antiqui: cioè dorico, jonico, corinto, toscano e attico; e di tutti il dorico è il più antico, il qual fu trovato da Doro, re di Acaia, edificando in Argo un tempio a Junone; di poi in Jonia, facendosi il tempio di Apolline misurando le colonne doriche con la proporzione del omo, onde servò simetria e fermezza e bella misura, senza altri ornamenti. Ma nel tempio di Diana mutarno forma, ordinando le colonne con la misura e proporzione della donna, e con molti ornamenti nelli capitelli e nelle basi e in tutto il tronco, over scapo, ad imitazione di feminile statura lo composero. E questo chiamaron «jonico»; ma quelle che si chiamano «corinzie» sono più svelte e più delicate, e fatte ad imitazione della gracilità e sottigliezza virginale, e fu d’esse inventore Calimaco in Corinto, onde si chiamano «corinzie». Della origine delle quali e forma scrive difusamente Victruvio, al qual rimettemo chi vorrà averne maggior notizia. Noi, secondo che occurrerà, dichiareremo li ordini di tacce presuponendo le cose di Victruvio.
Sono ancora due altre opere, oltra le tre dicte: cioè attica e toscana, le quali non furon però molto usate dalli antichi. L’attica ha le colonne fatte a quattro facce; la toscana è assai simile alla dorica, come si vederà nel progresso di quello che noi intendemo fare e mostrare. E troverannosi ancora molti edifici composti di più maniere, come di jonica e corinzia, dorica e corinzia, toscana e dorica, secondo che più parse meglio a l’artefice per concordar li edifici apropriati alla loro intenzione, e maxime nelli templi.

Raffaello Sanzio – Lettera al Castiglione

Signor conte.
Ho fatto disegni in più maniere sopra l’invenzione di Vostra Signoria e sodisfaccio a tutti, se tutti non mi sono adulatori, ma non sodisfaccio al mio giudicio, perché temo di non sodisfare al vostro. Ve gli mando. Vostra Signoria faccia eletta d’alcuno, se alcuno sarà da Lei stimato degno. Nostro signore con l’onorarmi m’ha messo un gran peso sopra le spalle. Questo è la cura della fabrica di San Pietro. Spero bene di non cadervici sotto, e tanto più quanto il modello ch’io n’ho fatto piace a Sua Santità, ed è lodato da molti belli ingegni. Ma io mi levo col pensiero più alto. Vorrei trovar le belle forme degli edifici antichi, né so se il volo sarà d’Icaro. Me ne porge una gran luce Vitruvio, ma non tanto che basti. Della Galatea mi terrei un gran maestro, se vi fossero la metà delle tante cose che Vostra Signoria mi scrive; ma nelle sue parole riconosco l’amore che mi porta, e le dico che, per dipingere una bella, mi bisogneria veder più belle, con questa condizione: che Vostra Signoria si trovasse meco a far scelta del meglio Ma, essendo carestia e di buoni giudici e di belle donne, io mi servo di certa idea che mi viene nella mente. Se questa ha in sé alcuna eccellenza d’arte, io non so; ben m’affatico di averla. Vostra Signoria mi comandi.
Di Roma.

Gonzalo de Berceo – El Clérigo simple

Era un simple clérigo   pobre de clerecía
dicié cutiano missa   de la Sancta María;
non sabié decir otra,   diciéla cada día,
más la sabié por uso   que por sabiduría.

Fo est missacantano   al bispo acusado,
que era idïota,   mal clérigo provado;
Salve Sancta Parens   sólo tenié usado,
non sabié otra missa   el torpe embargado.

Fo durament movido   el Obispo a sanna,
dicié: «Nunqua de preste   oí atal hazanna.»
Disso: «Diçit al fijo   de la mala putanna
que venga ante mí,   no lo pare por manna.»

Vino ante el obispo   el preste peccador,
avié con el grand miedo   perdida la color,
non podíe de vergüenza   catar contra’l sennor,
nunqua fo el mesquino   en tan mala sudor.

Díssoli el obispo:   «Preste, dime la verdat,
si es tal como dizen   la tu necïedat.»
Díssoli el buen omne:   «Sennor, por caridat,
si disiesse que non,   dizría falsedat».

Díssoli el obispo:   «Quando non as cïencia
de cantar otra missa,   nin as sen nin potencia,
viédote que non cantes,   métote en sentencia,
vivi como merezes   por otra agudencia.»

Fo el preste su vía   triste e dessarrado,
avié muy grand vergüenza,   el danno muy granado;
tornó en la Gloriosa,   ploroso e quesado,
que li diesse consejo   ca era aterrado.

La madre pïadosa   que nunqua falleció
a qui de corazón   a piedes li cadió,
el ruego del su clérigo   luego gelo udió:
no lo metió por plazo,   luego li acorrió.

La Virgo glorïosa,   madre sin dición,
aparecio’l al obispo   luego en visïón;
díxoli fuertes dichos,   un brabiello sermón,
descubrióli en ello   todo su corazón.

Díxoli brabamientre:   «Don Obispo lozano,
¿contra mí por qué fust   tan fuert e tan villano?
Yo nunqua te tollí   valía de un grano,
e tú ásme tollido   a mí un capellano.

»El que a mí cantava   la missa cada día,
tú tovist que facié   yerro de eresía;
judguéstilo por bestia   e por cosa radía,
tollisteli la orden   de la capellanía.

»Si tú no li mandares   decir la missa mía
como solié decirla,   grand querella avría,
e tú serás finado   hasta el trenteno día,
¡Desend verás qué vale   la sanna de María!»

Fo con estas menazas   el bispo espantado,
mandó envïar luego   por el preste vedado;
rogó’l que’l perdonasse   lo que avié errado,
ca fo él en su pleito   durament engannado.

Mandólo que cantasse   como solié cantar,
fuesse de la Gloriosa   siervo del su altar;
si algo li menguasse   en vestir o calzar,
él gelo mandarié   del suyo mismo dar.

Tornó el omne bueno   en su capellanía,
sirvió a la Gloriosa,   madre Sancta María;
finó en su oficio   de fin qual yo querría,
fue la alma a gloria,   a la dulz cofradía.

Non podriemos nos tanto   escrivir nin rezar,
aun porque podiéssemos   muchos annos durar,
que los diezmos miraclos   podiéssemos contar,
los que por la Gloriosa   denna Dios demostrar.

Soneto a Cristo crucificado

No me mueve, mi Dios, para quererte
el cielo que me tienes prometido,
ni me mueve el infierno tan temido
para dejar por eso de ofenderte.

Tú me mueves, Señor, muéveme el verte
clavado en una cruz y escarnecido,
muéveme ver tu cuerpo tan herido,
muévenme tus afrentas y tu muerte.

Muéveme, en fin, tu amor, y en tal manera,
que aunque no hubiera cielo, yo te amara,
y aunque no hubiera infierno, te temiera.

No me tienes que dar porque te quiera,
pues aunque lo que espero no esperara,
lo mismo que te quiero te quisiera.

Romance de Doña Urraca

¡Rey don Sancho, rey don Sancho,   ya que te apuntan las barbas,
quien te las vido nacer   no te las verá logradas!

Don Fernando apenas muerto,    Sancho a Zamora cercaba,
de un cabo la cerca el rey,   del otro el Cid la apremiaba.
Del cabo que el rey la cerca   Zamora no se da nada;
del cabo que el Cid la aqueja   Zamora ya se tomaba;
corren las aguas del Duero   tintas en sangre cristiana.
Habló el viejo Arias Gonzalo,   el ayo de doña Urraca:
—Vámonos, hija, a los moros   dejad a Zamora salva,
pues vuestro hermano y el Cid   tan mal os desheredaban.

Doña Urraca en tanta cuita   se asomaba a la muralla,
y desde una torre mocha   el campo del Cid miraba.