Aspettando il re

di Sara Michelucci

Un viaggio di lavoro è una occasione per incontrare nuove persone e fare un bilancio della propria vita. Il nuovo film di Tom Tykwer, Aspettando il re, racconta le vicende del cinquantenne statunitense Alan Clay, interpretato da un bravo Tom Hanks, divorziato e sull’orlo della bancarotta, il quale viene spedito in Arabia Saudita dalla compagnia per la quale lavora. Lo scopo è quello di accaparrarsi l’appalto di fornitura dei servizi informatici per una città in costruzione nel deserto.

Sarà un modo per affinare le proprie capacità, non solo lavorative, ma anche relazionali. La sua missione, infatti, si rivelerà più difficile del previsto, dato che il re, che deve presenziare alla presentazione dei prodotti della ditta, non si trova e nessuno dei suoi collaboratori sembra sapere quando si presenterà.

Il protagonista, allora, sarà costretto ad attendere la venuta di questo misterioso sovrano, passando le sue giornate tra il cantiere e il suo hotel a Gedda. Sarà un modo questo per guardarsi dentro e capire cosa voglia veramente dalla vita, anche grazie alla nuova amicizia con il suo autista Yousef.

Il film, nonostante non spicchi per grande originalità, riesce comunque a intrattenere lo spettatore con il racconto della vita di un uomo qualunque che si mette in gioco e riscopre in parte se stesso.

Il bilancio sulla propria esistenza avviene attraverso la scoperta di un Paese lontano e molto diverso dagli Stati Uniti, dove valori diversi si incontrano, rappresentando un arricchimento e non un motivo di divisione o di lotta.

Aspettando il re
(Germania, USA, Gran Bretagna, Francia 2016)

REGIA: Tom Tykwer
ATTORI: Tom Hanks, Tom Skerritt, Sarita Choudhury, Sidse Babett Knudsen, Alexander Black, Dhaffer L’Abidine, Michael Baral
SCENEGGIATURA: Tom Tykwer
FOTOGRAFIA: Frank Griebe
MONTAGGIO: Alexander Berner
MUSICHE: Johnny Klimek

PRODUZIONE: X-Filme Creative Pool, 22h22, Fábrica de Cine

DISTRIBUZIONE: Lucky Red

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tratto da altrenotizie.orgTutti gli articoli sono sotto licenza Creative Commons, pertanto posso essere riportati a condizione di citare l’autore e la fonte.

Lascia un commento