Muere uno por conducir ebrio

Un accidente registrado en el municipio de Gómez Palacio dejó un muerto debido a que el conductor había ingerido bebidas embriagantes.

El percance sucedió cuando circulaban tres personas por la calle Venustiano Carranza y a la altura de la termoeléctrica del fraccionamiento Fidel Velázquez en Gómez Palacio.

El conductor perdió el control del vehículo debido al estado de ebriedad y caen en picada al canal de dicho lugar.

En el accidente murió Benito Amador Martínez de 40 años de edad con domicilio en la ciudad de Lerdo, quien fue trasladado al Servicio Médico Forense (Semefo).

Durango al dia Todo nuestro contenido está bajo la licencia Atribución No Derivadas 2.5 México de Creative Commons

Encarcelan a ladrón de negocios

La Coordinación de Agentes del Ministerio Público logró que sentenciaran a dos años y tres meses de prisión Arturo Ramírez Martínez por el delito de robo agravado,

Ramírez Martínez el pasado 18 de noviembre de 2013 se introdujo a un negocio comercial ubicado en la avenida Circuito Interior a la altura del fraccionamiento El Edén  de esta ciudad, apoderándose de un acumulador para automóvil.

De inmediato la parte afectada avisó a las autoridades, acudiendo al lugar elementos de la Dirección Estatal de Investigación (DEI), quienes logran detener al delincuente en el estacionamiento de un centro comercial ubicado en el fraccionamiento antes citado.

Por lo que se le impone como pena privativa de la libertad  dos años y tres meses de prisión así como el pago de una multa por la cantidad de 12 mil 951 pesos.

Durango al dia Todo nuestro contenido está bajo la licencia Atribución No Derivadas 2.5 México de Creative Commons

Capturan a presunto “narcomenudista”

La Dirección Estatal de Investigación logró la captura de Gerardo Enrique Quiñonez Sarmiento quien portaba 30 dosis de marihuana.

Los elementos investigadores realizaban un recorrido de vigilancia por diferentes calles del municipio de Nombre de Dios, y al transitar por la esquina de la calle Ignacio Allende y calle Madero, detienen a Enrique Quiñonez cargaba 30 envoltorios con marihuana.

Ante tales hechos el sujeto fue trasladado a los separos de la Fiscalía General del Estado, para ser puesto a disposición de la autoridad correspondiente, por la responsabilidad que le resulte.

Durango al dia Todo nuestro contenido está bajo la licencia Atribución No Derivadas 2.5 México de Creative Commons

Educación base para el desarrollo: CCG

La educación es el mejor espacio para lograr una sociedad más organizada y es la base fundamental en el desarrollo integral de los niños y jóvenes duranguenses, por lo que el Gobierno del Estado y el Municipal han unido esfuerzos para apoyar a todas las comunidades, afirmó el diputado del Primer Distrito Local, Carlos Contreras Galindo durante la entrega de becas a estudiantes del medio rural.

Ante los habitantes del poblado Morcillo, el legislador destacó que la llave que abre las oportunidades de desarrollo es la educación, pero en ocasiones no todos tienen el privilegio de estudiar; por eso el programa municipal de estímulos a la educación básica correspondiente al área rural, busca que las familias de las aligeren un poco los costos que representa que sus hijos estudien.

“La suma de esfuerzos del Gobierno del Estado y del Gobierno Municipal en favor de la niñez de Durango que vive en las comunidades rural, representa un incentivo y un apoyo a la economía de sus familias” precisó el legislador.

En este sentido, Carlos Contreras recordó que un compromiso del gobernador Jorge Herrera Caldera es el incorporar al sistema de becas a las niñas y niños de las escuelas del área rural de todo el Estado, por lo que se están cumpliendo compromiso con la entregar estos apoyos, que para los niños son un aliciente para continuar su preparación.

Al respecto, puntualizó que con el respaldo del Presidente de la República, Enrique Peña Nieto, se impulsa en el país y en el Estado una educación de calidad, con la participación de las autoridades, maestros y padres de familia.

De igual forma, comentó que el gobierno municipal de Esteban Villegas Villarreal cumple con la entrega de becas a cientos de niños y jóvenes de educación básica que habitan en las comunidades rurales del municipio, ya que cuando se trata de darle atención a la sociedad, para el Gobierno del Estado y del Municipio no existen ciudadanos ni de primera o segunda, los que viven en las ciudades y en poblaciones rurales; todos son atendidos y apoyados por igual.

Finalmente, el representante popular felicitó a los padres de familia de Morcillo, pero sobre todo a los niños que con su esfuerzo y dedicación se han ganado su beca.

Durango al dia Todo nuestro contenido está bajo la licencia Atribución No Derivadas 2.5 México de Creative Commons

Ya son nueve los muertos por naufragio en Corea del Sur

La Policía Marítima señaló que más de 80 barcos y 18 aeronaves se encuentran en la zona para continuar con la búsqueda de los 287 desaparecidos.

Corea del Sur informó que ya son nueve los cuerpos sin vida recuperados en el sitio donde el miércoles naufragó un barco con 476 personas a bordo, mientras continúa la búsqueda de 287 desaparecidos y comienzan las investigaciones.

La Policía Marítima señaló que con el hallazgo de otros tres cuerpos la mañana de este jueves, la cifra de fallecidos aumentó a nueve y confirmó que después del rescate de 179 personas el miércoles, no han sido encontrados más sobrevivientes.

En un reporte citado por la agencia sudcoreana de noticias Yonhap, las autoridades dijeron que más de 80 barcos y 18 aeronaves rastrean la zona del que podría convertirse en el peor accidente marítimo en la historia reciente de Corea del Sur.

Buceadores del Ejército y de la Guardia Costera realizan constantes sumergimientos a diferentes secciones del barco para buscar posibles sobrevivientes, pero la escasa visibilidad y las fuertes corrientes marítimas han dificultado su labor.

El navío transportaba a más de 470 personas y se hundió la mañana del miércoles frente a las costas del suroeste del país. Se cree que decenas de pasajeros (la mayoría estudiantes de preparatoria que realizaban un paseo escolar) podrían haber quedado atrapados.

En tanto, las investigaciones indican que un cambio repentino de ruta podría haber sido la causa del accidente, pues la embarcación habría entrado a una zona de arrecifes y chocado con uno.

Autoridades desestimaron el reporte de que un supuesto estudiante habría escrito en redes sociales que estaba vivo y pedía que lo rescataran, pues su nombre no aparece en la lista de pasajeros

Milenio

Durango al dia Todo nuestro contenido está bajo la licencia Atribución No Derivadas 2.5 México de Creative Commons

Apache OpenOffice: la suite per l’ufficio supera i 100 milioni di download

The Apache Software Foundation ha annunciato che la suite per l'ufficio Apache OpenOffice ha superato i 100 milioni di download.

Apache OpenOffice
Apache Office è una suite per l'ufficio multi-piattaforma sviluppata dalla The Apache Software Foundation. Nata nel 2011 dopo la cessione dello sviluppo di OpenOffice.org da Oracle America (in precedenza la suite era sviluppata da Sun Microsystems), la suite sta riscontrando un notevole successo soprattutto dopo il rilascio della versione 4.x nella quale troviamo moltissime novità come ad esempio la nuova SideBar e migliorie nell'importazione / esportazione di documenti di Microsoft Office. The Apache Software Foundation, con un post sul blog ufficiale, ha annunciato che Apache OpenOffice ha superato i 100 milioni di download traguardo davvero raggiunto in meno di due anni.

Leggi il resto dell'articolo...

lffl linux freedom lffl linux freedom by ferramosca roberto is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.

Ucraina, firmato un accordo con Usa, Ue e Russia: "Stop all’uso di violenza"

18:50 - A conclusione del vertice di oggi a Ginevra tra Stati Uniti, Unione Europea, Ucraina e Russia, è stato firmato un accordo per ridurre la tensione nell’ex repubblica sovietica. In base a tale intessa tutte le parti sono invitate ad astenersi dall’uso della violenza.

A dare l’annuncio è stato il ministro de gli Esteri della Federazione Russa, Sergey Lavrov, che ha spiegato che l’accordo raggiunto oggi prevede il disarmo dei miliziani illegali e lo sgombero degli edifici occupati. All’Osce è affidato il ruolo di mediatore.
Tuttavia, secondo Lavrov è discriminatoria la decisione del’Ucraina di vietare l’ingresso nel Paese ai cittadini russi tra i 16 e i 60 anni d’età.

12:18 - Il Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin nella sua linea diretta con il Paese ha parlato della situazione in Ucraina e ha detto:

“Spero tanto di non dover usare il diritto concessomi dal Parlamento di impiegare la forza in Ucraina, spero tanto che la situazione possa essere risolta con mezzi politico-diplomatici”

Poi ha espresso il desiderio che si trovi al più presto un compromesso tra le forze politiche in campo e ha detto che farà tutto il possibile per aiutare la popolazione russofona dell’Est dell’Ucraina a difendere i propri diritti.

Giovedì 17 aprile 2014 - Tra ieri sera e stanotte a Mariupol, nella regione di Donetsk (Est dell’Ucraina), ci sono stati violenti scontri tra le forze di polizia ucraine e quelle dei filorussi e secondo il ministero dell’Interno di Kiev almeno tre persone hanno perso la vita. Le vittime dovrebbero essere tutte del fronte filorusso. Lo stesso ministero ha risposto al fuori quando circa 300 uomini armati ha attaccato la sede delle truppe ucraine.

Accuse di terrorismo tra Ucraina e Russia

Mercoledì 16 aprile 2014

ore 19.07: “Terrorismo” è la parola chiave utile a comprendere la crisi in Ucraina. Fondamentalmente quella di “terrorismo” è l’accusa che si rimpallano Ucraina e Russia.

“I progetti della Russia sono stati e restano brutali. Vogliono prendersi non solo il Donbass ma tutto l’est e il sud dell’Ucraina dalla regione di Kharkiv a quella di Odessa”

ha tuonato questa mattina il Presidente dell’Ucraina ad interim Oleksandr Turcinov. Secondo le ricostruzioni le colonne di truppe e tank gialloblu si sono dirette verso Slaviansk questa mattina ma il primo scontro sarebbe avvenuto 20 km prima, a Kramatorsk, dove le forze di Kiev sono riuscite a riprender possesso dell’aeroporto militare. A Kramatorsk e a Sloviansk la colonna di truppe ucraine è stata costretta dagli insorti filorussi a consegnare le armi per ripartire.

Mentre Kiev annuncia l’invio “al fronte” della Guardia Nazionale (costituito di volontari delle forze di autodifesa del Maidan, quindi da civili) Mosca si dice preoccupata e fa da un lato gli occhi dolci e dall’altro il braccio di ferro: Putin ha incalzato l’Onu chiedendo una chiara condanna delle azioni di Kiev mentre il capo della diplomazia russa Serghiei Lavrov ammoniva Kiev ed avvisava la comunità internazionale che, in questa situazione, l’incontro di Ginevra di venerdì potrebbe saltare.

Insomma, mentre le diplomazie sono al lavoro per scongiurare l’escalation della crisi, i focolai accesi nell’Ucraina orientale vengono alimentati in continuazione, rendendone più difficile la soluzione.
Secondo l’Occidente i 40mila soldati russi lungo il confine ucraino sono la miccia esplosiva che solo Mosca può spegnere, accuse tuttavia rispedite al mittente con la motivazione di una tutela dei confini russi. In realtà, i muscoli di Putin piacciono sopratutto ai cittadini russi e russofoni, che garantiscono allo Zar russo l’egemonia culturale, politica e militare su una quadrante parecchio grande dello scacchiere internazionale.

La crisi ha avuto oggi un’accelerazione molto temuta, forse inevitabile: incalzata dai nazionalisti di piazza Maidan, che chiedevano risposte forti, Kiev ha deciso di far scattare quella che viene sbandierata come “operazione antiterrorismo” nei confronti dei russofoni nell’est del Paese: secondo i media russi, l’attacco dell’esercito ucraino ha lasciato sul terreno dai quattro agli 11 morti, oltre ad alcuni feriti.

ore 12: oltre alle azioni militari prosegue anche la guerra di propaganda che scorre sottotraccia. Secondo i servizi segreti Ucraini i gruppi filorussi attivi nell’est del Paese avrebbero ricevuto l’ordine di sparare a vista sui militari ucraini. L’intelligence di Kiev ha affermato di essere entrata in possesso di questa notizia attraverso le intercettazioni di alcune telefonate tra gli 007 russi e i paramilitari fedeli a Mosca. Nessuno può naturalmente confermare né smentire.

16 aprile E’ quasi guerra civile in Ucraina, dopo i tragici sviluppi di ieri: questa mattina è iniziata ufficialmente l’”operazione antiterrorismo” decisa da Kiev su Donetsk, nella parte orientale del Paese e dove i filorussi hanno occupato diversi edifici istituzionali e proclamato l’indipendenza della Repubblica di Donetsk diversi giorni fa.

Secondo l’agenzia russa Ria Novosti truppe ucraine sono entrate ad est di Sloviansk, dove “truppe corazzate” starebbero entrando in città. La Casa Bianca ha definito la situazione “pericolosa” ma appoggia in toto le scelte militari del governo di Kiev, una posizione respinta al mittente con durezza dal Cremlino, che ieri ha intimato a Kiev di non muovere un solo soldato sui “ribelli” filorussi. La situazione è sempre più esplosiva. Ieri sera la cancelliera tedesca ha telefonato al Presidente russo Vladimir Putin, ribadendogli le preoccupazioni europee per l’escalation di tensione e violenze nel paese ex-Csi. Il Cremlino converrebbe, diplomaticamente, sui rischi derivanti da una guerra civile, pur respingendo le accuse di essere il manovratore dei ribelli russofoni e di rappresentare la miccia della bomba ucraina, e ribadendo l’importanza dell’incontro a 4 tra Russia, Usa, Ue ed Ucraina in programma a Ginevra venerdì.

La guerra civile come rischio imminente in Ucraina è stato anche tra i timori espressi ieri dal primo ministro russo Dimitri Medvedev in una conferenza stampa, proprio mentre il vicepremier ucraino accusava Mosca in una conferenza stampa a Kiev, sostenendo la presenza di truppe delle forze speciali russe tra i ribelli rossofoni a Donetsk.

In questo video si vede una colonna di blindati ucraini, questa mattina, aggregarsi ai filorussi a Kramators’k, nell’Ucraina orientale.

Ucraina: blitz di Kiev nell’Est, almeno 4 morti

Martedì 15 aprile 2014

UKRAINE-RUSSAI-CRISIS-POLITICS-SLAVYANSK

15 aprile Operazione militare di Kiev contro gli indipendentisti filorussi che in alcune città dell’est del paese avevano manifestato intenzioni indipendentiste. Il bilancio del blitz è per ora di 4 morti, ma soprattutto c’è un nuovo precipitare della situazione tra Ucraina e Russia. Putin ha chiesto all’Onu di condannare il gesto di Kiev, mentre gli Usa hanno giustificato il blitz sostenendo che il governo ucraino “doveva reagire”.

L’operazione contro i separatisti era iniziata stamattina, ma solo in serata è arrivato un primo bilancio (altre fonti parlano di 11 morti).
Il comandante delle operazioni, il generale Vladimir Krutov ha dichiarato che chi non deporrà le armi “sarà liquidato”. Il premier russo Medvedev ha invece detto che il paese è sull’orlo della guerra civile.

Sale la tensione

Domenica 13 aprile 2014

19.59 Continua a salire la tensione tra Kiev e Mosca: il presidente ucraino, Turcinov, ha lanciato un nuovo ultimatum per consegnare le armi entro le 8 di domattina, dopo aver affermato di avere intenzione di usare l’esercito per le sue operazioni antiterrorismo. Mosca ha parlato di “un ordine criminale” e ha chiesto una riunione urgente del Consiglio di sicurezza dell’Onu. Kiev si è invece impegnata a fornire le prove del coinvolgimento dei servizi segreti russi nelle rivolte nel vertice di Ginevra del 17 aprile.

13 aprile Continua ad aggravarsi la situazione in Ucraina, in cui molte città della parte orientale del paese sono in subbuglio nel tentativo di imitare la Crimea e raggiungere la separazione dalla nazione con conseguente annessione alla Russia. Kiev ha però deciso di reagire, facendo salire parecchio la tensione. Un “operazione antiterrorismo” è iniziata a Sloviansk, città dell’est dell’Ucraina, dove ieri uomini armati filo-russi hanno preso edifici dei servizi di polizia e di sicurezza. Ad annunciarlo è stato il ministro degli Interni ucraino Arsen Avakov, sottolineando “che Dio sia con noi”.

Prosegue anche l’occupazione di edifici governativi nelle aree russofone dell’Ucraina Orientale. A Donetsk uomini armati hanno occupato la sede della procura, dopo aver preso il Palazzo del Governo e del Commissariato.

Lavrov: “Non abbiamo piani di annessione”

Venerdì 11 aprile 2014

19:52 - Il ministro degli esteri russo Sergey Lavrov ha dichiarato che Mosca non ha alcun piano di annessione delle regioni sud-orientali dell’Ucraina. Durante un’intervista a una tv del suo paese, il capo della diplomazia russa ha detto:

“Noi non possiamo avere un tale desiderio, questo contraddice gli interessi della Federazione russa”

Intanto il parlamento della Crimea ha approvato all’unanimità la sua nuova costituzione e ha riconosciuto come lingue nazionali il russo, l’ucraino e il tataro.

12:28 - Il procuratore capo russo Iuri Ciaika ha detto che la Russia non concederà all’Ucraina l’estradizione del suo ex presidente Viktor Yanukovich che anzi è considerato “presidente legittimo”. Inoltre, Ciaika ha annunciato che Mosca ha chiesto all’Interpol di inserire Dmitro Iarosh, leader del movimento paramilitare Pravi Sektor, tra i ricercati internazionali. Iarosh è uno dei candidati alle elezioni presidenziali in Ucraina del 25 maggio.

10:12 - Il comando supremo della Nato ha diffuso delle foto satellitari che ritrarrebbero un numero di soldati compreso tra le 35mila e le 40mila unità vicino al confine tra Russia e Ucraina, equipaggiati con veicoli da combattimento di fanteria, carri armati, aerei da combattimento e artiglieria. Le foto sono date tra il 22 e il 24 marzo e una è del 2 aprile 2014, ma la Russia ha risposto che si tratta invece di immagini relative a esercitazioni dell’agosto 2013. Pochi minuti fa la Nato, attraverso il suo sito web, ha ribadito che le foto sono di queste ultime settimane e che dimostrano che quelle forze armate stanno destabilizzando la regione, perciò il Consiglio della Nato ha invitato più volte la Russia a ritirare le truppe dal confine con l’Ucraina. Ecco nella gallery le foto pubblicate dalla Nato

Foto Nato delle truppe russe al confine con l'UcrainaFoto Nato delle truppe russe al confine con l'UcrainaFoto Nato delle truppe russe al confine con l'UcrainaFoto Nato delle truppe russe al confine con l'UcrainaFoto Nato delle truppe russe al confine con l'UcrainaFoto Nato delle truppe russe al confine con l'UcrainaFoto Nato delle truppe russe al confine con l'UcrainaFoto Nato delle truppe russe al confine con l'UcrainaFoto Nato delle truppe russe al confine con l'UcrainaFoto Nato delle truppe russe al confine con l'Ucraina

Venerdì 11 aprile 2014 - Barack Obama, Presidente degli Stati Uniti, ha sentito telefonicamente Angela Merkel, cancelliera tedesca, e con lei ha parlato della necessità che gli Usa, insieme con l’Unione Europea e gli altri partner “si preparino a rispondere a una ulteriore escalation russa in Ucraina con nuove sanzioni“. Secondo i due leader la Russia deve ritirare le sue truppe dai confini con l’Ucraina. In base a quanto riferito dalla Casa Bianca, c’è la possibilità che molto presto si incontrino i ministri degli Esteri di Ucraina, Russia, Usa e l’alto rappresentante dell’Unione Europea.

Amnistia per filorussi che consegnano le armi

Giovedì 10 aprile 2014 - Il presidente a interim dell’Ucraina, Olexsandr Turcinov, ha assicurato che ci sarà un’amnistia per gli insorti filorussi che consegneranno le armi e lasceranno liberi gli edifici amministrativi che sono ancora occupati. Poche ore prima, però, il ministro degli Interni Arsen Avakov aveva usato toni più duri: “Qualora i negoziati con i militanti separatisti dovessero fallire, useremo la forza”. L’ultimatum scadrà tra 48 ore, ma al momento sembra difficile che si possa trovare un accordo.

Repubblica di Donetsk

Lunedì 7 aprile 2014

23:33 - La Cnn ha riferito, citando come fonte l’ufficio del presidente ucraino Olekasender Turchinov, che le forze speciali di Kiev hanno ripreso in controllo del quartier generale delle forze armate a Donetsk che stamattina erano state occupate da manifestanti filorussi che hanno proclamato la Repubblica di Donetsk e indetto un referendum per l’11 maggio.

18:55 - Il portavoce della Casa Bianca Jay Carney ha affermato che gli Stati Uniti hanno chiesto a Vladimir Putin di mettere fine ai tentativi di destabilizzazione dell’Ucraina e hanno sottolineato la loro preoccupazione sulle occupazioni che i manifestanti filorussi stanno portando avanti nelle sedi del governo di Donetsk, Luhansk e Khariv. Washington ha avvertito che in caso di nuove violazioni ci saranno delle sanzioni per la Russia.

Lunedì 7 aprile 2014 - Gli attivisti filorussi che da ieri occupano alcuni edifici pubblici nella parte orientale dell’Ucraina hanno proclamato oggi la nascita della Repubblica del popolo di Donetsk. I manifestanti hanno letto un documento in cui si spiega che la nuova Repubblica costruirà i suoi rapporti sulla base del diritto internazionale e dei principi di uguaglianza. Secondo l’agenzia Itar-tass, inoltre, hanno anche annunciato un referendum per sancire l’annessione alla Russia, proprio come avvenuto in Crimea. La data scelta per il referendum è domenica 11 maggio 2014. Gli autori del blitz hanno anche chiesto al presidente della Federazione Russa Vladimir Putin di inviare nella regione orientale dell’Ucraina dei peacekeeper.

Tutta la zona è in agitazione e anche l’attuale governo ucraino si è mosso per cercare di tenere sotto controllo la situazione. In particolare il ministro dell’Interno Arseni Avakov ha raggiunto Kharkiv, una delle città occupate dai filorussi, mentre il vice-premier Vitaliy Yarema è andato a Donetsk dove arriverà anche Iulia Timoshenko, candidata alla presidenza, che sospetta che sotto le azioni dei manifestanti filorussi che hanno occupato numerosi luoghi della zona Est dell’Ucraina, ci sia l’influenza dei servizi segreti di Mosca.
Intanto Putin ha partecipato a una riunione degli 007 russi e ha detto che non si deve permettere che in Russia le Ong sia usate per scopi distruttivi come è avvenuto in Ucraina.

Il segretario generale dell’Osce Lamberto Zannier ha detto che se quello che sta succedendo in Ucraina fa emergere evidenti spaccature e concreti rischi di guerra civile, per questo è indispensabile trovare un terreno di accordo anche a livello internazionale, altrimenti c’è la possibilità che si crei una frattura tra Est e Ovest.

Filorussi proclamano Repubblica di Donetsk

Ucraina, firmato un accordo con Usa, Ue e Russia: "Stop all'uso di violenza" é stato pubblicato su Polisblog.it alle 18:57 di giovedì 17 aprile 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.




Polisblog.it © 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.

Elezioni amministrative 2014 in Umbria: i comuni al voto

In Umbria si vota in 68 comuni, tra i quali i due capoluoghi di provincia, Perugia e Terni.

Saranno 68 i comuni dell’Umbria che il 25 maggio 2014 dovranno rinnovare il sindaco e la giunta comunale, il 73.9% del totale, in occasione delle elezioni amministrative 2014, mentre i cittadini degli altri ventiquattro comuni saranno chiamati a esprimersi soltanto sulle Europee 2014.

Il voto per le comunali interesserà i due capoluoghi di provincia, Perugia e Terni, e undici dei nuovi sindaci dovranno amministrare comuni con più di 15 mila abitanti: si tratta di Bastia Umbra, Castiglione Del Lago, Foligno, Gualdo Tadino, Gubbio, Marsciano, Perugia, Spoleto, Umbertide, Orvieto e Terni.

In due comuni, Gubbio e Scheggino, si voterà prima della naturale scadenza del mandato, mentre tre comuni eleggeranno il sindaco dopo un periodo di commissariamento. A Cannara, meno di 5mila abitanti in provincia di Perugia, il consiglio comunale è stato sciolto per le dimissioni rassegnate della maggioranza dei consiglieri ed il comune è stato commissariato. Discorso simile per Gualdo Tadino, il cui consiglio comunale è stato sciolto per la mancata approvazione del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario

Ad Umbertide, 16.481 abitanti in provincia di Perugia, il consiglio comunale è stato sciolto per la decadenza dalla carica di sindaco di Giampiero Giulietti per causa di incompatibilità con la carica di parlamentare e al suo posto è arrivato Marco Locchi.

Il 25 maggio 2014, lo ricordiamo, è il giorno delle elezioni, mentre eventuali ballottaggi l’8 giugno.

Umbria - Comuni al voto alle Comunali 2014

Provincia di Perugia

Bastia Umbra
Campello sul Clitunno
Cannara
Castel Ritaldi
Castiglione del Lago
Cerreto di Spoleto
Citerna
Città della Pieve
Collazzone
Costacciaro
Foligno
Fossato di Vico
Fratta Todina
Giano dell’Umbria
Gualdo Cattaneo
Gualdo Tadino
Gubbio
Lisciano Niccone
Magione
Marsciano
Massa Martana
Monte Castello di Vibio
Montefalco
Montone
Norcia
Paciano
Panicale
Perugia
Piegaro
Pietralunga
Poggiodomo
Preci
San Giustino
Sant’Anatolia di Narco
Scheggia e Pascelupo
Scheggino
Sellano
Sigillo
Spello
Spoleto
Torgiano
Tuoro sul Trasimeno
Umbertide
Vallo di Nera

Provincia di Terni

Acquasparta
Allerona
Alviano
Arrone
Baschi
Castel Viscardo
Fabro
Ferentillo
Ficulle
Guardea
Lugnano in Teverina
Montecchio
Montefranco
Montegabbione
Monteleone d’Orvieto
Orvieto
Otricoli
Penna in Teverina
Polino
Porano
San Gemini
San Venanzo
Stroncone
Terni

gubbio

Foto | Wikimedia

Elezioni amministrative 2014 in Umbria: i comuni al voto é stato pubblicato su Polisblog.it alle 18:28 di giovedì 17 aprile 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.




Polisblog.it © 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.

Elezioni amministrative 2014 in Umbria: i comuni al voto

In Umbria si vota in 68 comuni, tra i quali i due capoluoghi di provincia, Perugia e Terni.

Saranno 68 i comuni dell’Umbria che il 25 maggio 2014 dovranno rinnovare il sindaco e la giunta comunale, il 73.9% del totale, in occasione delle elezioni amministrative 2014, mentre i cittadini degli altri ventiquattro comuni saranno chiamati a esprimersi soltanto sulle Europee 2014.

Il voto per le comunali interesserà i due capoluoghi di provincia, Perugia e Terni, e undici dei nuovi sindaci dovranno amministrare comuni con più di 15 mila abitanti: si tratta di Bastia Umbra, Castiglione Del Lago, Foligno, Gualdo Tadino, Gubbio, Marsciano, Perugia, Spoleto, Umbertide, Orvieto e Terni.

In due comuni, Gubbio e Scheggino, si voterà prima della naturale scadenza del mandato, mentre tre comuni eleggeranno il sindaco dopo un periodo di commissariamento. A Cannara, meno di 5mila abitanti in provincia di Perugia, il consiglio comunale è stato sciolto per le dimissioni rassegnate della maggioranza dei consiglieri ed il comune è stato commissariato. Discorso simile per Gualdo Tadino, il cui consiglio comunale è stato sciolto per la mancata approvazione del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario

Ad Umbertide, 16.481 abitanti in provincia di Perugia, il consiglio comunale è stato sciolto per la decadenza dalla carica di sindaco di Giampiero Giulietti per causa di incompatibilità con la carica di parlamentare e al suo posto è arrivato Marco Locchi.

Il 25 maggio 2014, lo ricordiamo, è il giorno delle elezioni, mentre eventuali ballottaggi l’8 giugno.

Umbria - Comuni al voto alle Comunali 2014

Provincia di Perugia

Bastia Umbra
Campello sul Clitunno
Cannara
Castel Ritaldi
Castiglione del Lago
Cerreto di Spoleto
Citerna
Città della Pieve
Collazzone
Costacciaro
Foligno
Fossato di Vico
Fratta Todina
Giano dell’Umbria
Gualdo Cattaneo
Gualdo Tadino
Gubbio
Lisciano Niccone
Magione
Marsciano
Massa Martana
Monte Castello di Vibio
Montefalco
Montone
Norcia
Paciano
Panicale
Perugia
Piegaro
Pietralunga
Poggiodomo
Preci
San Giustino
Sant’Anatolia di Narco
Scheggia e Pascelupo
Scheggino
Sellano
Sigillo
Spello
Spoleto
Torgiano
Tuoro sul Trasimeno
Umbertide
Vallo di Nera

Provincia di Terni

Acquasparta
Allerona
Alviano
Arrone
Baschi
Castel Viscardo
Fabro
Ferentillo
Ficulle
Guardea
Lugnano in Teverina
Montecchio
Montefranco
Montegabbione
Monteleone d’Orvieto
Orvieto
Otricoli
Penna in Teverina
Polino
Porano
San Gemini
San Venanzo
Stroncone
Terni

gubbio

Foto | Wikimedia

Elezioni amministrative 2014 in Umbria: i comuni al voto é stato pubblicato su Polisblog.it alle 18:28 di giovedì 17 aprile 2014. Leggete le condizioni di utilizzo del feed.




Polisblog.it © 2004-2014 Blogo.it, alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.

Il vostro parere su Ubuntu 14.04 Trusty…

In una "puntata speciale" della rubrica "oggi parliamo di..." chiediamo ai lettori di lffl il loro parere riguardante Ubuntu 14.04 Trusty, siete soddisfatti o meno della nuova LTS?

Ubuntu 14.04 Trusty
Canonical da poche ore ha rilasciato il nuovo Ubuntu 14.04 Trusty importantissima release dato che sarà LTS ossia supportata ben 5 anni. La nuova release 14.04 Trusty confrontata con la precedente versione 13.10 porta con se solo tanti aggiornamenti e alcuni ritocchi ad Unity, tutto questo per cercare di fornire un sistema operativo stabile, per le "grandi" novità molto probabilmente dovremo aspettare Ubuntu 14.10 versione che avrà molto probabilmente di default il nuovo Unity 8 e server grafico MIR.

Leggi il resto dell'articolo...

lffl linux freedom lffl linux freedom by ferramosca roberto is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported License.