Edmondo De Amicis – Sangue Romagnolo – Lettura di Valerio Di Stefano – Audiobook – MP3

Quella sera la casa di Ferruccio era più quieta del solito. Il padre, che teneva una piccola bottega di merciaiolo, era andato a Forlì a far delle compere, e sua moglie l’aveva accompagnato con Luigina, una bimba, per portarla da un medico, che doveva operarle un occhio malato; e non dovevano ritornare che la mattina dopo. Mancava poco alla mezzanotte. La donna che veniva a far dei servizi di giorno se n’era andata sull’imbrunire. In casa non rimaneva che la nonna, paralitica delle gambe, e Ferruccio, un ragazzo di tredici anni. Era una casetta col solo piano terreno, posta sullo stradone, a un tiro di fucile da un villaggio, poco lontano da Forlì, città di Romagna; e non aveva accanto che una casa disabitata, rovinata due mesi innanzi da un incendio, sulla quale si vedeva ancora l’insegna d’un’osteria. Dietro la casetta c’era un piccolo orto circondato da una siepe, sul quale dava una porticina rustica; la porta della bottega, che serviva anche da porta di casa, s’apriva sullo stradone. Tutt’intorno si stendeva la campagna solitaria, vasti campi lavorati, piantati di gelsi.

Filename Size Date
SANGUE ROMAGNOLO.aac 10,657,390   8/15/12  11:13 am
SANGUE ROMAGNOLO.m4a 7,903,250   8/15/12  11:14 am
 
12,607,905   8/15/12  11:03 am
SANGUE ROMAGNOLO.ogg 10,985,237   8/15/12  10:05 am
SANGUE ROMAGNOLO.wma 19,702,940   8/15/12  11:04 am

Ascoltabile anche attraverso il nostro lettore virtuale di MP3:

Giovanni Verga – Cavalleria Rusticana – Lettura di Valerio Di Stefano – Audiobook – MP3


Turiddu Macca, il figlio della gnà Nunzia, come tornò da fare il soldato, ogni domenica si pavoneggiava in piazza coll’uniforme da bersagliere e il berretto rosso, che sembrava quella della buona ventura, quando mette su banco colla gabbia dei canarini. Le ragazze se lo rubavano cogli occhi, mentre andavano a messa col naso dentro la mantellina, e i monelli gli ronzavano attorno come le mosche. Egli aveva portato anche una pipa col re a cavallo che pareva vivo, e accendeva gli zolfanelli sul dietro dei calzoni, levando la gamba, come se desse una pedata.

Filename Size Date
cavalleria.aac 9,707,316   8/16/12  1:37 pm
cavalleria.m4a 9,824,620   8/16/12  1:38 pm
 
22,852,641   8/16/12  1:35 pm
cavalleria.ogg 10,402,057   8/16/12  11:32 am
cavalleria.wma 17,856,540   8/16/12  1:36 pm

(C) 2012 – Valerio Di Stefano – Tutti i diritti riservati

Ascoltabile anche attraverso il nostro lettore virtuale di MP3: