Care Tette, vù sè l’unica, e sola – Giorgio Baffo

Care Tette, vù sè l’unica, e sola
Parte, che più someggia alle culate,
Vù sè quelle colline delicate,
Dove in mezzo, co i puol, i Oselli svola.
Sè quella bella vista, che consola,
Perchè proprio parè la vìa del late;
Beati, chi ve mette sù le zate,
Che come cera al fogo se descola.
Oh! Cari bei festoni della Dona,
Vù sè quelle fatture benedette,
Che ne fà, che ne piasa più la Mona.
Sè quella bella mostra, che promette
Ghe sia de sotto della roba bona,
Che per el più hà bon Cul chi hà bone Tette.