ASIA/INDONESIA – Leader religiosi in corteo per difendere le montagne di Kendeng dall’industria del cemento

Semarang – “Preghiamo per la conservazione delle nostre montagne. Che Dio benedica la terra che ci ha dato. Se l’umanità ne abusa, la natura si danneggerà e la nostra acqua diverrà avvelenata. La nostra gente non potrà più fare il bagno nei fiumi e gli agricoltori non potranno irrigare i campi. La vita di intere comunità e un delicato ecosistema sarà distrutto”: è quanto dichiara a Fides p. Aloys Budi Purnomo, presidente della Commissione per gli affari ecumenici e interreligiosi dell’Arcidiocesi di Semarang, che ha accompagnato un corteo organizzato insieme con altri leader religiosi, studenti, ambientalisti e artisti, fino al palazzo del Governatore della provincia di Giava centrale, a Semarang. Il corteo interreligioso è stato intessuto da letture di poesie, canti e preghiere delle diverse rispettive tradizioni religiose.
Come riferito a Fides da Lukas Ali Tristanto, segretario della Commissione diocesana per gli affari ecumenici e interreligiosi, la Chiesa locale ha a cuore il bene della provincia di Giava Centrale: per questo p. Budi Purnomo ha invitato tutte le persone di buona volontà, di ogni religione, a radunarsi e pregare per la difesa dell’ambiente e per segnalare al governatore il pericolo che si prospetta. Quello che si chiede è “attuare la decisione della Corte Suprema di revocare il permesso della creazione di una industria del cemento a Rembang”. Il governatore Ganjar Pranowo, infatti, invece di cancellare il permesso per la costruzione di uno stabilimento industriale dell’industria Semen Indonesia, ha semplicemente emesso un’ordinanza sul rispetto ambientale.
Secondo il leader musulmano Nuril Arifin Husein, della scuola islamica di Pondok, il governatore di Giava Centrale “dovrebbe accogliere le istanze del popolo e revocare il permesso, in particolare dopo che la Corte Suprema ha legittimato la richiesta di rifiutare i cementifici per tutelare la natura”. L’imam Aziz dell’organizzazione islamica “Nahdlatul Ulama” ha rimarcato che “Kendeng non è semplicemente una montagna antichissima, ma un ambiente dove vivono persone, culture e civiltà. Pertanto, non si può lasciare quel prezioso habitat in mano a businessmen del cemento”
La catena di Kendung è composta da montagne carsiche che si estendono in tutta la parte settentrionale centrala dell’isola di Giava. La richiesta intende tutelare, prima di tutto, il “diritto all’acqua” e il bacino delle acque sotterranee di Watu Putih che ospita le fonti di acqua pulita, utilizzata per l’irrigazione da centinaia di migliaia di agricoltori a Rembang e Tuban. Secondo i geologi, nel bacino carsico ci sono almeno 77 grotte, 154 sorgenti, 15 doline e 4 fiumi sotterranei: un sistema che verrebbe compromesso dagli scarti degli impianti industriali.
“La campagna delle associazioni della società civile e delle comunità religiose ha influenzato le decisioni giudiziarie e la politica, dimostrando che il governo è chiamato a muoversi con cautela sulle questioni ambientali” ha commentato Mimin Dwi Hartono, membro della National Commission for Human Rights dell’Indonesia.
Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 2 times, 2 visits today)

Oggi question time con i ministri Finocchiaro, Pinotti, Martina, Alfano e Delrio

Si svolgerà oggi, mercoledì 18 gennaio alle 15, il question time trasmesso dalla Rai in diretta televisiva dall’Aula di Montecitorio.

La ministra per i rapporti con il Parlamento, Anna Finocchiaro, risponderà a interrogazioni sulla gestione da parte della Protezione civile delle donazioni in favore delle popolazioni del centro Italia colpite da eventi sismici; sulle notizie relative all’ipotesi di una manovra correttiva a seguito di rilievi avanzati dalla Commissione europea; sulle iniziative volte a rafforzare la tutela degli asset strategici del nostro Paese.

La ministra della Difesa, Roberta Pinotti, risponderà ad interrogazioni sulla vicenda del pilota Mario Ciancarella e alla restituzione al medesimo del grado e dell’onore militare; sugli sviluppi del contesto in cui operano i militari italiani nella regione libica della Tripolitana.

Il ministro delle Politiche agricole e forestali, Maurizio Martina, risponderà ad una interrogazione sulle misure a favore del comparto agricolo in relazione alla recente ondata di maltempo.

Il ministro degli Affari esteri, Angelino Alfano, risponderà a interrogazioni sulle iniziative normative in materia di riacquisto della cittadinanza italiana; sulle linee di politica estera in relazione agli appuntamenti internazionali del 2017; sulle iniziative nei confronti delle autorità egiziane affinché sia fatta piena luce sulla vicenda della scomparsa e della morte di Giulio Regeni.

Il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti, Graziano Delrio, risponderà a interrogazioni sul completamento dell’autostrada A33 Asti-Cuneo, anche in ordine ai cronoprogrammi comparativi relativi ai tre tracciati allo studio; sulle iniziative, anche presso Trenitalia, per includere il territorio dell’Umbria nel sistema dell’alta velocità ferroviaria.

Tratto da www.camera.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito della Camera dei deputati è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

(Visited 2 times, 2 visits today)

AMERICA/MESSICO – Stato d’emergenza a Cancun, il Vescovo chiede sicurezza e preghiera

Cancun – Dinanzi alla proclamazione dello “stato d’emergenza” a Cancun, Quintana Roo , dopo alcuni episodi di violenza, Sua Ecc. Mons. Pedro Pablo Elizondo Cárdenas, L.C., Vescovo della Prelatura Territoriale di Cancún-Chetumal, ha invitato le autorità a “mantenere la pace e garantire la sicurezza alla popolazione, salvaguardare la vita e garantire la protezione della popolazione e dei turisti”.
Nella nota inviata a Fides, il Vescovo invita i cittadini a “rispettare le regole di sicurezza e a rimanere in casa. Ascoltare le autorità competenti e prestare attenzione ai comunicati delle autorità riguardo alla situazione”. Alla fine invita “tutti i cattolici ad offrire la loro preghiera personale e familiare con un’intenzione speciale per la pace e soprattutto durante il grande silenzio dopo la comunione, a pregare insieme per la pace e la riconciliazione in Messico”.
Dalla stampa locale si apprende che a Cancun una decina di uomini armati, forse membri di gang locali, lunedì 16 gennaio ha aperto il fuoco contro l’ufficio del procuratore generale. La polizia arrivata sul posto ha risposto al fuoco e secondo le prime informazioni un impiegato della procura e tre uomini armati sono rimasti uccisi. Il sindaco di Cancun, su Twitter, ha detto: “L’attacco contro l’ufficio del procuratore generale dello Stato è inaccettabile” e ha invitato i cittadini alla calma. Le autorità “stanno applicando rigidi protocolli per controllare la situazione e prendere i responsabili”.
Quasi contemporaneamente si sono registrati colpi d’arma da fuoco in altre parti della città, la cui matrice non è chiara. L’attacco all’ufficio del procuratore è stato effettuato all’indomani della sparatoria in una discoteca vicino a Playa del Carmen, che ha lasciato cinque morti.

Tratto da: www.fides.org.
I contenuti del sito sono pubblicato sotto una Licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Italia (CC BY 3.0 IT).

(Visited 2 times, 2 visits today)

Seduta n. 725 Martedì 17

- Svolgimento di interrogazioni

(Iniziative volte a salvaguardare la produzione

casearia italiana, anche in relazione alla procedura di

infrazione avviata nei confronti dell’Italia con

riferimento al divieto di utilizzo di latte in polvere per

la produzione di formaggi; intendimenti in merito

all’adozione del bando per un nuovo concorso per dirigenti

scolastici; iniziative di competenza volte a verificare la

salubrità dell’acqua potabile nel territorio di

Casamassima, in provincia di Bari; iniziative volte a

prevenire e contrastare il virus West Nile, con particolare

riferimento alla zona del Polesine in Veneto).

– Seguito della discussione della relazione sulle

infiltrazioni mafiose e criminali nel gioco lecito e

illecito, approvata dalla Commissione parlamentare di

inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre

associazioni criminali, anche straniere (Doc. XXIII,

n. 18)(Intervento e parere del

Governo;dichiarazioni di voto;votazione).

-Seguito della discussione del testo unificato delle

proposte di legge: Minardo; Cancelleri ed altri; Basso ed

altri; Ricciatti ed altri: Disciplina dell’attività

di ristorazione in abitazione privata (A.C.

3258-3337-3725-3807-A)(Esame degli articoli da 1 a

7;esame degli ordini del giorno;dichiarazioni di voto

finale;coordinamento formale;Votazione finale ed

approvazione)
Tratto da www.camera.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito della Camera dei deputati è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

(Visited 2 times, 2 visits today)

Seduta n. 724 Lunedì 16

- Discussione della relazione

sulle infiltrazioni mafiose e criminali nel gioco lecito e

illecito, approvata dalla Commissione parlamentare di

inchiesta sul fenomeno delle mafie e sulle altre

associazioni criminali, anche straniere (Doc. XXIII,

n. 18) (Discussione; annunzio di una

risoluzione).

– Discussione del testo unificato delle proposte di legge:

Minardo; Cancelleri ed altri; Basso ed altri; Ricciatti ed

altri: Disciplina dell’attività di ristorazione in

abitazione privata (A.C. 3258-3337-3725-3807-A)

(Discussione sulle linee generali).

– Discussione della mozione Fedriga ed altri

n. 1-01231 concernente iniziative in materia di

gestione dei flussi migratori, anche alla luce di recenti

circolari del Ministero dell’interno (Discussione sulle

linee generali).
Tratto da www.camera.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito della Camera dei deputati è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

(Visited 2 times, 2 visits today)

Tajani Presidente Parlamento europeo: congratulazioni Boldrini

Le più sentite congratulazioni da parte mia e dell’intera Camera dei deputati all’onorevole Antonio Tajani, eletto stasera al prestigioso incarico di Presidente del Parlamento europeo. Ulteriore motivo di soddisfazione è che la competizione abbia visto in lizza più candidati italiani, a riprova di una sensibilità europeista ancora viva nel Paese che sessant’anni fa ospitò a Roma l’atto di nascita della comunità. Tutti sappiamo oggi che commemorare la fondazione non basta, che l’Unione europea ha bisogno di essere potentemente rivitalizzata e di mettersi in sintonia con i bisogni e le istanze dei suoi cittadini, colpiti in questi anni da una crisi economico-sociale senza precedenti. Per uscirne non è sufficiente l’Europa dei governi. Dovrà contare sempre più il ruolo dei Parlamenti – quelli nazionali e quello europeo – che delle richieste dei cittadini sono l’espressione più diretta.
Tratto da www.camera.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito della Camera dei deputati è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

(Visited 2 times, 2 visits today)

Comunicazioni del Ministro Orlando sull’amministrazione della giustizia

Oggi in Aula la discussione delle mozioni Fedriga ed altri n. 1-01231, Palazzotto ed altri n. 1-01465, Altieri ed altri n. 1-01466, Andrea Maestri ed altri n. 1-01467, Santerini ed altri n. 1-01468, Dieni ed altri n. 1-01469, Brunetta ed altri n. 1-01470 e Rampelli ed altri n. 1-01471 concernenti iniziative in materia di gestione dei flussi migratori, anche alla luce di recenti circolari del Ministero dell’interno.

Nel pomeriggio le Comunicazioni del Ministro della giustizia, Andrea Orlando, sull’amministrazione della giustizia, ai sensi dell’articolo 86 del regio decreto 30 gennaio 1941, n. 12, come modificato dall’articolo 2, comma 29, della legge 25 luglio 2005, n. 150.

Tratto da www.camera.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito della Camera dei deputati è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

(Visited 2 times, 2 visits today)

We are not Charlie and we will never be.