Carlo Collodi – Pipì o lo scimmiottino color rosa

1. Perché a Pipì fu dato il soprannome di «scimmiottino color di rosa»

Nel famosissimo bosco di Vattel’a pesca, c’era una volta una piccola famigliola composta di sette scimmie: il babbo, la mamma e cinque scimmiottini alti quanto un soldo di cacio.
Questa famigliola abitava fra i rami di un albero gigantesco, in mezzo a una foresta, e pagava quindici susine l’anno di pigione a un vecchio gorilla prepotente, che si era messo in capo di essere il padrone di casa.
Dei cinque scimmiottini, quattro avevano il pelame di un colore scuro come la cioccolata; ma il quinto, invece, ossia il più piccolo di loro, fosse scherzo di natura o altro, fatto sta che era tutto ricoperto, salvo il musino, da una finissima lanugine di color vermiglio carnicino, come le foglie della rosa maggese. Ed è per questa ragione che in casa e fuori di casa lo chiamavano tutti in canzonatura col soprannome di Pipì, parola che nella lingua parlata delle scimmie, vuol dire precisamente color di rosa.
Pipì non somigliava punto né a’ suoi fratelli, ne agli altri scimmiottini del vicinato.
Aveva un musino vispo e intelligente; un par di occhietti furbi, che non stavano fermi un minuto: una bocchina che rideva sempre, e un personalino asciutto e flessibile, come un gambo di giunco. Era, insomma, come suol dirsi, uno scimmiottino fatto proprio col pennello.
Vedendolo così di prim’acchito, si poteva quasi scambiarlo per un ragazzino di otto o nove anni, per la gran ragione che Pipì faceva il chiasso e i balocchi, come un ragazzo: correva dietro alle farfalle e andava in cerca di nidi, come i ragazzi: era ghiottissimo delle frutta acerbe, come i ragazzi: mangiava ogni cosa e mangiava sempre, come i ragazzi: e dopo aver mangiato ben bene, si ripuliva la bocca con le mani, come fanno i ragazzi e segnatamente i ragazzi poco puliti.
Ma la più gran passione di Pipì volete sapere qual era?
Era quella di scimmiottare tutto quello che vedeva fare agli uomini.
Un giorno, fra gli altri, mentre andava per la foresta a caccia di cicale e di grilli, vide a poca distanza un giovanetto seduto a piè d’un albero, che se ne stava tranquillamente fumando la sua pipa.
A quella vista, Pipì spalancò tanto d’occhi e rimase come incantato.
“Oh!” diceva dentro di sé “se potessi avere una pipa anch’io!… Oh se potessi anch’io farmi uscire que’ bei nuvoli di fumo dalla bocca!… Oh se potessi tornarmene a casa, fumando come un camminetto acceso! Chi lo sa con che occhi d’invidia mi guarderebbero i miei quattro fratelli!”
Mentre allo scimmiottino frullavano per il capo queste bellissime cose, ecco che il giovinetto, un po’ per la stanchezza e un po’ per il gran bollore della giornata, lasciò andare due sonori sbadigli, e posata la sua pipa sull’erba, si addormentò.
Che cosa fece allora quel birichino di Pipì?
Si avvicinò pian pianino, in punta di piedi, al giovinetto che dormiva: e rattenendo perfino il fiato… allungò adagino adagino una zampa… prese con una velocità incredibile la pipa che era posata sull’erba… e poi, via a gambe come il vento.
Appena arrivato a casa, chiamò subito, tutt’allegro, il babbo, la mamma e i fratelli; e in presenza a loro, infilatosi quel pipone fra i labbri, cominciò a fumare con lo stesso garbo e con la stessa disinvoltura, come avrebbe fatto un vecchio marinaio.
La mamma e i fratelli, a vedergli uscir di bocca quelle nuvole di fumo, ridevano come matti: ma il suo babbo che era uno scimmione pieno di giudizio e di esperienza di mondo, gli disse in tono di avvertimento salutare:
«Bada, Pipì! A furia di scimmiottare gli uomini, un giorno o l’altro diventerai un uomo anche tu… e allora! Allora te ne pentirai amaramente, ma sarà troppo tardi!»
Impensierito da queste parole, Pipì gettò via la pipa di bocca e non fumò più.
Eppure bisogna convenire che quella pipa rubata gli portò disgrazia.
Difatti, pochi giorni dopo, Pipì venne colpito da un orribile infortunio! Lo sciagurato perdé per sempre la sua bellissima coda: una coda così bella, che bastava averla vista una volta, per non potersela mai più dimenticare.
Come andò che Pipì perdé la sua magnifica coda?
È una storia crudele e dolorosa, che fa venire le lacrime agli occhi soltanto a pensarvi; e io ve la racconterò in quest’altro capitolo.

2. Come andò che Pipì perse la sua bellissima coda

Bisogna dunque sapere che, appena usciti fuori di quella foresta, dove stavano di casa Pipì e la sua famigliola, si trovava subito un gran lago abitato da un vecchio coccodrillo, che contava oramai duemil’anni di vita.
Arabà-Babbà (così chiamavasi il vecchio coccodrillo), divenuto cieco degli occhi a cagione dell’età decrepita, e non potendo più guadagnarsi un boccon di pane col sudore della sua fronte, era condannato a starsene dalla mattina alla sera rasente alla riva del lago, con la testa fuori dell’acqua e con la bocca sempre spalancata, aspettando che tutti quelli che passavano di là, uomini o bestie che fossero, mossi a compassione di lui, gli gettassero in bocca qualche cosa di masticabile, tanto da non morir di fame e da tirarsi avanti almeno per un altro migliaio d’anni.
E tutti i passanti, uomini o bestie che fossero, bisogna dir la verità, non mancavano mai di fare un po’ di elemosina al povero vecchio.
E anche Pipì lo soccorreva frequentemente: ma quella birba, spesso e volentieri, invece di dargli o una frutta o un pesciolino morto, si divertiva a mettergli in bocca ora una manciata di sassolini, ora un fastello di stecchi e di ortica, ora un chiodo o un arpione arrugginito, trovati per caso lungo la strada.
Ma il vecchio coccodrillo non si arrabbiava per questi scherzi sguaiati. Tutt’altro.
Risputava tranquillamente i sassolini, gli stecchi, le ortiche e i chiodi, e soltanto scoteva leggermente il capo, come per dire:
«Bada, monello! O prima o poi, una le paga tutte!…».
Un giorno Pipì, quasi impermalito di vedere che i suoi scherzi non facevano né caldo né freddo, domandò al coccodrillo, atteggiandosi a ingenuo e a innocentino:
«Dite, Arabà: dacché siete al mondo, ne avete trovati mai degl’impertinenti, che vi abbiano fatto qualche dispetto o qualche burla sgarbata?»
«Se ne ho trovati, scimmiottino mio! Nel mondo, per tua regola, c’è più impertinenti che mosche.»
«Dite, Arabà: e quando i monelli vi fanno qualche dispetto, voi non vi risentite mai?»
«Caro mio! In tanti anni di vita ho imparato che la più gran virtù dei vecchi è quella di saper sopportare i giovani con pazienza e rassegnazione.»
«Dunque, dacché siete al mondo, non vi siete arrabbiato mai, mai, mai?»
Il coccodrillo, prima di rispondere, ci pensò un poco, e poi disse:
«Una volta sola. E sai chi fu che mi fece andare su tutte le furie? Fu uno scimmiottino, su per giù, della tua età….»
«E che cosa vi fece questo scimmiottino?» domandò Pipì, con una curiosità vivissima.
«Questo monellaccio, non saprei dirti come, era venuto a sapere che io curavo moltissimo il solletico sulla punta del naso. Allora che cosa inventò per darmi noia? Salì sopra uno di questi alberi, che circondano il lago, e, calandosi di ramo in ramo, arrivò con la punta della sua coda a farmi il pizzicorino sul naso. Figurati io! Mi trovai attaccato da una tal convulsione di riso, che durai a ridere e a ballare nell’acqua per una settimana intera! Credevo quasi di morire!»
«Davvero?… Oh povero Arabà!…», disse Pipì con falsa compassione.
E dopo se ne andò di corsa: e a quante scimmie e scimmiottini incontrava per la strada, ripeteva a tutti ridendo queste parole:
«Volete divertirvi? volete veder ballare il vecchio Arabà? Venite domattina sul lago e io vi farò assistere a questo bellissimo spettacolo».
La mattina dopo, come potete immaginarvelo, c’era sulla riva del lago una folla immensa.
Tutti aspettavano che Arabà ballasse il trescone.
Quand’ecco Pipì che salito sopra un albero sporgente sull’acqua, cominciò a calarsi giù di ramo in ramo, e tenendosi penzoloni per aria, si allungò e si distese tanto, da poter toccare con la punta della sua coda il naso del coccodrillo.
Ma il coccodrillo, appena sentì la coda di Pipì, chiuse la bocca e zaff… con un semplice morso dato a tempo, gliela staccò di netto fin dal primo nodello.
Lo scimmiottino cacciò un grido acutissimo di dolore: e buttandosi di sotto all’albero, si dette a scappare verso la foresta.
Arrivato vicino a casa, vi lascio pensare come rimase, quando, portandosi una mano di dietro, si accorse che la sua coda non c’era più.
La coda era rimasta in bocca al coccodrillo, che a quell’ora l’aveva bell’e digerita.
Preso dalla disperazione e vergognandosi a farsi vedere dalla sua famiglia in quello stato compassionevole di scimmiottino scodato, Pipì infilò per una viottola solitaria, camminando all’impazzata fino a notte chiusa, senza sapere neanche lui dove andasse a battere il capo.
Finalmente, non potendone più dalla stanchezza e dal sonno, si sdraiò sopra un monticello di frasche secche per riposarsi un poco.
E in quel mentre che era lì lì per appisolarsi, sentì negli orecchi una voce minacciosa, che gli gridò imperiosamente:
«Rendimi la mia pipa!…».
Lo scimmiottino, svegliandosi tutto spaventato, voleva fuggire; ma non poté: perché in men che non si dice, si trovò preso, rinchiuso in un sacco e caricato sulla groppa di una bestia con quattro zampe, che cominciò a correre di gran carriera.
“Che bestia sarà mai quella che mi porta via con tanta foga?”, pensava lo scimmiottino tremando dalla paura. “Se per caso è un leone, sono bell’e perduto!… Se per disgrazia è una tigre, peggio che mai!… Se è una iena o un leopardo, non c’è più scampo per me!… Oh me disgraziato! Che bestia sarà mai quella che mi porta via con tanta foga?…”
Per buona fortuna, la bestia ragliò… e allora Pipì sentì allargarsi il cuore dalla contentezza.
Quel raglio fu l’unica consolazione che avesse il povero Pipì durante il suo misterioso viaggio, rinchiuso in un sacco!

3. Pipì cade in un gran fiume e vien ripescato

Dopo aver camminato tre giorni e tre notti, senza prendere un minuto di riposo, finalmente la bestia che portava in groppa il sacco con lo scimmiottino dentro, si fermò tutt’a un tratto, e data una gropponata, scaricò il sacco in mezzo a una solitaria campagna.
E la gropponata fu così brusca e violenta, che il sacco, cadendo a terra, seguitò a ruzzolare sull’erba per un mezzo chilometro. Figuratevi quante capriole dové fare, al buio, il povero scimmiottino.
Ma il momento più brutto per lui fu quando si provò a rompere il sacco per uscir fuori.
Adoperò gli unghioli, e non concluse nulla: adoperò i denti, e nulla. Rifinito allora dallo strapazzo e dalla fame, cominciò a piangere come un bambino.
«Chi è che piange?», domandò un grosso topo, che passava per caso da quella parte.
«Sono io!… sono un povero scimmiottino che muore di fam…»
Ma non poté finire la parola, perché gli fu troncata a mezzo da un lunghissimo e sonoro sbadiglio, che gli scappò di bocca.
«Esci fuori, e mangerai.»
«Si fa presto a dire esci fuori: ma la vuoi intendere che non posso uscire?»
«Perché?»
«Perché non mi riesce di rompere il sacco.»
«Lascia fare: il sacco lo romperò io.»
Detto fatto, il topo si distese lungo sull’erba, e cominciò a rosicchiare con quanta forza aveva ne’ denti.
Ma il sacco non cedeva, perché era più duro del cuoio.
«Quanto tempo ti ci vorrà per bucarlo?», domandò lo scimmiottino.
»Il sacco resiste: ma in quattro o cinque mesi spero di averlo bucato!»
«Cinque mesi?», strillò di dentro il povero Pipì, «ma dopo cinque mesi troverai nel sacco appena i miei ossi e i miei unghioli!…»
E ricominciò a piangere più forte che mai.
«Chi è che piange?», domandò un vitello, che pascolava lì vicino.
«È un disgraziato scimmiottino, che non può uscire di dentro da quel sacco», rispose il topo.
«Perché non può uscire?»
«Perché il sacco è così duro, che non c’è verso di romperlo.»
«Lascia fare a me, che con un cozzo delle mie corna, lo sfonderò, come se fosse fatto di foglie di lattuga.»
E il vitello, senza stare a dir altro, si tirò indietro; e presa la rincorsa, andò a testa bassa a battere una terribile cornata nel sacco.
«Ohi! son morto!…», gridò di dentro il povero Pipì: e non disse altro.
Intanto il sacco, a quell’urto screanzato, riprese di nuovo a ruzzolare per terra, come una vescica piena d’aria: e il topo e il vitello a corrergli dietro per fermarlo: e il sacco via… ruzzolava sempre più lesto… e il topo e il vitello a rincorrerlo a salti e con la lingua di fuori.
E dopo aver corso una giornata intera, e, quando erano proprio lì lì per raggiungerlo, il sacco fece altri due ruzzoloni e giù… cadde in un fiume così profondo e così largo, che non si vedevano le sponde da una parte all’altra.
La mattina dopo alcuni pescatori bussarono alla porta di un bel palazzo, e al servitore che veniva ad aprire, chiesero premurosamente:
«È alzato il padroncino Alfredo?»
«Il padroncino», rispose il portiere, «è nella sala terrena, che prende il caffè e latte.»
«Avvisatelo, che stamani all’alba abbiamo pescato nel fiume il famoso sacco…»
«Che cos’è mai questo sacco?»
«Gli è quello che il padroncino aspetta da parecchi giorni.»
Appena il portiere ebbe fatta l’imbasciata, tornò in un attimo sulla porta e disse ai pescatori:
«Passate subito.»
I pescatori entrarono col sacco sulle spalle, e giunti alla presenza del padrone, lo posarono delicatamente sul pavimento.
«Apritelo!», disse il giovinetto Alfredo.
«È impossibile, signor padrone. Ci siamo provati a sfondarlo con gli scalpelli, con le scuri e co’ trapani… ma il sacco è più duro del macigno.»
«Prendete questo spillo, e bucatelo.»
E nel dir così, il giovinetto Alfredo si levò dal fazzoletto da collo uno spillo d’oro, sormontato da una grossa perla, sulla quale (cosa singolarissima!) si vedeva dipinta la testa di una bella bambina coi capelli turchini.
I pescatori presero lo spillo in mano, e guardandosi fra loro stupefatti, pareva che volessero dire: “Com’è possibile che con questo spilluccio d’oro si possa forare un sacco, che ha resistito ai trapani e agli scalpelli?”.
«Bucate subito quel sacco» ripeté Alfredo con voce di comando.
I pescatori, per atto di ubbidienza, si chinarono, provandosi a infilare la punta dello spillo: e immaginatevi quale fu la loro meraviglia, quando si accorsero che lo spillo entrava con tanta facilità, come se il sacco fosse stato di polenta o di panna montata.
Appena bucato leggermente, il sacco si aprì in due parti, e lasciò vedere un povero scimmiottino, tutto malconcio, che dava appena gli ultimi segni di vita.
Alfredo prese lo scimmiottino in collo e gli bagnò la bocca con un po’ di latte tiepido.
A poco per volta Pipì si riebbe ed aprì la bocca. Allora Alfredo gli pose in bocca una pallina di zucchero e un crostino imburrato.
Pipì inghiottì il crostino e lo zucchero, senza far nemmeno l’atto di masticarli.
Poi aprì gli occhi e li fissò negli occhi di quel simpatico giovinetto, che aveva per lui tante cure e tante attenzioni: e pareva quasi che volesse ringraziarlo.
Alla fine, quando a furia di latte, di crostini e di palline di zucchero, Pipì ebbe ripreso tutte le sue forze, allora saltò in terra, e stando ritto sulle gambe di dietro, cominciò a coprir di baci la mano del suo piccolo benefattore.
I pescatori, tutta gente d’ottimo cuore, commossi a questa scena, facevano i luccioloni e si rasciugavano gli occhi: ma il padroncino Alfredo disse loro:
«Andate alle vostre faccende e chiudete la porta di sala: ho grandissimo desiderio di parlare a quattr’occhi con questo scimmiottino».

4. Pipì diventa l’amico del giovinetto Alfredo

Quando Alfredo e Pipì si trovarono soli, cominciarono a guardarsi l’uno con l’altro, senza fiatare e senza fare il più piccolo gesto.
E si guardarono per un pezzo.
Alla fine Alfredo, non potendo più star serio, dette in una gran risata: e lo scimmiottino fece altrettanto.
E risero tutt’e due sgangheratamente, senza sapere il perché, come ridono i ragazzi un po’ giuccherelli, quando si lasciano prendere dalle convulsioni del riso.
Sfogati che si furono, Alfredo disse allo scimmiottino:
«Come ti chiami di nome?»
«Pipì.»
«E il tuo casato?»
Lo scimmiottino ci pensò un poco; e poi, grattandosi lesto lesto il capo, rispose:
«Pipì senza casato.»
«Quanti anni hai?»
«Sono il più piccino de’ miei fratelli.»
«E i tuoi fratelli che età hanno?»
«Sono più giovani del babbo e della mamma.»
«Ho capito tutto», disse il giovinetto ridendo. Poi gli domandò:
«E la coda dove l’hai lasciata?»
«Non lo so.»
«Come non lo sai?»
«L’avrò perduta per la strada! Sono così scapato!…»
«Eh via! ti par possibile che uno scimmiottino possa perdere la coda per la strada?»
«Allora vuol dire che l’avrò lasciata a casa. Sono partito con tanta fretta, che non ho avuto il tempo di vedere se avevo preso con me tutto il bisognevole.»
«Dimmi Pipì; le dici mai le bugie?»
«Qualche volta… specialmente quando mi vergogno a dire la verità…»
«Ti fa torto: le bugie non vanno dette mai.»
«Non le dirò più.»
«Raccontami dunque la verità. Com’è che hai perduta la coda?»
Pipì, invece di rispondere, cominciò a strofinarsi gli occhi, poi disse piangendo:
«Me… l’hanno… mangiata!…».
«E chi te l’ha mangiata?»
«Arabà-Babbà, un coccodrillaccio, che mangerebbe anche il fuoco!…»
«E come avvenne che te la mangiò?»
«Io volevo fare il chiasso… e lui fece per davvero.»
«Oh povero Pipì!»
«E che bella coda! Una coda, lo creda, signore… Come si chiama lei?»
«Alfredo.»
«E il casato?»
«Alfredo senza casato.»
«Lo creda, signor Alfredo senza casato, una coda che faceva gola soltanto a vederla. Quella coda era tutto il mio patrimonio.»
«E perché sei scappato di casa?»
«Non sono scappato… mi hanno chiuso in un sacco e mi hanno portato via.»
«E ora che cosa pensi di fare?»
«Qualche cosa farò. Io mi accomodo a tutto.»
«Per esempio?»
«Io mi contento di poco. A me mi basta di mangiare, di bere e di andare a spasso. Non domando nulla di più.»
«Sei discreto davvero! Ma chi ti darà da mangiare?»
«Io confido in lei.»
«Perché no? Io son pronto a darti da mangiare: a patto però che tu sappia guadagnartelo. Sei avvezzo a lavorare?»
«Se debbo dir la verità, invece di lavorare, io mi diverto molto più a veder lavorare gli altri.»
«Vuoi prendere il posto di mio cameriere?»
«Si figuri!», rispose Pipì, stropicciandosi insieme le due zampine davanti per la grande allegrezza.
«Fra pochi giorni», rispose il giovinetto Alfredo, «io partirò per fare un lungo viaggio. Durante questo viaggio, vuoi tu essere il mio cameriere, il mio compagno di avventure?»
«Si figuri!»
«A colazione ti darò ogni mattina cinque pere, cinque albicocche e un bel cantuccio di pan fresco: ti piace il pan fresco?»
«Si figuri!»
«A desinare mangerai alla mia tavola, e ti farò portare un piatto di pesche, di susine e di albicocche: ti piacciono le albicocche?»
«Si figuri!»
«A cena mangerai otto noci e quattro fichi dottati: ti piacciono i fichi dottati?»
«Si figuri!»
«Tutte le volte poi che farai qualche balordaggine o qualche cattiveria, allora con questo frustino ti affibbierò una carezza sulle gambe: ti piacciono le carezze fatte col frustino?»
«Mi piacciono di più i fichi dottati», mugolò Pipì grattandosi il capo con tutt’e due le zampe.
«Accetti dunque i miei patti?» domandò Alfredo.
«Accetto tutto… fuori però che quelle carezze…»
«Anche le carezze col frustino: se no, vattene!…»
«Ma le carezze… me le affibbierà adagino… senza farmi male… non è vero?»
«Te le affibbierò secondo i tuoi meriti. Dunque?…»
«Dunque fin da questo momento, io sono il suo cameriere, il suo segretario e il suo compagno di viaggio.»
Allora Alfredo andò verso la tavola e sonò un campanello d’argento. A quella chiamata si presentò il solito servo sulla porta.
«Fate passare subito il sarto, con la paniera di tutto il vestiario.»
Il servo uscì: e dopo due minuti entrò il sarto con la paniera.
«Vestitemi quello scimmiottino con la livrea di mio cameriere», disse Alfredo.
Il sarto, senza farselo ripetere, prese dalla paniera due scarpine scollate di pelle lustra, con un bel fiocchetto di seta sul davanti e le calzò in piedi a Pipì.
Poi gl’infilò un paio di calzoncini rossi da legarsi al ginocchio: e dal ginocchio in giù gli abbottonò un paio di piccole ghette color di uliva fradicia.
Poi gli avvolse intorno al collo un fazzoletto bianco, inamidato e stirato a uso cravatta: lo aiutò a infilarsi una sottoveste di panno giallo e una giubbettina a coda di rondine, di panno nero, che gli tornava una pittura: e finalmente gli accomodò in testa un cappellino a cilindro, col suo bravo brigidino da una parte, come hanno tutti i camerieri dei grandi signori.
Quando Pipì fu vestito tutto da capo ai piedi, Alfredo gli disse:
«Su, da bravo, vieni qua da me e va’ a guardarti in quello specchio».
Lo scimmiottino si mosse franco e spedito; ma non essendo avvezzo a portare le scarpe, fece un bellissimo sdrucciolone e cadde lungo disteso.
Figuratevi le risate di Alfredo e del sarto.
Il povero Pipì faceva di tutto per rizzarsi, ma non gli riusciva. Puntava con sforzi inauditi i piedi in terra, ma i piedi scivolavano sui mattoni inverniciati: ed era subito un’altra musata battuta sul pavimento.
Alla fine si rizzò: e toccandosi il naso che era tutto sbucciato, disse piangendo al padroncino:
«Io… con le scarpe non so camminare… Io voglio andare scalzo».
«Fatti coraggio», disse Alfredo, «con un po’ di pazienza ti avvezzerai anche alle scarpe. In questo mondo ci si avvezza a tutto.»
«Ma io ci patisco troppo.»
«Pazienza! In questo mondo ci si avvezza anche a patire, diceva il mio babbo. Su, su: vieni a guardarti allo specchio.»
Lo scimmiottino si mosse una seconda volta: ma camminava a sentita, con passo di formica, pianin pianino, come se avesse camminato sulle uova.
Giunto dinanzi allo specchio, diè appena una prima occhiata a volo; e tiratosi indietro spaventato, cominciò a strillare disperatamente:
«Oh come sono brutto!… Oh povera mamma mia, come hanno sciupato il tuo scimmiottino!… Non sono più io!… Non sono più Pipì!… Mi hanno vestito da uomo… e sono diventato un mostro da far paura. Non voglio più star qui: voglio andarmene… voglio tornarmene a casa mia. Non voglio più questi vestitacci; no, no, no!…».
E, gridando e avvoltolandosi per terra, si levò le scarpe e le buttò nel camminetto: tirò il cappello sul viso del sarto, si strappò il fazzoletto bianco dal collo: e spiccato un gran salto, uscì fuori dalla finestra e si dette a correre per i campi.
Povero Pipì! correva e correva: ma non aveva ancora fatto cento passi, che sentì afferrarsi per i calzoncini dalla parte di dietro, e si trovò sollevato da terra, in bocca a un grosso cane di Terranuova.

5. Pipì promette all’amico Alfredo di accompagnarlo in un lungo viaggio, ma promette, senza credersi obbligato a mantenere

Il cane di Terranuova era uno di quei cani pasticcioni, intelligenti, amorosi, che si affezionano al padrone, come l’amico all’amico.
Non gli mancava altro che la parola per essere quasi un uomo. Di soprannome lo chiamavano Filiggine, a motivo del suo pelame nero morato, come la cappa del camino.
Quando Alfredo si accorse che Pipì tirava a scappare, fece un fischio a Filiggine: e Filiggine, in quattro salti, raggiunse lo scimmiottino, e presolo, come già s’è detto, per i calzoncini dalla parte di dietro, lo riportò pari pari in casa del padrone.
«Perché volevi scappare?», gli domandò Alfredo in tono di rimprovero.
«Perché… perché…»
«Su, su! Rispondi con franchezza.»
«Perché io voglio tornare a far lo scimmiottino insieme col mio babbo, con la mia mamma e coi miei fratelli… e non voglio mascherarmi da uomo…»
«E allora perché, poco fa, hai accettato di essere il mio compagno di viaggio?»
«Perché credevo che fosse una cosa… e invece è un’altra.»
«Vuoi dunque proprio andartene?»
«Anche subito… Ma lei mi faccia il piacere di non mandarmi dietro quel solito canaccio nero… perché se no, Filiggine, dopo cinque minuti, mi riporta di peso in questa stanza.»
«Non aver paura. Filiggine senza il mio comando, non si muove di qui. E quanto sei lontano da casa tua?»
«Dimolti, ma dimolti chilometri.»
«E prima di metterti in viaggio, non senti bisogno di mangiar qualche cosa?»
A dirla schietta, lo scimmiottino non aveva l’ombra della fame: ma tentato dalla sua gran ghiottoneria, rispose abbassando gli occhi e facendo finta di vergognarsi:
«Un bocconcino lo mangerei volentieri…».
Alfredo sonò il campanello d’argento, e il servo portò in tavola un cestino pieno ricolmo di bellissime pesche.
Lo scimmiottino non le mangiò, ma le divorò in un baleno.
Dopo le pesche, vide presentarsi un canestro di ciliegie così grosse, così mature e così rilucenti, che facevano venire l’acquolina in bocca soltanto a guardarle.
Pipì se le sgranocchiò tutte, a tre e quattro per volta: ma non volendo passare per uno scimmiottino ineducato, lasciò nel canestro i nòccioli, le foglie e i gambi.
Quando si sentì pieno fino agli occhi, allora si alzò da tavola, e fatta una bella riverenza, disse al padroncino di casa:
«Arrivedella signor Alfredo: scusi tanto l’incomodo e mille grazie della sua cortesia.»
«Addio, Pipì. Fa’ buon viaggio, e tanti saluti a casa.»
Lo scimmiottino si avviò per andarsene: ma in quel mentre vide entrare il cameriere con un paniere di frutta, che mandavano un odorino da far resuscitare un morto.
«E quelle che frutta sono?», domandò, tornando due passi indietro.
«Quelle son nespole del Giappone», rispose Alfredo. «Le avevo fatte preparare per la tua cena di stasera.»
Pipì rimase un po’ pensieroso: e poi disse:
«Pazienza!». E fattosi un animo risoluto, si avviò di nuovo per partire.
Giunto però sulla porta di sala, si trattenne alcuni minuti. Quindi, volgendosi al giovinetto, gli chiese:
«Scusi, signor Alfredo, che ore sono?»
«Mezzogiorno preciso.»
«Mezzogiorno?… A dir la verità, mi pare un po’ tardi per mettersi in viaggio.»
«Tutt’altro che tardi. Ti restano ancora sette ore di giorno chiaro, e in sette ore si fa dimolta strada.»
«Ha ragione e dice bene. Dunque arrivedella, signor Alfredo, scusi tanto l’incomodo e mille grazie della sua cortesia.»
E questa volta partì davvero. Ma dopo un quarto d’ora Alfredo se lo vide ricomparire in sala, tutto ansante e trafelato.
«Che cosa c’è di nuovo?», gli domandò il giovinetto.
«C’è di nuovo», rispose Pipì, «che questo sole sfacciato mi dà una gran noia e mi fa abbarbagliare gli occhi. Non potrebbe, di grazia, prestarmi un ombrellino di tela da pararmi il sole?»
«Volentieri.»
Alfredo chiamò il cameriere: e il cameriere portò subito un grazioso parasole, dipinto con grandi fogliami di bellissimi colori azzurri e verdi.
Pipì prese l’ombrellino, l’aprì, e cominciò a girare intorno alla stanza, dando continuamente delle lunghissime occhiate al canestro delle nespole giapponesi.
«Amico mio», disse allora Alfredo, «se indugi un altro poco, farai notte senza avvedertene, e ti toccherà a viaggiare al buio.»
«Io di giorno non so camminare», rispose Pipì. «O non sarebbe meglio che partissi questa sera dopo cena?»
«Padronissimo di fare come credi meglio.»
E nel dir così, Alfredo lasciò balenare in pelle in pelle un risolino canzonatorio, che pareva volesse dire:” Caro il mi’ ghiottone! Ho bell’e capito qual è il tuo debole: lascia fare a me, che ti domerò io!”.
Quando fu l’ora della cena, Pipì, senza nemmeno aspettare di essere invitato, andò a sedersi alla tavola dov’era seduto Alfredo: ma questi pigliando un tono di voce serio e padronale, gli disse:
«Che cosa fate costì?»
«Vengo a cena anch’io.»
«Le persone che vengono alla mia tavola, le voglio veder vestite decentemente. Andate subito a mettervi la giubba.»
«Io… con la giubba… non so mangiare. La giubba non me la metto.»
«Allora ritiratevi là, in fondo alla sala, e contentatevi di assistere alla mia cena.»
Quando Pipì si accorse che Alfredo diceva sul serio, si dette a piangere e a strillare: e piangendo e strillando scappò dalla stanza: ma dopo poco tornò.
Quando rientrò nella stanza, aveva la sua giubbettina infilata e tutta abbottonata, come un piccolo milorde.
«Così va bene», disse Alfredo. «Mettetevi ora a sedere, e buon appetito!»
Il canestro delle nespole fu portato in tavola.
Inutile starvi a dire che, dopo un quarto d’ora, il canestro era vuoto, e lo scimmiottino era pieno, da non poterne più.
«Ora poi me ne vado davvero», disse alzandosi da tavola con grandissima fretta.
Ma nel mentre che stava armeggiando per levarsi di dosso la giubbettina, il cameriere si presentò in sala con un magnifico vassoio di melagrane.
«Che odorino!», gridò Pipì, annusando e lasciando gli occhi sul vassoio delle frutta. «O quelle melagrane per chi sono?»
«Erano per la tua colazione di domani. Ma ormai tu parti, e le mangerò io.»
«Io… partirei volentieri, ma di notte non so camminare. O non sarebbe meglio che partissi domattina, dopo fatto colazione?»
«La tua camerina è già preparata. Buona notte.»
La mattina dopo, all’ora di colazione, lo scimmiottino si presentò puntualmente vestito con la giubba di panno nero: ma il signor Alfredo, dopo averlo squadrato da capo ai piedi, gli disse con accento vivace e risentito:
«Chi vi ha insegnato a presentarvi alla tavola di un gentiluomo, senza scarpe ai piedi e senza fazzoletto al collo? Andate subito a mettervi le scarpe e la cravatta.»
Pipì, confuso e mortificato, cominciò a grattarsi la testa e il naso, e piagnucolando disse:
«Ih… ih… ih… le scarpe mi fanno male… e il fazzoletto mi serra la gola. Piuttosto voglio andar via subito… voglio tornarmene a casa mia.»
«Levatevi dunque dalla mia presenza.»
Pipì si avviò mogio mogio verso la porta della sala: ma prima di uscire, si voltò per dare un’ultima occhiata al vassoio delle melagrane. Poi se ne andò.
«Questa volta è partito davvero», disse Alfredo tutto afflitto. «E me ne dispiace. Gli volevo bene a quello scimmiottino. Che cosa dirà la mia buona fata, quando saprà che l’ho scacciato? Eppure, era lei che me l’aveva fatto capitare fin qui, proprio in casa, consigliandomi a prenderlo per mio segretario e per mio compagno di viaggio!… Ma oramai quel che è fatto, è fatto, e ci vuol pazienza.»
Mentre Alfredo parlava in questo modo fra sé e sé, gli parve che fosse bussato alla porta della sala e nel tempo stesso si udì una vocina di fuori che disse:
«Signor Alfredo, che mi ha chiamato?»
«Chi è?», gridò il giovinetto rizzandosi in piedi.
«Sono io.»
La porta si aprì e comparve lo scimmiottino.
Aveva in piedi le sue scarpettine scollate e portava la testa ritta e impalata, perché il fazzoletto da collo, moltissimo inamidato, gli segava terribilmente la gola.
A quella vista inaspettata, è impossibile immaginarsi l’allegrezza di Alfredo. Andò incontro a Pipì, lo abbracciò, lo baciò, gli fece un mondo di carezze, come si farebbero a un carissimo amico, dopo vent’anni di lontananza.
Giurarono di non lasciarsi mai più e di fare insieme questo gran viaggio intorno alla terra.
Il bastimento sul quale dovevano imbarcarsi, era aspettato di giorno in giorno.
Finalmente il bastimento arrivò.
La sera della partenza, Alfredo e Pipì pranzarono insieme, come erano soliti di fare. E durante il pranzo parlarono di mille cose, dissero un visibilio di barzellette, e risero e stettero allegrissimi come due ragazzi alla vigilia delle vacanze autunnali.
Alzatisi da tavola, Alfredo disse guardando l’orologio:
«Il bastimento parte a mezzanotte. Dunque abbiamo appena un’ora di tempo per dare un’occhiata ai bauli e per vestirci tutti e due in abito da viaggio».
In cinque minuti io son pronto, disse Pipì, e ballando e saltando entrò nella sua camerina.
E quando fu lì, cominciò subito a levarsi la giubbettina di panno nero per infilare una piccola giacca di tela bianca; invece delle scarpine calzò un paio di stivaletti a doppio suolo, e invece del solito cappello si ficcò in testa un elegante berrettino di seta celeste.
Poi andò a guardarsi allo specchio: ma nel mentre che se ne stava tutto contento, pavoneggiandosi e facendo con la bocca e con gli occhi mille versacci grotteschi, sentì un piccolo rumore, come se qualcuno di fuori si arrampicasse per salire fino alla sua finestra di camera.
Da principio ebbe una gran paura: ma, fattosi coraggio, aprì la finestra e vide… vide due zampe che lo abbracciarono stretto intorno al collo e intese una voce soffocata dalla consolazione e dalla gioia, che mugolava teneramente.
«Oh mio povero Pipì!… Finalmente ti ho ritrovato.»

6. Pipì mancando alla sua promessa, corre a far baldoria

Pipì riconobbe subito la voce di suo padre e tutto commosso gridò:
«Che cosa fate qui, babbo mio, a quest’ora?»
«È un mese che ti cerco da per tutto.»
«E la mia mamma, dov’è?»
«È laggiù!»
«Dove?»
«In fondo a questo campo.»
«E i miei fratellini?»
«Sono laggiù anche loro.»
«E che cosa fanno in fondo al campo?»
«Ti aspettano a braccia aperte.»
«Oh come li rivedrei volentieri!»
«Vieni dunque a vederli!»
«Se ci verrei!… Figuratevelo voi! Ma in questo momento non posso… proprio non posso…»
E dicendo così lo scimmiottino cominciò a piangere dirottamente e a graffiarsi per disperazione gli orecchi.
«E perché non puoi?», gli domandò singhiozzando il vecchio genitore.
«Perché ho promesso a un amico…»
«E che promessa gli hai fatto?»
«Gli ho promesso di partire questa sera con lui, e di accompagnarlo in un gran viaggio che egli deve fare intorno al mondo.»
«E tu, per tener compagnia a un amico, avrai il coraggio di abbandonare la tua povera famiglia? Senza di te, noi moriremo tutti di dolore!»
«Oh! non dite così: se no mi metterete al punto di mancare alla promessa…»
«E a che ora dovresti partire?»
«Fra pochi minuti.»
«Vieni almeno a dire addio a’ tuoi fratelli, che ti aspettano in fondo al campo.»
«E se il signor Alfredo in questo frattempo mi chiamasse?»
«Chi è il signor Alfredo?»
«È l’amico.»
«Se ti chiama… e tu lascialo chiamare.»
«E se il bastimento partisse?…»
«E tu lascialo partire.»
Lo scimmiottino, tutto contento di aver trovato una buona scusa per non mantenere la sua promessa, rispose scotendo il capo:
«Sarà quel che sarà… A buon conto prima di partire per questo gran viaggio, voglio rivedere la mia mamma e i miei fratellini.»
Detto fatto, montò sulla finestra, e spiccando un gran salto, si buttò di sotto. Allora si sentì un tonfo, come quello di un grosso pietrone cascato in un fosso pieno d’acqua e di mota.
«Babbo mio, aiutatemi, se no son morto!» grido Pipì con urlo disperato.
Che cos’era avvenuto?
Era avvenuto che la terra di quel campo, a cagione delle grandi piogge dei giorni precedenti, era così rammollita e fangosa, che lo scimmiottino, cadendovi sopra, vi era rimasto affondato fino alla gola.
Per buona fortuna suo padre fece in tempo a salvarlo: ma quando Pipì uscì fuori dal pantano, non aveva più in piedi gli stivaletti. Gli stivaletti erano rimasti seppelliti un metro sotto terra.
«Pazienza!», disse ridendo. «Me ne ricomprerò un altro paio, prima di montare sul bastimento.»
E senza stare a perder tempo, babbo e figliolo presero una viottola lungo il campo, e cominciarono a correre. Ma non avevano ancora fatto venti passi, che Pipì sentì volarsi al disopra della testa un uccello notturno, il quale con una beccata gli portò via il berrettino da viaggio.
«Uccellaccio del mal’augurio, rendimi subito il mio berretto», urlò lo scimmiottino.
«Cucù!», fece l’uccello, e continuò il suo volo.
«Pazienza! Mi ricomprerò un altro berrettino prima di montare sul bastimento.»
E babbo e figliolo ripresero a correre: ma sul più bello, un grosso pruno uscito dalla siepe, afferrò co’ suoi spunzoni i calzoncini e il giubbettino di Pipì, e li ridusse in minutissimi stracci.
«Ora eccomi qui senza calzoni e senza giubbettino!…»
«Pazienza!», gli disse il suo babbo. «Te li ricomprerai prima di montare sul bastimento.»
«Oh povero me! povero me!», gridò lo scimmiottino simulando un gran dispiacere. «Di tutto il mio bel vestiario da viaggio, non mi è rimasto altro che la camicia e il fazzoletto da collo.»
E nel dir così, fece l’atto di cercarsi la camicia, ma invece della camicia si trovò addosso un camiciotto di foglie d’ortica. Tastò con le mani per accertarsi se almeno il fazzoletto da collo c’era sempre, ma invece del fazzoletto sentì sgusciarsi fra le dita una serpe grossa come un’anguilla di mare.

7. Pipì comincia a pentirsi di aver mancato alla sua promessa

Il povero Pipì, nel toccar quella serpe, che si trovò avvoltolata al collo invece della cravatta, fu preso da uno spavento indicibile.
Avrebbe voluto urlare, ma la lingua gli era rimasta appiccicata al palato: avrebbe voluto correre e fuggir via, ma le gambe gli facevano giacomo-giacomo, ossia gli ciondolavano avanti e indietro, tale e quale come se fossero le gambe d’un morto, che si fosse provato a camminare.
Alla fine, non potendosi più reggere in piedi, si lasciò cascare per terra come un cencio, dicendo con un fil di voce:
«Muoio!…».
«Che cosa ti senti?», gli domandò suo padre, tutto sgomento.»
«Un gran male!…»
«E dove lo senti?»
«In tutta la persona.»
«E che male sarebbe?…»
«Il male della paura!…»
«Un gran brutto male, bambino mio: l’unico male per il quale i medici non abbiano saputo trovare ancora una medicina. Prova a farti un po’ di coraggio…»
«Ho provato.»
«E ora come ti par di stare?»
«Peggio di prima.»
«Ma qual è la cagione di tutto questo spavento?»
«Una gran disgrazia, babbo mio, sta per cascarmi addosso!»
«E come fai a saperlo?»
«Ho avuto, in pochi minuti, troppi indizi… troppi segnali. Vi ricordate i miei stivaletti nuovi rimasti affogati nella mota? E il giubbettino e i calzoni fatti in pezzi da quel dispettosaccio di pruno? E la camicia di tela fina diventata, tutt’a un tratto, di foglie di ortica? E quella brutta serpe, che or ora mi è scappata di mano? Eccola sempre lì, eccola sempre lì!… Guardatela!…»
«Chi?»
«La serpe…»
Il babbo di Pipì si voltò a guardare verso il punto indicato, e vide difatti in mezzo alla profonda oscurità della notte, una grossa serpe, che risplendeva tutta di vivissima luce rossa, come se fosse stata una serpe di cristallo, con in corpo un lampione acceso da tranvai.
La serpe, stando a collo ritto, teneva i suoi occhi fissi in quelli dello scimmiottino.
«Che cosa vuoi da me?», gli domandò Pipì, facendosi un coraggio da leone.
«Vengo a portarti i saluti del signor Alfredo», rispose la serpe.
«Povero signor Alfredo!… È forse partito per il suo viaggio?»
«È partito pochi minuti fa, e mi ha raccontato che tu avevi promesso di accompagnarlo.»
«È vero, è vero, è vero!… Domani forse partirò anch’io e spero di poterlo raggiungere in alto mare.»
«Speriamolo davvero! A buon conto, ricordati, scimmiottino mio bello, che quando si promette una cosa, bisogna mantenerla! Hai capito?»
Appena dette queste parole, la serpe sparì nel buio della notte e non si vide più.
Allora Pipì, tormentato in cuore da una specie di rimorso, fu quasi sul punto di dire addio a suo padre e di prendere la strada più corta, che menava alla spiaggia del mare: ma mentre stava lì per decidersi, vide lontano lontano alcune fiaccole accese, che si movevano in qua e in là, e sentì una musica allegra di pifferi, di tamburi e di mandolini.
«Che cos’è quella musica e quei lumi?», domandò tutto meravigliato.
«Come? Non ti riesce d’indovinarlo?»
«No.»
«Sono i tuoi fratellini, che vengono a incontrarti con la fiaccolata e a suon di banda!…»
«Oh che piacere! Oh che bello spettacolo! Corriamo, babbo, corriamo…»
E tutti e due si dettero a correre lungo la viottola: e Pipì, che aveva riacquistata in un attimo la forza delle sue gambine svelte e sottili, non solo correva, ma si sarebbe detto che volava come un uccello.
E ora chi mi dà le parole adatte per descrivere la scena del primo incontro? Credetelo a me: fu una scena così affettuosa e commovente, che è impossibile immaginarsela senza averla veduta coi propri occhi. Basti dire che l’allegrezza dei quattro fratelli nel rivedere il loro fratellino minore, che oramai credevano perduto per sempre, fu così tempestosa e smodata, che gli saltarono addosso tutti insieme e ci corse poco che non lo soffocassero sotto un diluvio di baci, di abbracciamenti e di carezze.
Quand’ebbero sfogati gli affetti del loro cuore, cominciarono a strillare in coro: curacà! curacà! curacà! (nel dialetto familiare delle scimmie bisogna sapere che curacà vuol dire: a cena! a cena! a cena!). Detto fatto, si posero seduti per terra intorno a una gran cesta di pesche, di albicocche e di fichi d’India, e lì, ridendo, grattandosi e facendo con la bocca mille smorfie e mille versacci in segno di grande esultanza, mangiarono a più non posso, come se fossero digiuni da due settimane.
E non solo mangiarono, ma bevvero allegramente: e bevvero un certo liquore spiritoso, fatto d’uva rossa strizzata, che somigliava come due gocciole d’acqua al nostro vino. E ne bevvero così a spugna, che dopo mezz’ora, dormivano tutti e russavano come tante marmotte.
Quand’ecco che, sul più bello del sonno, furono svegliati da un’orribile voce che gridò: «Guai, a chi si muove!…».

8. Il terribile assassino Golasecca e i suoi compagni. Golasecca si mette in tasca il povero Pipì e lo porta via

Lascio ora pensare a voi come rimanessero, quando, balzando in piedi e spalancando gli occhi, si videro circondati da una masnada di brutti figuri, neri come l’inchiostro e tutti armati di sciabole e di bastoni.
«Pover’a noi, siamo bell’e morti!», gridarono gli scimmiottini.
«Che morti e non morti?», replicò Pipì. «Per vostra regola, a morire c’è sempre tempo.»
«Ma chi saranno quei ceffi affumicati?», domandò un di loro.
«Ci vuol poco a indovinarlo: saranno assassini» rispose un altro.
«E che cosa vogliono da noi?»
«Ci vorranno derubare.»
«Derubare?», disse Pipì, ridendo. «Scusate, miei cari fratelli: quanti quattrini avete?»
«Nemmen’uno.»
«Allora il più ricco di tutti sono io…»
«O tu quanto hai?»
«A me», rispose Pipì, «mi mancano solamente cinque centesimi per fare un soldo.» Poi continuò, grattandosi il naso: «Che assassini originali! Nessuno di loro ha il coraggio di farsi avanti».
E diceva la verità.
Difatti, tutti que’ brutti figuri, che riuniti assieme formavano una specie di cerchio, se ne stavano lì ritti impalati, senza fare un gesto, senza batter occhio, senza brontolare una mezza parola.
Allora Pipì, avanzandosi in mezzo, disse con bella maniera:
«Scusino, signori assassini; che ci farebbero il piacere di lasciarci passare?».
Nessuno rispose: nessuno fiatò.
«Grazie tante della loro cortesia», soggiunse lo scimmiottino. «Debbono dunque sapere che noi siamo una povera famiglia: il babbo, la mamma, e cinque figlioli, e vorremmo tornare a casa nostra: che si contentano lor signori?»
Al solito, nessuna risposta.
«Ho capito: e grazie tante della loro cortesia. Su, babbo, da bravo! Poiché questi signori sono contenti, spiccate un bel salto, e passando loro di sopra al capo, andate ad aspettarci sulla strada.»
Lo scimmione fece il salto: e dopo lui, lo fece la moglie: poi i quattro figlioli.
«Ora tocca a me», disse Pipì, che era rimasto solo in mezzo al cerchio formato dagli assassini: ma quando fu sul punto di prendere la rincorsa e di slanciarsi… che è, che non è… tutti quegli assassini diventarono così lunghi e così alti, che parevano tanti campanili.
«Pipì! Pipì!», gridavano di fuori i suoi fratelli, chiamandolo con urli disperati.
Ma il povero scimmiottino non aveva più fiato di rispondere.
«Che cosa pensi di fare?», gli domandò allora il capo della masnada, uscendo finalmente dal suo ostinato silenzio.
«Penso di tornarmene a casa mia…»
«T’inganni, povero Pipì! Tu non tornerai a casa.»
«Pazienza! Resterò qui.»
«Nemmeno: tu verrai con me…»
«Con lei?… Neanche se mi fa legare…»
«Tu verrai con me.»
«Neanche se mi regala cento panieri di ciliegie.»
«Tu verrai con me.»
«Neanche morto!»
Il capo della masnada, senza aggiungere altre parole, si chinò, e preso il povero scimmiottino per la collottola, se lo pose nella tasca della sua casacca. Poi abbottonò la tasca con tre bottoni, che parevano tre ruote da carrozza.
«Ora possiamo andare», disse ai suoi compagni: e tutti insieme si avviarono verso la strada maestra.
È impossibile ridire la disperazione, i pianti e gli urli dei fratellini di Pipì. Lo chiamavano con acutissime grida: ma non ebbero altra consolazione che quella di vedere le zampettine del povero scimmiottino, che uscivano fuori dalla tasca del capo-masnada, e si movevano con una lestezza vertiginosa, come se volessero raccomandarsi e chiedere aiuto.

9. All’Osteria delle Mosche.

Quando gli assassini si furono allontanati una ventina di chilometri, il terribile Golasecca (era questo il soprannome del capo-masnada) si fermò in mezzo a un campo e, voltandosi ai suoi compagni, disse loro con una vociaccia roca, che pareva il brontolio d’un tuono lontano:
«Ora potete ritornarvene alla Capanna Nera. Aspettatemi là, e fra quattro o cinque giorni ci rivedremo».
«Scusate, maestro», gli domandò uno di quei brutti ceffi, «avete pensato a portare con voi qualche cosa da mangiare?»
«Non ho portato nulla.»
«Male! E se per la strada vi viene un po’ d’appetito?»
«Pazienza! Se non trovo altro, mi rassegnerò a mangiare questo scimmiottino, che ho qui in tasca.»
Il povero Pipì, udendo tali parole, cominciò dalla passione a grattarsi il naso e gli orecchi.
«Ma se voi mangiate lo scimmiottino», riprese il solito brutto ceffo, «che cosa vi dirà la Fata dai capelli turchini?»
«La Fata non potrà farmi nessun rimprovero: perché io le ho promesso di portarglielo vivo o morto. In ogni caso se mi verrà voglia di mangiarmelo per la strada, serberò intatta la pelle, perché la Fata possa vederla con i propri occhi e accertarsi così che ho adempito lealmente i suoi comandi.»
«Avete ragione, maestro. Dunque buon viaggio e sollecito ritorno.»
Appena gli assassini ebbero preso congedo dal loro condottiero, si attaccarono sotto le braccia delle grandi ali di tela incerata e, spiccato il volo, si alzarono in aria con grandissimo fracasso, come un branco di corvi spaventati.
Golasecca, rimasto solo, seguitò il suo viaggio attraverso ai campi, ai fiumi, e alle boscaglie, senza fermarsi mai, mai, mai!
Dopo aver camminato due giorni e due notti, sentì uscire dalla tasca della sua giacca una vocina soffocata, che pareva venisse di sottoterra, la quale disse con tono di piagnisteo:
«Ho fame!… Ho tanta fame!».
Golasecca, invece di rispondere, si accarezzò la sua lunghissima barba di caprone, e raddoppiando il passo, tirò diritto per i fatti suoi.
Ma dopo pochi minuti, ecco la solita vocina, che diceva raccomandandosi:
«Sor assassino, che mi darebbe un chicco d’uva, o una ciliegia, o anche una mezza pera solamente? Sono digiuno da tanti giorni, e sento che lo stomaco mi va via. Lo creda, sor assassino, ho una fame così grande, che la vedo anche al buio!…».
«Se hai fame», rispose Golasecca, ridendo di un riso sguaiato e canzonatore, «fruga nella mia tasca, e ci troverai tante ghiottonerie, da prendere un’indigestione.»
«Sono tre giorni che frugo: ma non mi riesce di trovarci nulla.»
«Allora mangia la fodera della mia tasca.»
«La prima fodera l’ho bell’e mangiata: la seconda è troppo dura e non mi riesce di roderla.»
«L’hai mangiata davvero?», urlò Golasecca, andando su tutte le furie. «Brutto scimmiottino! Lasciami arrivare all’Osteria delle Mosche, e non dubitare che aggiusteremo i nostri conti!…»
Intanto si era fatto notte.
E che notte orribile e indiavolata! Il cielo appariva tutto coperto di nuvoloni; lampeggiava e tonava: e gli alberi della foresta, sbatacchiati da un violentissimo vento, si divincolavano, cigolavano e urlavano, come tante anime disperate.
A mezzanotte in punto, Golasecca arrivò dinanzi all’Osteria delle Mosche: ma l’osteria era chiusa.
Picchiò alla porta una volta, due volte, tre volte: e nessuno rispose.
Allora, con quanto fiato aveva ne’ polmoni, si diè a gridare:
«Apri, Moccolino!… Apri!… Sono io!».
Moccolino era il nome dell’oste; e tutti lo chiamavano così, perché a cagione della sua figura sottile sottile, lunga lunga, e sbiancata sbiancata, somigliava tale e quale a un moccolino di cera gialla.
La sua osteria stava aperta solamente di giorno. Appena si faceva notte, Moccolino a scanso di seccature e di dispiaceri, chiudeva prudentemente la porta, spengeva il fornello e i lumi e se ne andava a letto.
E una volta entrato a letto, non apriva più a nessuno, anche se fosse rovinato il mondo. Dato il caso che qualche disgraziato, smarritosi di nottetempo nella foresta, avesse bussato all’osteria, Moccolino non se ne dava per inteso: o dormiva o faceva finta di dormire.
Quando Golasecca si accorse che l’oste, prendendosi gioco di lui, si ostinava a non volergli aprire, che cosa fece? Cominciò a distendere le braccia e le gambe, e a furia di distendersi e di allungarsi, diventò di una statura così alta e gigantesca, che il tetto dell’osteria gli arrivava appena a mezza vita.
Allora, lavorando con tutte e due le mani, si dette a scoperchiare il tetto; e i mattoni, gli embrici e i tegoli volavano via, come foglie portate dal vento.
Moccolino, impaurito da tutto quel fracasso infernale, cacciò il capo fuori delle lenzuola, e fingendo di essersi svegliato lì per lì, gridò con voce tremante:
«Chi è che mi chiama?»
«Sono io», rispose Golasecca, piegandosi e infilando il capo dentro la buca che aveva aperta nel tetto.
Per l’appunto questa buca rispondeva nella stanza dove dormiva l’oste, il quale sentì gelarsi il sangue, quando al fioco chiarore del lumino da notte, vide affacciata al soffitto della sua camera la minacciosa ghigna del terribile capo-masnada.
«Che cosa volete da me, maestro Golasecca?», domandò Moccolino, che dallo spavento non aveva più fiato in corpo.
«Che cosa voglio?… Voglio prenderti per un ciuffo dei capelli e scagliarti lontano mille miglia.»
«Deh! non lo fate!… Abbiate pietà di me.»
«Non meriti pietà.»
«Abbiate almeno pietà del mio bambino. Povero Guiduccio! Se rimanesse solo in questa casa, me lo mangerebbero i lupi.»
«No, no… io non voglio essere mangiato… dai lupi», disse fra il sonno il figlioletto dell’oste, che dormiva nella stessa camera del babbo, in un lettino a parte.
Alle parole di quel bambino, Golasecca mutò fisonomia: e preso un tono di voce un po’ più umano, disse all’oste:
«Su da bravo! Salta subito il letto e preparami da cena.»
Moccolino ubbidì alla prima: ma era tanta la paura e la confusione che aveva addosso, che non sapeva nemmeno lui come fare a vestirsi. Credé di aver preso le calze, e invece si ostinava a infilare i piedi nel berretto da notte. Accortosi dell’errore, si messe le scarpe, e sopra alle scarpe infilò le calze. Poi infilò la giacchetta, e sulla giacchetta la camicia, e sulla camicia la sottoveste, finché trovandosi in mano i calzoni e non rammentandosi più a che cosa servivano, li ripiegò perbene e li chiuse dentro l’armadio.
Scese quindi al pianterreno e aprì la porta dell’osteria.
Golasecca, che aveva ripresa la statura d’un uomo comune, entrò dentro scotendosi i panni che gocciolavano: e postosi a sedere dinanzi a una tavola apparecchiata, domandò all’oste:
«Che cosa mi dai per cena?».
«Tutto quello che desidera Vostra Signoria. Non deve far altro che comandare.»
«Che cosa c’è di carne?»
«Nulla di carne.»
«E di formaggio?»
«Nulla di formaggio.»
«E di pane?»
«Nulla di pane.»
«Che cosa posso dunque mangiare?», domandò l’assassino, tentennando il capo e cominciando a perdere la pazienza.
«Se Vostra Signoria desidera della frutta…»
«Che cos’hai di frutta?»
«Ciliegie, mandorle e pesche.»
«Dammi un bel piatto di pesche.»
«E a me, un bel piatto di ciliegie», disse una vocina, che uscì dalle tasche del vestito di Golasecca.
«Chi è che ha chiesto le ciliegie?», balbettò l’oste, tutto impaurito e maravigliato.
«Sono io», rispose la solita vocina.
«Non dubitare», interruppe Golasecca, e digrignando i denti, «non dubitare, Pipì, che le ciliegie te le darò io… e ti darò qualcos’altro! A buon conto, esci subito fuori, e facciamo i nostri conti.»
«Così dicendo, il capo-masnada sbottonò la tasca della sua giacca, e lo scimmiottino, senza tanti complimenti, saltò in mezzo alla tavola e si pose a sedere sopra una zuppiera di porcellana.

10. Come andò che Nanni, il gatto dell’Osteria delle Mosche, prese il posto di Pipì nella tasca dell’assassino

Allora Golasecca voltandosi a Pipì con un cipiglio da far paura, gli domandò:
«Chi è che ha mangiato la fodera della mia tasca?.»
Lo scimmiottino, come se non dicessero a lui, cominciò a guardare in qua e in là: ma poi, fissando i suoi occhietti mobilissimi e irrequieti in faccia al capo-masnada, disse con voce carezzevole:
«Vi contentate, sor assassino, che vi parli sinceramente? Io non ho veduto mai una barba così bella come la vostra! Voi avete la più bella barba del mondo!».
«Lasciamo star la barba e rispondiamo a tono: chi è che ha mangiato la fodera della mia tasca?»
«E se fosse la barba solamente, vorrebbe dir poco», soggiunse lo scimmiottino. «Egli è che tutti dicono che voi siete la più buona pasta d’uomo di questo mondo! Un vero cuor di Cesare! La perfetta cortesia travestita da brigante!…»
«Lasciamo stare il buon cuore e la cortesia: chi è che ha mangiato la fodera della mia tasca?»
«E se foste buono soltanto, sarebbe poco o nulla: egli è che siete anche bello! Volete che ve lo dica? Degli uomini belli ne ho veduti dimolti; ma un uomo bello come voi, non l’ho visto mai!»
«Bisognava avermi visto trent’anni fa!», replicò Golasecca lisciandosi i baffi e il barbone e ingegnandosi di apparire grazioso. «Allora ero bello davvero! Eh, Moccolino? Ditelo voi.»
«La prima volta, che vi ho conosciuto io, eravate un sole! un sole di mezzogiorno!», rispose l’oste.
«Oggi siete un sole sul tramonto!», soggiunse Pipì, «ma un tramonto magnifico! un tramonto che val più di un’aurora!…»
«Mi avvedo, caro scimmiottino, che tu hai molto spirito e molto ingegno: e per questo ti voglio bene» disse Golasecca commosso. «Scendi giù dalla zuppiera e vieni a sederti accanto a me. Ceneremo insieme. Moccolino! Porta subito in tavola un piatto di pesche e un piatto di ciliegie per il mio amico Pipì. L’amico Pipì è uno scimmiottino sincero e amante della verità, e se per caso incontra un uomo veramente bello, non ha nessuna paura a dirgli in viso: “Tu sei il più bell’uomo di questo mondo!”».
Fatto sta che mangiarono tutt’e due con grande appetito: e la cena fu piuttosto lunghetta.
Sul finir della cena, lo scimmiottino domandò al capo-masnada:
«Se non fossi troppo indiscreto, potrei sapere dove volete portarmi?».
«A casa della Fata dai capelli turchini.»
«E che vuole da me questa buona donna?»
«Essa è adirata.»
«E la ragione?»
«Perché dice che tu avevi promesso di accompagnare il suo figlio Alfredo in un lungo viaggio: e che poi hai mancato alla tua promessa.»
«Quanto è lontana di qui la casa della Fata?»
«Più di mille chilometri.»
«Io non ci voglio venire.»
«Padrone tu di non volerci venire» rispose Golasecca, facendosi serio «ma io ti ci porterò per forza!»
«Voi non mi ci porterete…»
«Perché?»
«Perché io scapperò!»
«Scapperai?», urlò l’assassino, mugghiando come un toro ferito. «A buon conto, rientra subito dentro la mia tasca, e domani all’alba partiremo.»
Così dicendo, Golasecca abbrancò con una mano lo scimmiottino e lo ripose al buio, assicurando la tasca con quei soliti tre bottoni grandi e spropositati, come tre ruote da carrozza. Poi, cavatasi la giacca, la gettò sopra una sedia: e appoggiando il capo al muro, disse a Moccolino:
«Io farò un sonnellino su questa panca: e tu bada bene all’alba di venirmi a svegliare.»
«Dormite tranquillo», rispose l’oste: e presa la candela, se ne tornò su, nella sua cameretta.
Ora bisogna sapere che Golasecca aveva un bruttissimo vizio: quello cioè di russare: e russando, faceva con la bocca un certo fischio lamentevole e prolungato, come quello che fanno gli uccellini quando vedono calare il falco.
Nel sentir questo fischio, Nanni, il bellissimo gatto soriano di Moccolino, entrò in punta di piedi nella stanza, annusando qua e là, forse con la speranza di trovare qualche uccelletto scappato di gabbia.
Ma, invece dell’uccelletto, trovò una giacca sopra una seggiola, e sentì che dalla tasca della giacca usciva un calduccino e uno strano odorino di carne.
“Che animale ci sia rinchiuso qui dentro?”, cominciò allora a dire fra sé: “Un topino, no dicerto: perché sarebbe troppo grosso. Forse un pezzo di vitella arrosto? Nemmeno, perché questo non è odore di carne cotta. O dunque?…”.
E tornò ad annusare: e dopo avere annusato e annusato, quell’odore era per lui come un libro stampato: non ci capiva nulla.
Ma intanto che stava lì almanaccando e leccandosi le basette, gli parve di udire un piccolissimo rumore. Rizzò subito gli orecchi e postosi in ascolto, sentì dentro la tasca un canto fioco fioco, che fece:
«Chicchirichì!».
«È un galletto», disse allora Nanni, miagolando dalla gran contentezza, «è un galletto di certo. L’odore veramente non parrebbe di carne gallinacea; ma questi gallettacci sono così furbi e traditori!… Mi ricordo sempre che una volta sul palcoscenico d’un teatro, portai via un galletto cotto in umido con le patate; e, nell’andare a casa, mi diventò ripieno di stoppa, di borraccina e di altre porcherie.»
«Chicchirichì!», si udì fare una seconda volta.
«Mi chiami, eh?», disse Nanni dentro di sé. «Ora vengo subito a trovarti; non dubitare. È tanti giorni che mi tocca a mangiar lucertole e grilli!… Un po’ di carne di galletto mi rimetterà lo stomaco a nuovo!»
E cominciò a lavorare di unghie e di denti per aprire i bottoni della tasca.
Appena, però, ne ebbe aperto uno, vide saltar fuori uno scimmiottino tutto garbato e complimentoso, il quale gli disse: «Ho sentito, mio caro gatto soriano, che tu desideri di mangiare un po’ di carne di galletto: ed è per farti piacere che ti ho lasciato in fondo a quella tasca un mezzo gallettino di primo canto. Se vuoi cavarti questa voglia, entra dentro, e buon appetito».
Nanni, senza farsi ripetere l’invito, entrò di corsa nella tasca: ma non era ancora finito d’entrare, che il bottone della tasca si richiuse subito sopra di lui.
«Ci sei dentro? e tu stacci!», disse Pipì, stropicciandosi tutt’allegro le zampe davanti. «E mentre che tu, povero Nanni, cerchi nella tasca il gallettino di primo canto… che non c’è stato mai, io me ne anderò lontano di qui… e tanti saluti a casa.»
Quando lo scimmiottino ebbe borbottato fra i denti queste parole, aprì pian piano la porta dell’osteria e disparve fra gli alberi foltissimi della foresta.
Per l’appunto quella notte era una nebbia così fitta, che non ci si vedeva da qui a lì.

11. Golasecca, dopo essere stato accecato, ritrova lo Scimmiottino color di rosa

Lo scimmiottino poteva essersi allontanato dall’Osteria delle Mosche appena un cento di passi, quando l’oste Moccolino, saltando giù dal letto e affacciandosi a capo della scala, gridò con quanta ne aveva in gola:
«Ehi, maestro Golasecca, se volete partire, spicciatevi, perché fra poco è giorno!».
«Me ne vado subito», replicò il capo-masnada, «e la cena ve la pagherò al mio ritorno.»
«Padron mio riveritissimo! Buon viaggio e scarpe larghe!»
Golasecca cercò al buio la sua giacca: e dopo averla trovata e messa addosso, portò subito la mano sulla tasca per assicurarsi dello scimmiottino.
Ma nel far questa mossa, cacciò un grido acutissimo di dolore, sentendosi portar via la pelle della mano da una terribile unghiata.
«Brigante d’uno scimmiotto! Ti diverti anche a graffiarmi? Guai a te se ti provi a ripetere lo scherzo! Faccio giuro di strapparti le unghie a una a una!…»
E così dicendo, uscì dall’osteria, e chiuse la porta dietro di sé.
Dopo aver fatto tre ore di strada, tornò a guardarsi la mano, e vide che la mano sanguinava sempre. Allora andò su tutte le furie, e tanto per avere un po’ di sfogo, tirò sulla tasca un solennissimo pugno.
«Gnaoooo!», gridò di dentro una voce, con miagolìo lamentevole.
«Ah! ti prendi gioco di me? Ti diverti a farmi il verso del gatto?… To’! Allora prendi anche questo!»
E giù un secondo pugno, più forte del primo.
«Gnaooo… gnaooo… gnaooo…», ripeté la solita voce con un miagolìo bizzoso e arrabbiato.
«Dunque non vuoi smettere? Non vuoi farla finita?»
E stava già per lasciar cascare il terzo pugno, quando, invece si diè a guaire come un can frustato, a cagione di un’altra unghiata traditora, che gli aveva lacerato tutto il fianco in modo da far compassione.
Allora Golasecca, fuori di sé dal dolore, perse la pazienza: e tirate fuori un paio di forbici arrotate, borbottò minacciosamente fra i denti:
«Ora, ora ti guarisco io dalla malattia delle unghie. Da oggi in là, brutto scimmiottino, sta’ pur sicuro che non graffierai nemmeno la pappa bollita!».
E levatasi la giacca, e sbottonati i bottoni della tasca, si preparava a ficcarci dentro le mani… quando tutt’a un tratto, uscì fuori un grosso gatto soriano, che avventatosi colle zampe agli occhi del capo-masnada, non c’era verso che volesse staccarsi. Era Nanni, il gatto dell’oste Moccolino. Alla fine si staccò, e fuggì via per i campi.
Golasecca, urlando dalla rabbia e dallo spasimo, avrebbe voluto inseguirlo: ma lo sciagurato non ci vedeva più! I feroci unghioli del gatto lo avevano accecato!
Golasecca vagò per cento giorni e cento notti in mezzo ai boschi, senza incontrar mai un pastore o un taglialegna, da potergli domandare la strada per ritornare a casa. Una volta, quando i lupi lo vedevano di lontano, se la davano a gambe per la gran paura che avevano di lui: ora sapendolo cieco, e incapace di difendersi, gli facevano mille lazzi e mille dispetti. Una volta, gli uccelli e le lepri, all’avvicinarsi di questo spaventoso cacciatore, sparivano come tante ombre: ora gli stessi passerotti, perfino i passerotti di nido, passandogli accanto, gli sbattevano per divertimento le loro ali sul naso, e le lepri e i leprottini gli ballavano fra i piedi la polca e la tarantella. Che bel coraggio! e che bella bravura non è vero, miei piccoli lettori?… Eppure è così: anche fra i ragazzi, se ne trovano pur troppo di questi passerotti e di questi leprottini, che si prendono mille confidenze sguaiate con tutti quegli infelici, che per ragione di età e di malanni non possono più difendersi né farsi rispettare.
Fatto sta che, una notte, mentre Golasecca andava giù per una viottola, fra gli alberi altissimi della foresta, cercando al tasto chiocciole e lumache per mettere insieme un po’ di cena, si trovò sbarrata la strada dal muro di una piccola casa. Bussò, tutto contento, alla porta.
«Chi è?», domandò una voce di dentro.
«Sono un povero cieco, smarrito nel bosco, che cerca un po’ di ricovero per passar la nottata.»
«Povero ciechino! Entrate pure!», ripeté quella voce: e la porta si aprì.
Lascio ora pensare a voi come rimase il nostro amico Pipì, quando si accorse di aver ricevuto in casa il suo tremendo persecutore.

12. Pipì è fatto imperatore

Come mai Pipì si trovava in quella casina solitaria, framezzo ai boschi? Che cos’era stato di lui, dopo la sua famosa fuga dall’Osteria delle Mosche?
Per rispondere a queste domande bisogna ritornare un passo indietro.
Dovete dunque sapere che lo scimmiottino, appena ebbe rinchiuso a tradimento il povero Nanni nella tasca di Golasecca, si diè a fuggire attraverso gli alberi della foresta, senza curarsi dove sarebbe andato a battere il capo. Il desiderio acutissimo che lo pungeva, era quello di trovare la strada che doveva ricondurlo a casa: ma, invece, correva all’impazzata di qua e di là, dove le gambe e la paura lo portavano. Ad ogni soffio di vento e ad ogni stormir di foglie, gli pareva sempre di aver dietro ai calcagni il terribile capo-masnada, col gatto in tasca. Alla fine, sul far del giorno, incontrò una tribù intera di scimmie, che urlavano, strillavano e si picchiavano fra di loro. Informatosi della cagione di tanto diavoleto, venne a sapere che la tribù era adunata per eleggere il proprio imperatore.
Allora Pipì, entrato in mezzo alla folla, accennò di voler parlare.
Si fece subito un gran silenzio: e Pipì prese a dire così:
«Miei carissimi confratelli! Sento che volete eleggervi un capo, e che a questo capo volete dare il titolo d’imperatore. Fin qui, nulla di male: perché oramai si sa che tutti i gusti son gusti, come diceva quel filosofo, che provava piacere a farsi pestare i piedi. Ma finora, fra quanti siamo qui presenti, non ne vedo che uno solo, il quale sia veramente degno di essere nominato imperatore…».
«Chi sarebbe mai questo tale? Pronunzia subito il suo nome», urlarono mille voci.
Pipì abbassò gli occhi, e non rispose nulla.
«Chi sarebbe questo tale?», ripeterono le solite voci, urlando più forte. «Vogliamo sapere il nome… il nome… il nome!…»
«Volete proprio saperlo?», disse allora Pipì. «Mi dispiace doverlo confessare in pubblico: ma l’unico che sia degno di essere eletto imperatore… sono io!…»
«Viva Pipì! Viva il nostro imperatore! Viva l’imperatore di tutte le scimmie!», gridò quella immensa folla entusiasmandosi e battendo le mani.
Fu portata subito in mezzo alla piazzetta una vecchia seggiola impagliata che, veduta di dietro somigliava moltissimo a un trono imperiale: e Pipì vi si assise sopra con sussiego e maestà.
Intanto una numerosa fanfara musicale, composta di cento cembali e di cento corni di bove, cominciò a sonare l’inno dell’incoronazione.
Quattro scimmiotti, vestiti da paggi, presentarono al nuovo imperatore un bel vassoio tessuto di giunchi, sul quale vedevasi la corona e lo scettro imperiale.
La corona era fatta di mele lazzarole infilate in un cerchietto di ferro: e lo scettro era una canna di zucchero bell’e candito.
Pipì prese la corona dal vassoio, e dopo averla con molta dignità annusata, se la pose in capo. Quindi afferrò lo scettro, e non potendo reggere alla tentazione, cominciò a succiarlo e a masticarlo: ma, per buona fortuna, uno scimmiotto, che era lì accanto e che faceva da cerimoniere, gli dette nel gomito per avvertirlo dell’atto sconveniente. Allora il nuovo imperatore smesse subito di succiare; e per rimediare allo scandalo dato, pensò bene di durare un quarto d’ora a leccarsi le dita.
In quel mentre, si fecero avanti sedici scimmioni, che portavano sulle spalle una magnifica lettiga, adorna di foglie, di fiori e di bellissime frutta.
La scimmia, che faceva la parte di gran cerimoniere, dopo avere strisciato due profondi inchini, disse rispettosamente al nuovo imperatore:
«Maestà, su, da bravo! Ora tocca a voi».
«Tocca a me? E che cosa debbo fare?»
«Per amore o per forza, degnatevi di saltare su quella lettiga.»
«E quando sarò saltato lassù, dove mi condurrete?»
«Al palazzo imperiale, dov’è la vostra residenza e il vostro letto.»
Pipì, a queste parole, fece una certa smorfia, che tradotta in lingua parlata, pareva che volesse significare: “A dir la verità, io dormirei più volentieri sopra un ramo d’albero, come ho fatto finora, che sopra un letto imperiale”. Tant’è vero che rivoltosi al gran cerimoniere gli domandò con tono agro-dolce:
«Scusate, amico: io sono il vostro imperatore, non è vero?».
«Verissimo.»
«E che cosa vuol dire imperatore?»
«Vuol dire che voi siete una scimmia, che comandate a tutte le altre scimmie, e che ogni vostro cenno e desiderio dev’essere immediatamente obbedito.»
«Quand’è così, dichiaro francamente che, invece di andare in lettiga, preferisco di camminare a piedi.»
«Mi dispiace, Maestà: ma voi non potete farlo.»
«Perché non posso farlo?»
«Perché un imperatore, che cammina a piedi, non è più un imperatore. Camminando a piedi, diventa una scimmia come tutte le altre scimmie.»
«Eppure avete detto che ogni mio desiderio dev’essere contentato.»
«Verissimo. Ricordatevi però, Maestà, che la più bella prerogativa che abbiano i regnanti, è quella di non poter far nulla a modo loro.»
«Ho capito, e vi ringrazio», disse Pipì. E, spiccato un salto, andò a sedersi sulla lettiga.
La fanfara, allora, cominciò a sonare alla viv’aria, e l’immenso corteggio si mosse con grand’ordine e con solennissima pompa.
Giunto al palazzo, l’imperatore si assise subito ad una tavola bell’e apparecchiata nella gran sala da pranzo. Il povero Pipì, sebbene fosse diventato imperatore, aveva un appetito che somigliava moltissimo alla fame, come un fratello potrebbe somigliare a una sorella: ma non riuscì a contentare il brontolio del suo stomaco, perché i vassoi pieni d’ogni ghiottoneria, appena portati in tavola, erano subito vuotati e spolverati dai commensali, che gli facevano corona.
«Il pranzo finì: e lo scimmiottino aveva più fame di prima.»
«Pazienza!», disse fra sé e sé. «Ora me ne anderò a letto, e dormendo, mi dimenticherò che non ho mangiato.»
Detto fatto, entrò nella camera imperiale: e dopo poco russava come un ghiro.
Quand’ecco che sul più bello, si trovò svegliato da una sinfonia indiavolata di cembali e di corni e da migliaia e migliaia di voci, che gridavano:
«Viva l’imperatore! Fuori l’imperatore!».
«Maestà», disse il gran cerimoniere, entrando in camera, «alzatevi e affacciatevi al balcone. I vostri sudditi vogliono vedervi.»
«Peccato!», brontolò Pipì, stropicciandosi gli occhi. «Dormivo così bene!»
E sbadigliando e barcollando si affacciò al balcone.
«Viva il nostro imperatore!», gridò novamente quell’immensa folla di scimmiotti radunati sotto le finestre della reggia.
«Grazie, amici», rispose Pipì, dimenando la testa in atto di salutare. «Sento che avete una bellissima voce, e me ne rallegro tanto con voi. E non avendo altro da dirvi, buona notte e ci rivedremo domani.»
A queste parole, la folla si sciolse tranquillamente, e Pipì tornò ad accovacciarsi sul suo letto imperiale.
Ma in quel mentre che stava lì per riprendere il sonno, ecco una nuova sinfonia di corni, di cembali e di urli popolari.
«Che cos’è stato?», domandò alzando il capo.
«Maestà», rispose il gran cerimoniere, entrando in camera «i vostri sudditi desiderano vedervi un’altra volta. Degnatevi affacciarvi al balcone.»
«Eccomi subito», disse Pipì. «Pregate intanto i miei amici a concedermi un minuto di tempo, tanto che io possa lavarmi il viso.»
Passò un minuto, ne passarono due, cinque, venti, e l’imperatore non si vedeva apparire.
Andarono allora a cercarlo in camera, e non lo trovarono più. L’imperatore era sparito.

13. Pipì riceve una lezione dal coniglio

Che cos’è stato dell’imperatore Pipì? Nessuno l’aveva veduto: nessuno sapeva darne contezza. Che fosse fuggito via da qualche finestra? Impossibile: perché le finestre, riscontrate a una a una, furono trovate tutte chiuse dalla parte di dentro. Dunque?…
Fatto sta, che lo cercavano da per tutto. Lo cercarono nell’armadio di camera, nella dispensa della sala da pranzo, nelle stanze di guardaroba, nei sottoscala, in tutti gli sgabuzzini e perfino nelle cantine del palazzo: ma inutilmente. Alla fine, fruga di qui, guarda di là, a qualcuno venne in capo l’idea di dare un’occhiata sotto il letto imperiale. Volete crederlo? Sissignori: l’imperatore era per l’appunto nascosto sotto il letto e se la dormiva saporitamente. Quale scandalo! Quale orrore!…
«Sire! Che cosa fate costì?», gli domandò il gran cerimoniere, pigliandolo rispettosamente per un orecchio.
«Dormo», rispose Pipì, sbadigliando e allungandosi.
«Svegliatevi, e rizzatevi subito in piedi! Non vi vergognate?»
«A dir la verità, quando ho sonno davvero non mi sono mai vergognato a dormire.»
«Ma perché addormentarsi in quel luogo? Dov’è, o Sire, la vostra dignità imperiale?»
«L’avrò forse dimenticata sotto il letto», rispose ingenuamente Pipì, il quale non sapeva che cosa fosse questa dignità tanto decantata.
Poi, chiamando in disparte il gran cerimoniere, gli bisbigliò in un orecchio:
«Volete, amico, che vi parli francamente? Avevo creduto finora che il far da imperatore fosse il più bel mestiere di questo mondo: ma oggi mi avvedo pur troppo di essermi ingannato. Oh fortunati gli scimmiottini che si contentano di rimanere semplici e modesti scimmiottini per tutta la vita! Almeno potranno levarsi il gusto di mangiare, quando hanno fame, di dormire quando hanno sonno, e sul più bello del sonno nessuno verrà mai a svegliarli, per costringerli a ringraziare dal balcone una folla di sfaccendati, che non hanno voglia di andare a letto».
Nel tempo che Pipì faceva questa confidenza intima al gran cerimoniere, il cielo s’era fatto nero come la cappa del camino, e l’acqua veniva giù a catinelle.
Allora si sentì sotto le finestre del palazzo imperiale uno strombettio di fanfare e un baccano di voci e strilli scimmiotteschi, che gridavano:
«Vogliamo il sole! Vogliamo il bel tempo!… Se no, abbasso l’imperatore!…».
«Amici miei», disse Pipì affacciandosi al balcone e parlando alla folla delle scimmie radunate in piazza. «Amici miei; come volete che io faccia a darvi il sole e il bel tempo, finché dura quest’acquazzone che pare un diluvio?»
«No, no! Vogliamo il sole a ogni costo, e lo vogliamo subito!»
«Confidate in me!», soggiunse Pipì. «Appena la pioggia cesserà e il tempo si rimetterà al buono, io prometto di darvi il sole e il bel tempo.»
Poche ore dopo, neanche a farlo apposta, la pioggia cessò e venne fuori un bellissimo sole.
Ma quando gli scimmiotti si accorsero che il sole scottava troppo, chiamarono le fanfare e recatisi dinanzi al palazzo dell’imperatore, presero a gridare:
«Vogliamo l’acqua! Vogliamo la pioggia!».
Pipì, annoiato da questa storia, aveva fatto giuro di non affacciarsi: ma poi sentendo che gli urli raddoppiavano sempre più, cacciò fuori il capo e disse:
«Volete proprio la pioggia?».
«Sì, sì! Vogliamo la pioggia, se no, abbasso l’imperatore!»
«Aspettatemi allora costì, e fra un minuto vi manderò la pioggia desiderata.»
A queste parole tenne dietro un gran battìo di mani e il suono della marcia imperiale. Detto fatto, dopo pochi minuti, Pipì si affacciò novamente al balcone, gridando:
«Eccovi la pioggia: e chi ne vuol di più, se la vada a prendere alla fontana!». E nel dir così, rovesciò sul capo dei dimostranti una gran catinella d’acqua.
Impossibile immaginarsi il tumulto che ne avvenne. Il palazzo fu invaso e preso d’assalto. Si cercò l’imperatore per tutte le stanze: ma non si riuscì a trovarlo. Che cosa rimaneva da fare? Non trovando l’imperatore, la folla dové contentarsi di bastonare il gran cerimoniere. È sempre così! Nelle cose di questo mondo ne soffre sempre il giusto per il peccatore!
Intanto Pipì, scappato di nascosto da una porticciola segreta, che restava dietro il palazzo, si era dato a correre per le viottole della boscaglia, come se avesse avute le ali ai piedi. E dopo aver corso due giornate intere, trovò in mezzo agli alberi una piccola casa senza finestre.
Sulla porta della casa c’era seduto un bel coniglio che aveva il pelame turchino (come i capelli della Fata): il quale, vedendo Pipì, si alzò da sedere e lo salutò garbatamente, portandosi la zampa destra all’altezza del capo, a uso del saluto militare.
«Che cosa fai costì, mio bellissimo coniglio?», gli domandò lo scimmiottino.
«Stavo appunto aspettando Vostra Signoria.»
«Chi è questa Vostra Signoria?»
«È lei.»
«Sono io? Ah intendo, intendo! Compatiscimi, amico; perché i poveri, come me, quando sentono darsi di Vostra Signoria, credono sempre che si parli di qualcun altro. Non avresti per caso da offrirmi un po’ da mangiare e un po’ da dormire?»
«Si degni di passar dentro, e troverà l’uno e l’altro.»
Pipì, com’è facile figurarselo, accettò di gran cuore l’invito: e appena messo il piede sulla soglia di casa, vide nella stanza terrena una tavola apparecchiata e una materassina ripiena di penne di uccello, distesa per terra.
Senza far complimenti, si pose subito a tavola, e dopo aver divorato in un attimo un piatto intero di nespole e di fichi verdini, principiò a dire sospirando: «Ho sofferto tanto, amico mio! La mia vita è tutta un’iliade…».
«Che cosa vuol dire iliade?»
«Non so nemmen’io e non m’importa di saperlo. Io sono come certi ragazzi figlioli degli uomini: ripeto a caso quel che sento dire e non mi curo d’altro.»
«Non mi pare una cosa fatta bene.»
«Pazienza! Cercherò di correggermi! Se tu conoscessi però tutte le mie disgrazie!…»
«Le conosco.»
«Come fai a conoscerle?», domandò lo scimmiottino maravigliato.
«Le ho lette nel Giornalino dei Bambini, che si stampa a Roma. Scusi, signor Pipì, la mia curiosità: ma lei non aveva promesso al padroncino Alfredo di tenergli compagnia in un gran viaggio intorno al mondo?»
«Mi spiego: gliel’avevo promesso… e non glielo avevo promesso…»
«Come sarebbe a dire?»
«Mi spiegherò più chiaro. Devi sapere che io fui tentato a far quella promessa… lo sai da chi? dalla gola.»
«Cioè?»
«Il signor Alfredo, per sedurmi, mi fece portare in tavola delle frutta così belle e così saporite… che io, a quella vista…»
«Ho capito, ho capito», disse il coniglio ridendo. «Lei fece su per giù come fanno certi ragazzi figliuoli degli uomini, i quali, pur di ottenere dai loro babbi e dalle loro mamme qualche ghiottoneria o qualche balocco, promettono di esser buoni, di studiare e di farsi onore alla scuola… e poi? E poi, appena ottenuta la grazia, dimenticano subito le belle promesse fatte e chi s’è visto, s’è visto: non è vero?»
«Ho paura, mio caro amico, che tu l’abbia indovinata.»
«Vuol sapere, signor Pipì, come diceva il mio nonno? Il mio nonno diceva sempre che “quando si promette una cosa, bisogna mantenerla, e che quelli che mancano alle promesse fatte, non meritano di essere rispettati dagli altri, né assistiti dalla fortuna”. Ha capito? Arrivedella, signor Pipì.»
E il coniglio, dopo queste parole, fuggì via come un baleno.

14. Pipì ritrova finalmente Alfredo e parte con lui

Intanto lo scimmiottino si persuadeva ogni giorno di più che quella casina fosse fatta apposta per lui: e dicerto vi sarebbe rimasto per tutto il resto della vita, se una sera, come già sapete, mosso a compassione di un ciechino che domandava per carità un po’ di ricovero, non avesse aperto la porta al suo terribile persecutore.
«Potrei sapere», disse Golasecca, appoggiandosi con le spalle alla porta che aveva richiusa dietro di sé, «potrei sapere chi è quel pietoso benefattore, che si è degnato di ospitarmi?»
«Quel benefattore sono io», rispose Pipì, alterando un poco la voce, per non essere riconosciuto.
«E voi come vi chiamate?»
«Mi chiamo… io!»
“Questa voce la riconosco!”, masticò il cieco fra i denti: quindi soggiunse:
«Ditemi, mio caro benefattore, avete mai veduto per questi dintorni uno scimmiottino color di rosa?».
«Degli scimmiottini ne ho veduti dimolti: ma non erano color di rosa: erano tutti di un colore verde e giallo, come la frittata cogli spinaci.»
“Questa è la sua voce!… è lui dicerto!” «Fra questi scimmiottini ne avete per caso conosciuto qualcuno che avesse nome Pipì?»
«No!… anzi, sì… Mi pare di averne conosciuto uno. Ma quel Pipì era una birba matricolata… un vero malanno.»
«Pur troppo! Figuratevi che io gli avevo fatto un monte di carezze e l’avevo perfino tenuto a cena con me, alla mia tavola… e sapete come mi ricompensò? Mi ricompensò col saltarmi agli occhi a tradimento e coll’accecarmi, come se fossi un filunguello!»
«Questo poi non lo credo.»
«Non lo credete?»
«No. Pipì era una birba: ma non aveva il cuore così cattivo da commettere una simile scelleraggine.»
«Eppure è lui che mi ha accecato.»
«No, no, no.»
«Sì, sì, sì.»
«Credetelo, Golasecca, quello che vi ha accecato non sono stato io; sarà stato Nanni, il gatto di Moccolino.»
«Ah! finalmente ti sei scoperto!», urlò il capo-masnada, con un grugnito di feroce allegrezza.
Pipì si pentì subito della sua imprudenza: ma oramai era tardi!
«Sono bell’e morto!», disse girando gli occhi in cerca di una finestra per poter fuggire. Quella casina disgraziatamente non aveva finestre!
Intanto Golasecca, brancolando in qua e in là con le mani, riuscì a prendere lo scimmiottino: e dopo averlo acciuffato, lo legò con una catenella di ferro e se lo pose a cavalluccio sulle spalle.
Poi uscì di casa, e prese la prima straducola che gli capitò davanti ai piedi.
«Che mi conducete a morire?», domandò il povero Pipì con un filo di voce che si sentiva appena.
«Fra poco te ne avvedrai! A buon conto, tu che hai gli occhi buoni, mi farai da guida lungo la strada.»
«Dove volete andare?»
«Dove le gambe mi portano.»
Camminando giorno e notte, fecero un lunghissimo tragitto senza fermarsi mai: finché una bella mattina si trovarono in una grossa città posta in riva al mare, e nel cui porto brulicavano cento e cento bastimenti a vapore.
Golasecca, sedutosi sopra una panchina lungo la spiaggia, cominciò a frugarsi tutte le tasche del vestito: ma non avendovi trovato nemmeno un soldo per comprarsi un boccon di pane, si volse verso Pipì che era mezzo morto di fame e di stanchezza, e gli domandò con garbo dispettoso:
«Dimmi, brutto scimmiotto, hai saputo mai far nulla nel tuo mondo?».
«Vale a dire?»
«Vale a dire, sai cantare qualche canzonetta? Sai sonare qualche strumento? Sai fare i salti e le capriole? Sai mangiare la stoppa accesa?»
«La stoppa accesa», rispose Pipì, «la lascio mangiare a voi. Io, però, so ballare benissimo la polca e so rifare con la bocca il suono della tromba e del violino.»
«Mi basta questo», disse Golasecca: e senza mettere tempo in mezzo, con quella sua vociona, che pareva una cannonata, si diè a gridare sul pubblico passeggio:
«Avanti, avanti, signori! Vedranno il celebre Scimmiottino color-di-rosa, il quale ebbe l’onore di ballare al cospetto di tutti i regnanti, nonché, viceversa, delle principali Corti di genuino emisfero. Il mio scimmiottino balla, canta, suona e fa mille altre scioccherie, come potrebbe farle un uomo e qualunqu’altra bestia ragionevole. Avanti, avanti, signori! La spesa è piccola e il divertimento è grande».
Dopo questa parlantina calorosa, ebbe principio lo spettacolo dinanzi a un pubblico numerosissimo e, come si suol dire, molto scelto e intelligente. Il nostro amico Pipì non solo piacque, ma fece furore: tant’è vero che gli spettatori, a furia di urlare e di gridar bravo, erano rimasti fiochi e senza voce.
Dopo finito lo spettacolo e sfollata la gente che si accalcava d’intorno, Golasecca sentì toccarsi in un braccio; e voltandosi burbanzosamente, si trovò dinanzi un bel giovinetto, in abito di viaggiatore, che gli domandò con graziosa maniera:
«È vostro quello scimmiottino?».
«È mio!… pur troppo è mio!»
«Volete venderlo?»
«Magari! Con tutto il cuore!»
«Quanto ne volete?»
«Mille lire; se vi pare un prezzo capriccioso, sono qui per accomodarmi.»
«Eccovi mille lire: e lo scimmiottino è mio.»
Quando il giovinetto ebbe pagato, si volse allo scimmiottino, dicendogli:
«Non mi riconosci più?».
«Altro se vi riconosco, mio caro signor Alfredo!… Vi riconosco e vi voglio sempre un gran bene.»
E il povero Pipì, dalla gran contentezza che sentiva nel cuore, cominciò a piangere come un bambino.
Quella sera medesima, il giovinetto Alfredo e lo scimmiottino (rivestito tutto da capo ai piedi, s’intende bene, come un bel signore) partirono insieme, sopra un bastimento della Società Rubattino per un lungo viaggio d’istruzione.
E quanto a me, confesso il vero, non mi farebbe nessuna meraviglia se, un giorno o l’altro, vedessi annunziato nel “Giornalino dei Bambini”, un racconto con questo titolo: Il Viaggio intorno al mondo, raccontato dallo Scimmiottino color di rosa. Negli annali della stampa, non sarebbe questo il primo caso di qualche scimmiotto che ha la sfacciataggine di far gemere i torchi, e, occorrendo, anche i torcolieri.

Lascia un commento