Alessandro Manzoni – I Promessi Sposi – Audiobook – MP3 – Lettura di Silvia Cecchini – Edizione Libroparlato

Quel ramo del lago di Como, che volge a mezzogiorno, tra due catene non interrotte di monti, tutto a seni e a golfi, a seconda dello sporgere e del rientrare di quelli, vien, quasi a un tratto, a ristringersi, e a prender corso e figura di fiume, tra un promontorio a destra, e un’ampia costiera dall’altra parte; e il ponte, che ivi congiunge le due rive, par che renda ancor più sensibile all’occhio questa trasformazione, e segni il punto in cui il lago cessa, e l’Adda rincomincia, per ripigliar poi nome di lago dove le rive, allontanandosi di nuovo, lascian l’acqua distendersi e rallentarsi in nuovi golfi e in nuovi seni.
La costiera, formata dal deposito di tre grossi torrenti, scende appoggiata a due monti contigui, l’uno detto di san Martino, l’altro, con voce lombarda, il Resegone, dai molti suoi cocuzzoli in fila, che in vero lo fanno somigliare a una sega: talché non è chi, al primo vederlo, purché sia di fronte, come per esempio di su le mura di Milano che guardano a settentrione, non lo discerna tosto, a un tal contrassegno, in quella lunga e vasta giogaia, dagli altri monti di nome più oscuro e di forma più comune. Per un buon pezzo, la costa sale con un pendìo lento e continuo; poi si rompe in poggi e in valloncelli, in erte e in ispianate, secondo l’ossatura de’ due monti, e il lavoro dell’acque.
Il lembo estremo, tagliato dalle foci de’ torrenti, è quasi tutto ghiaia e ciottoloni; il resto, campi e vigne, sparse di terre, di ville, di casali; in qualche parte boschi, che si prolungano su per la montagna. Lecco, la principale di quelle terre, e che dà nome al territorio, giace poco discosto dal ponte, alla riva del lago, anzi viene in parte a trovarsi nel lago stesso, quando questo ingrossa: un gran borgo al giorno d’oggi, e che s’incammina a diventar città.
Ai tempi in cui accaddero i fatti che prendiamo a raccontare, quel borgo, già considerabile, era anche un castello, e aveva perciò l’onore d’alloggiare un comandante, e il vantaggio di possedere una stabile guarnigione di soldati spagnoli, che insegnavan la modestia alle fanciulle e alle donne del paese, accarezzavan di tempo in tempo le spalle a qualche marito, a qualche padre; e, sul finir dell’estate, non mancavan mai di spandersi nelle vigne, per diradar l’uve, e alleggerire a’ contadini le fatiche della vendemmia.

manzoni_i_promes_sil_01_coper.ogg
manzoni_i_promes_sil_02_intro.ogg
manzoni_i_promes_sil_03_cap01.ogg
manzoni_i_promes_sil_04_cap02.ogg
manzoni_i_promes_sil_05_cap03.ogg
manzoni_i_promes_sil_06_cap04.ogg
manzoni_i_promes_sil_07_cap05.ogg
manzoni_i_promes_sil_08_cap06.ogg
manzoni_i_promes_sil_09_cap07.ogg
manzoni_i_promes_sil_10_cap08.ogg
manzoni_i_promes_sil_11_cap09.ogg
manzoni_i_promes_sil_12_cap10.ogg
manzoni_i_promes_sil_13_cap11.ogg
manzoni_i_promes_sil_14_cap12.ogg
manzoni_i_promes_sil_15_cap13.ogg
manzoni_i_promes_sil_16_cap14.ogg
manzoni_i_promes_sil_17_cap15.ogg
manzoni_i_promes_sil_18_cap16.ogg
manzoni_i_promes_sil_19_cap17.ogg
manzoni_i_promes_sil_20_cap18.ogg
manzoni_i_promes_sil_21_cap19.ogg
manzoni_i_promes_sil_22_cap20.ogg
manzoni_i_promes_sil_23_cap21.ogg
manzoni_i_promes_sil_24_cap22.ogg
manzoni_i_promes_sil_25_cap23.ogg
manzoni_i_promes_sil_26_cap24.ogg
manzoni_i_promes_sil_27_cap25.ogg
manzoni_i_promes_sil_28_cap26.ogg
manzoni_i_promes_sil_29_cap27.ogg
manzoni_i_promes_sil_30_cap28.ogg
manzoni_i_promes_sil_31_cap29.ogg
manzoni_i_promes_sil_32_cap30.ogg
manzoni_i_promes_sil_33_cap31.ogg
manzoni_i_promes_sil_34_cap32.ogg
manzoni_i_promes_sil_35_cap33.ogg
manzoni_i_promes_sil_36_cap34.ogg
manzoni_i_promes_sil_37_cap35.ogg
manzoni_i_promes_sil_38_cap36.ogg
manzoni_i_promes_sil_39_cap37.ogg
manzoni_i_promes_sil_40_cap38.ogg

Cecchini, Silvia (ruolo: Voce)
Download dei file: http://www.classicistranieri.com/promessisposi/

Tratto da: http://www.liberliber.it

Licenza: Creative Commons Attribuzione – Non commerciale – Condividi allo stesso modo 2.5

Ascolta attraverso il nostro lettore virtuale:

Accedi al testo e alle concordanze dell’opera.

Commenti

commenti

Lascia un Commento