Betto Mettefuoco da Pisa, Amore, perché m’hai

Amore, perché m’hai
distretto in tal misura,
ch’eo non posso contare
ben le mie pen’ a chi mi fora ‘n grado?
Ardir non poss’ ormai,
di dir tant’ ho paura:
cusì mi fa dottare
di perder quell’ und’eo allegro vado.
Molt’ ho grand’ allegressa
de la dolse cointessa
ch’aggio co l’avenente,
che par che·i sia piagente – mi’ acontansa;
però ‘nde temo forte,
e paur’ ho di morte,
c’a lei non dispiacesse
s’eo più su li dicesse – c’aggio usansa.
Ordunqua com’ faraggio,
poi la mia malatia
non oso adimostrare
a chi mi può guerir e far gioioso?
Ben so che ne morraggio
di corto qualche dia:
no ‘nde porò campare
se no m’aiuta ‘l viso grazïoso,
per cui piangh’ e sospiro
tuttor quando la smiro.
E dico ‘nver’ di mei
«Lasso, perché colei – eo amai tanto?»
Possa riprendo ‘l dire
c’ho fatto, e dico:«Sire,
o Deo, cotal fenita
facesse la mia vita, – fora santo.»
S’eo vegno e non veg[g]o
lo splendïente viso
che sguarda con pietansa
e parla dolsamente con placire,
tuttor con voi mi reggo,
e non ne son diviso:
vivendo in isperansa,
son gai’ e fresch’ e raffino ‘n servire.
Né lo meo pensamento
non può ‘scir di tormento,
pensando a farv’ onore,
donna di gran valore, – pienamente:
ca per lo vostro bene
mi pare iscir di pene,
cusì forte mi piace
pió che lo meo non face – fermamente.
Madonna, penso forte
de la mïa natura
che passa l’assessino
del Veglio de la Montagna disperato,
che per met[t]ersi a morte
passa in aventura;
ègli così latino,
no gli è gravosa, ch’egli è ingannato:
ché ‘l Veglio a lo ‘mprimero
lo tene indel verdero
e fa·i parer che sia
quel che fa, notte e dia; – di bono core;
ma io, ched ho veduto
lo mondo e conosciuto,
ag[g]io ferma credensa
che la vostra potensa – sia mag[g]iore.
S’eo sono inamorato
così in dismisuransa,
credo fare aquisto
due cose, quelle ond’io fallo e son sag[g]io.
Sag[g]io son, ché fermato
son sensa dubitansa
laove compose Cristo
bellesse tante, c’altrui fanno oltrag[g]io:
ché son sì splendïente,
ch’io non posso neiente
contarle bene e dire,
ché fa muto avenire – a chi la guarda.
Fallo, c’amo l’altessa
somma di gentilessa,
al mio parer, che sia,
in cui tut[t]o m’avia – arimembrando.