Archivi categoria: Senato della Repubblica

Audizione in Comitato Italiani all’estero

Venerdì 28 7 2017

Il Comitato per le questioni degli italiani all’estero, mercoledì 2 agosto alle 8,30, ha in agenda l’audizione del Presidente dell’INPS, Tito Boeri, nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulla valorizzazione del reciproco contributo economico, culturale e civile tra la madrepatria e le comunità italiane all’estero.

Tratto da www.senato.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito del Senato è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

Rendiconto 2016 e bilancio interno 2017 del Senato: discussione in Assemblea

Giovedì 27 7 2017

Sono all’ordine del giorno dell’Assemblea per martedì 1 agosto il rendiconto 2016 (doc. VIII, n. 9) e il bilancio interno 2017 del Senato (doc. VIII, n. 10).

Tratto da www.senato.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito del Senato è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

Giovedì 27 Luglio 2017 – 868ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:03

La seduta è dedicata allo svolgimento di interrogazioni.

Il Sottosegretario di Stato per il lavoro e le politiche sociali Bobba ha risposto all’interrogazione n. 3645, della sen. Fasiolo (PD), concernente la sospensione di quattro operai della Fincantieri di Monfalcone (Gorizia). L’interrogante si è dichiarata pienamente soddisfatta: accogliendo l’istanza, il giudice è intervenuto a salvaguardia dei lavoratori sul piano etico e morale.

Il Sottosegretario di Stato per la giustizia Federica Chiavaroli ha risposto all’interrogazione n. 3620, del sen. Barani (ALA), concernente il sistema di aggiudicazione degli appalti pubblici presso il Comune di Roma. L’interrogante si è dichiarato insoddisfatto: il processo Mafia Capitale ha confermato l’esistenza di irregolarità connesse al sistema degli appalti e il fatto che il Ministero ritenga di non dover intervenire nella vicenda significa che probabilmente si vuole coprire qualcuno o qualcosa a danno della trasparenza e della legalità.

Il vice presidente Gasparri ha comunicato che l’interrogazione n. 3526, del sen. Girotto (M5S) ed altri, concernente l’applicazione della strategia nazionale per lo sviluppo sostenibile, in linea con gli obiettivi europei, è stata trasformata dall’interrogante nell’interrogazione a risposta scritta n. 4-07908.

Tratto da www.senato.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito del Senato è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

Giovedì 27 Luglio 2017 – 867ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 09:30

L’Assemblea ha ripreso l’esame del ddl n. 2879 di conversione del decreto-legge 25 giugno 2017, n. 99, recante disposizioni urgenti per la liquidazione coatta amministrativa di Banca Popolare di Vicenza S.p.A. e di Veneto Banca S.p.A, approvato dalla Camera dei deputati.

Nella seduta di ieri il relatore, sen. Marino Mauro Maria (PD) ha illustrato il provvedimento, sono state respinte questioni pregiudiziali ed è iniziata la discussione generale.

L‘articolo 1 delimita l’ambito di applicazione della disposizione. L’articolo 2 definisce la procedura attraverso cui il Ministro dell’economia e delle finanze, con propri decreti adottati su proposta della Banca d’Italia, provvede a sottoporre le banche a liquidazione coatta amministrativa. L’articolo 3 disciplina la cessione dell’azienda delle banche venete poste in liquidazione e le spese connesse alla procedura selettiva. L’articolo 4 definisce gli interventi finanziari posti a carico dello Stato finalizzati ad assicurare la protezione del risparmio e il rafforzamento patrimoniale del sistema bancario: l’iniezione di liquidità è pari a circa 4,8 miliardi di euro e la concessione di garanzie statali arriva ad un ammontare massimo di circa 12 miliardi di euro. L’articolo 5 regola la cessione alla società S.G.A. S.p.A., da parte dei commissari liquidatori, dei crediti deteriorati e di altri attivi non ceduti o retrocessi. L’articolo 6 disciplina le misure di ristoro a favore degli investitori. L’articolo 7 introduce specifiche norme in materia di trattamento fiscale delle cessioni. L’articolo 8 prevede misure tecniche di attuazione. L’articolo 9 contiene disposizioni finanziarie.

La discussione generale si è conclusa con l’intervento del sen. Moscardelli (PD). Dopo la replica del relatore il Ministro dei rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro ha posto la questione di fiducia sull’approvazione del testo licenziato dalla Camera. Nella discussione sulla fiducia sono intervenuti i sen. Erika Stefani (LN), Laura Bottici, Barbara Lezzi, Martelli, Manuela Serra (M5S), Anna Cinzia Bonfrisco (FL), Barani (ALA).

Tratto da www.senato.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito del Senato è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

Mercoledì 26 Luglio 2017 – 866ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 09:31

L’Assemblea ha ripreso l’esame del ddl n. 2860 di conversione in legge del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, recante disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno.

Il Capo I reca misure di sostegno alla nascita e crescita delle imprese nel Mezzogiorno (articolo 1-3) con forme di incentivazione per i giovani, per promuovere la costituzione di nuove imprese nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. Il Capo II riguarda le Zone Economiche Speciali (articoli 4 e 5), il cui scopo è la creazione di condizioni favorevoli in termini economici, finanziari e amministrativi, che consentano lo sviluppo delle imprese già operanti e l’insediamento di nuove imprese. il Capo III riguarda le semplificazioni (articoli 6-9)con l’accelerazione delle procedure adottate per la realizzazione degli interventi previsti nell’ambito dei Patti per lo sviluppo. Il Capo IV concerne ulteriori interventi per il Mezzogiorno e per la coesione territoriale: misure in favore dell’occupazione, interventi per il contrasto della povertà educativa minorile e della dispersine scolastica; disciplina per il calcolo del costo standard per studente universitario; disposizioni in materia di risanamento ambientale da parte dell’amministrazione straordinaria ILVA; proroga del termine per l’effettuazione degli investimenti ammessi al beneficio fiscale cosiddetto del super ammortamento; misure urgenti per affrontare situazioni di marginalità sociale.

Nella seduta pomeridiana di ieri i relatori, sen. Vicari (AP) e Tomaselli (PD), hanno illustrato il contenuto del provvedimento ed è iniziata la discussione generale,

Tratto da www.senato.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito del Senato è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

Martedì 25 Luglio 2017 – 865ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Seduta Pomeridiana
Ora inizio: 16:30

L’Assemblea ha avviato l’esame del ddl n. 2860 di conversione in legge del decreto-legge 20 giugno 2017, n. 91, recante disposizioni urgenti per la crescita economica nel Mezzogiorno.

I relatori sen. Vicari (AP) e Tomaselli (PD) hanno illustrato il contenuto del provvedimento che all’articolo 1 contempla forme di incentivazione per i giovani del Mezzogiorno, per promuovere la costituzione di nuove imprese nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia. La misura, denominata “Resto al Sud”, è rivolta ai giovani di età compresa tra i 18 e i 35 anni, che consiste per il 35 per cento in erogazioni a fondo perduto e per il 65 per cento è un prestito a tasso zero da rimborsare, complessivamente, in otto anni di cui i primi due di preammortamento. L’articolo 2 mira a favorire il ricambio generazionale e lo sviluppo dell’imprenditoria giovanile in agricoltura nelle regioni del Mezzogiorno, mediante una specifica destinazione di 50 milioni di euro del Fondo per lo Sviluppo e la Coesione. L’articolo 3, al fine di promuovere la costituzione di nuove imprese, detta disposizioni per consentire ai comuni delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia di dare in concessione o in affitto ai soggetti in età compresa tra i 18 e i 40 anni terreni e aree in stato di abbandono. L’articolo 4 disciplina le procedure e le condizioni per istituire in alcune aree del Paese, comprendenti almeno un’area portuale, zone economiche speciali. Lo scopo delle ZES è infatti quello di creare condizioni favorevoli in termini economici, finanziari e amministrativi, che consentano lo sviluppo delle imprese già operanti e l’insediamento di nuove imprese. Tali imprese beneficiano di speciali condizioni, in relazione alla natura incrementale degli investimenti e delle attività di sviluppo di impresa. L’articolo 5 prevede i benefici fiscali e le altre agevolazioni che sono riconosciute alle imprese già esistenti e alle nuove che si insediano e che avviano un programma di attività economiche imprenditoriali o di investimenti nella ZES. L’articolo 6 è finalizzato a semplificare ed accelerare le procedure adottate per la realizzazione degli interventi previsti nell’ambito dei Patti per lo sviluppo. L’articolo 7 è volto a promuovere, favorendo l’utilizzo dei Contratti istituzionali di sviluppo, la realizzazione di interventi di particolare complessità finanziati a valere sulle risorse nazionali ed europee. L’articolo 8 dispone una deroga per l’ammissione alla procedura di amministrazione straordinaria di cui al decreto-legge n. 347 del 2003. L’articolo 9 interviene sulla disciplina concernente la classificazione dei rifiuti. L’articolo 10 reca uno stanziamento al fine dello svolgimento di programmi per la riqualificazione e la ricollocazione di lavoratori coinvolti in situazioni di crisi aziendale o settoriale nelle regioni del Mezzogiorno. L’articolo 11 reca interventi per il contrasto della povertà educativa minorile e della dispersine scolastica nel Mezzogiorno. L’articolo 12 ridefinisce a livello legislativo, a decorrere dal 2018, la disciplina per il calcolo del costo standard per studente universitario. L’articolo 13 contiene disposizioni in materia di risanamento ambientale da parte dell’amministrazione straordinaria ILVA. L’articolo 14 proroga dal 30 giugno 2018 al 31 luglio 2018 il termine per l’effettuazione degli investimenti ammessi al beneficio fiscale cosiddetto del super ammortamento. L’articolo 15 conferisce agli enti locali delle regioni del Sud, in via sperimentale e per la durata di tre anni, la facoltà di ottenere supporto tecnico e amministrativo da parte delle prefetture. L’articolo 16 reca misure urgenti per affrontare situazioni di marginalità sociale.

Respinta la questione pregiudiziale del sen. Cassinelli (FI-PdL), a favore della quale si è pronunciato il sen. Giovanardi (FL), è iniziata la discussione generale.

Tratto da www.senato.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito del Senato è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.

Martedì 25 Luglio 2017 – 864ª Seduta pubblica : Comunicato di seduta

Seduta Antimeridiana
Ora inizio: 11:00

L’Assemblea ha avviato la discussione di mozioni in materia agricola.

I sen. Candiani (LN), Elena Ferrara (PD) e Daniela Donno (M5S), hanno illustrato rispettivamente le mozioni 746 (testo 2), 764 e 821 che, in considerazione della crisi del settore risicolo italiano, legata a debolezze produttive e dall’importazione da Paesi meno avanzati, impegnano il Governo ad assumere diverse iniziative di tutela tra cui l’attivazione della clausola di salvaguardia per il ripristino dei dazi doganali, l’adozione della disciplina sull’etichettatura e l’adozione di regole reciproche tra gli Stati dell’Unione europea. a tutela del settore risicolo italiano. Il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio Pizzetti ha espresso parere favorevole con riformulazioni.

Lo stesso rappresentante del Governo ha espresso parere favorevole con riformulazioni sulle mozioni 583, 747, 762, 766 (testo 2) e 768, illustrate dai sen. Camilla Fabbri (PD), D’Ambrosio Lettieri (GAL), Maria Grazia Gatti (Art.1-MDP), Daniela Donno (M5S) e Lumia (PD), che impegnano il Governo a evidenziare e monitorare criticità nell’applicazione della legge sul caporalato approvata nel 2016.

Alla discussione generale hanno partecipato i sen. Dalla Tor (AP), Daniela Donno (M5S), Fasiolo (PD). Le dichiarazioni e il voto finale sono stati rinviati ad altra seduta.

Tratto da www.senato.it.
L’utilizzo, la riproduzione, l’estrazione di copia, ovvero la distribuzione delle informazioni testuali e degli elementi multimediali disponibili sul sito del Senato è autorizzata esclusivamente nei limiti in cui la stessa avvenga nel rispetto dell’interesse pubblico all’informazione, per finalità non commerciali, garantendo l’integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte.