Archivi categoria: Wikipedia

When You Are Engulfed In Flames

When You Are Engulfed in Flames
EngulfedSedaris.jpg

First edition cover
Author David Sedaris
Country United States
Language English
Genre Essay collection
Publisher Little, Brown and Company
Publication date
June 3, 2008
Media type Print (hardcover), audio book
Pages 323 pp (first edition, hardcover)
ISBN ISBN 0-316-14347-2 (first edition, hardcover)
OCLC 183392234
814/.54 22
LC Class PS3569.E314 W48 2008
Preceded by Dress Your Family in Corduroy and Denim
Followed by Squirrel Seeks Chipmunk: A Modest Bestiary

When You Are Engulfed in Flames is a collection of essays by bestselling American humorist David Sedaris. It was released on June 3, 2008.

Synopsis

Sedaris’s sixth book assembles essays on various situations such as trying to make coffee when the water is shut off, associations in the French countryside, buying drugs in a mobile home in rural North Carolina, having a lozenge fall from your mouth into the lap of a fellow passenger on a plane, armoring windows with LP covers to protect the house from neurotic songbirds, lancing a boil from another’s backside, and venturing to Japan to quit smoking. Little, Brown and Company issued a first-run hardcover release of 100,000 copies.

Television appearances

Sedaris was a guest on The Daily Show with Jon Stewart on Comedy Central on June 3, 2008. During the interview he recommended moving to Hiroshima, Japan for three months to stop smoking. This smoking cessation method, which cost the author $23,000, is the subject of the last essay of his book. He also described the genesis for the name of his book. It was the name of a chapter in a book he found in a hotel room in Hiroshima, Japan. He also appeared on The Late Show on CBS, with David Letterman.

Cover art

The first-edition cover was designed by Chip Kidd. It features an early painting by Vincent van Gogh.[1]

Skull of a Skeleton with Burning Cigarette, oil on canvas, 1885, Van Gogh Museum Amsterdam

Contents

(Check Numeration)

  1. It’s Catching – A work on Hugh and his mother
  2. Keeping Up – Sedaris trying to keep up with Hugh, who walks too fast
  3. The Understudy – Memories of a bad white trash babysitter.
  4. This Old House – David moves into a boarding house.
  5. Buddy, Can You Spare a Tie? – Sedaris’s recollections on various bad clothing and “accessories”
  6. Road Trips – Being picked up by a driver that wants a blow job.
  7. What I Learned – Talking about Princeton
  8. That’s Amore – A rude neighbor named Helen
  9. The Monster Mash – Sedaris’s fascination with dead bodies.
  10. In the Waiting Room – Language barriers and the consequences
  11. Solution to Saturday’s Puzzle – David’s throat lozenge falls on to a bitchy airplane seatmate
  12. Adult Figures Charging Toward a Concrete Toadstool – His parents collecting art
  13. Memento Mori – Buying a human skeleton for Hugh
  14. All the Beauty You Will Ever Need – Making coffee without water and his relationship with Hugh
  15. Town and Country – A cabdriver in New York who talks about his sex life
  16. Aerial – Using album covers to scare away birds
  17. The Man in the Hut – A neighbor in France who was sent to jail for molesting his wife’s grandchildren
  18. Of Mice and Men – About icebreaker conversations
  19. April in Paris – About interacting with animals and Sedaris’s recollections of a spider
  20. Crybaby – Sedaris sits next to a grieving man in an airplane.
  21. Old Faithful – Hugh lances a boil on Sedaris’s backside
  22. The Smoking Section – Sedaris tries to quit smoking in Japan

References

  1. ^ Mancoff, Debra N. “Early Paintings by Vincent van Gogh.” 28 August 2007. HowStuffWorks.com.
Preceded by
What Happened
by Scott McClellan
#1 New York Times Best Seller Non-Fiction
June 22, 2008 – July 27, 2008
Succeeded by
The Obama Nation
by Jerome Corsi



This article uses material from the Wikipedia article When You Are Engulfed In Flames, which is released under the Creative Commons Attribution-Share-Alike License 3.0.

dress your family in corduroy and denim

Dress Your Family in Corduroy and Denim
DressYourFamilyInCorduroyAndDenimCover.JPG

First edition cover
Author David Sedaris
Cover artist Jacket design by Chip Kidd
Country United States
Language English
Genre Essay collection
Publisher Little, Brown and Company
Publication date
June 1, 2004
Media type Print (Hardcover and Paperback)
Pages 272 pp (first edition, hardcover)
ISBN ISBN 0-316-14346-4 (first edition, hardcover)
OCLC 53138732
814/.54 22
LC Class PS3569.E314 R47 2004
Preceded by Me Talk Pretty One Day
Followed by When You Are Engulfed in Flames

Dress Your Family in Corduroy and Denim is a 2004 collection of 22 autobiographical essays by American humorist David Sedaris. The essays address the author’s upbringing in Raleigh, North Carolina, his relationships with family members, and his work and life in New York City and France.

The following is a list of the essays in Dress Your Family in Corduroy and Denim, with brief notes about their contents:

  1. “Us and Them” – childhood memories of a family “who don’t believe in TV”
  2. “Let It Snow” – the day when Sedaris’s mother locked her children out in the snow
  3. “The Ship Shape” – childhood memories of the second home that his father never bought
  4. “Full House” – a childhood game of strip poker gives the young Sedaris a touching moment
  5. “Consider the Stars” – reflecting on the cool kid at school
  6. “Monie Changes Everything” – Sedaris’ rich aunt
  7. “The Change in Me” – the 13-year-old Sedaris wants to act like a hippie
  8. “Hejira” – Sedaris’ father kicks him out of his house due to his homosexuality
  9. “Slumus Lordicus” – Sedaris’ father’s experiences as a landlord
  10. “The Girl Next Door” – Sedaris’ relationship with a girl from a troubled family
  11. “Blood Work” – a case of mistaken identity while cleaning houses
  12. “The End of the Affair” – Sedaris and Hugh’s different reactions to a love story
  13. “Repeat After Me” – Sedaris’ visit to his sister Lisa, and his family’s feelings about being the subject of his essays
  14. “Six to Eight Black Men” – thoughts about the traditional Dutch Christmas story, among other cultural oddities
  15. “Rooster at the Hitchin’ Post” – Sedaris’ younger brother is born and gets married
  16. “Possession” – searching for a new apartment, and Anne Frank‘s house
  17. “Put a Lid on It” – a visit to Sedaris’ sister Tiffany’s home, and their relationship
  18. “A Can of Worms” – Sedaris’s mind wanders as he, Hugh, and a friend eat at a diner
  19. “Chicken in the Henhouse” – prejudiced attitudes towards homosexuals in America
  20. “Who’s the Chef?” – bickering between two people in a long-term relationship
  21. “Baby Einstein” – the arrival of his brother’s first baby
  22. “Nuit of the Living Dead” – a late night encounter at home in rural France

Title origin

At the time of publication, there was considerable fan speculation as to the origin of the book’s title. During an October 12, 2010 public appearance in Cleveland, Ohio, Sedaris said he was under a deadline for a title and was getting a little desperate when his boyfriend Hugh had a dream in which he saw someone reading a book entitled, in French, Dress Your Family in Corduroy and Denim. Sedaris then knew that he had his title, even though it had nothing to do with the contents of his own book.

Audiobook

The book was released on audio CD, with Sedaris reading, from Time Warner Audiobooks.



This article uses material from the Wikipedia article dress your family in corduroy and denim, which is released under the Creative Commons Attribution-Share-Alike License 3.0.

Me Talk Pretty One Day

Me Talk Pretty One Day
MeTalkPrettyOneDayCover.JPG

Paperback cover
Author David Sedaris
Cover artist Jacket design by Chip Kidd
Country United States
Language English
Genre Essay collection
Publisher Little, Brown and Company
Publication date
May 2, 2000
Media type Print (hardcover and paperback)
Pages 288 pp (first edition, hardcover)
ISBN ISBN 0-316-77772-2 (first edition, hardcover)
OCLC 43562054
814/.54 21
LC Class PS3569.E314 M4 2000
Preceded by Holidays on Ice
Followed by Dress Your Family in Corduroy and Denim

Me Talk Pretty One Day, published in 2000, is a bestselling collection of essays by American humorist David Sedaris. The book is separated into two parts. The first part consists of essays about Sedaris’s life before his move to Normandy, France, including his upbringing in suburban Raleigh, North Carolina, his time working odd jobs in New York City, and a visit to New York from a childhood friend and her bumpkinish girlfriend. The second section, “Deux”, tells of Sedaris’s move to Normandy with his partner Hugh, often drawing humor from his efforts to live in France without speaking the French language and his frustrated attempts to learn it. Prior to publication, several of the essays were read by the author on the Public Radio International program, This American Life.

In April 2001, Variety reported that Sedaris had sold the Me Talk Pretty One Day film rights to director Wayne Wang, who was adapting four stories from the book for Columbia Pictures with hopes of beginning shooting in late 2001.[1][2] At the time, Sedaris commented, “It’s just one of those things I had never considered. Like, ‘What if I de-clawed a kitten?’ But I like Wayne Wang a lot.”[2] He recommended Jack Lemmon to play his father and Elaine Stritch for his mother.[2] Wang had completed the script and begun casting when Sedaris asked to “get out of it,” after a conversation with his sister aroused concerns as to how his family might be portrayed on screen. He wrote about the conversation and its aftermath in the essay “Repeat After Me”, published in Dress Your Family in Corduroy and Denim. Sedaris recounted that Wang was “a real prince. I didn’t want him to be mad at me, but he was so grown up about it. I never saw how it could be turned into a movie anyway.”[3]

Contents

One

  1. “Go Carolina” – Sedaris is forced to go to his elementary school speech therapist for his lisp.
  2. “Giant Dreams, Midget Abilities” – Sedaris’s father enrolls him in guitar lessons taught by a midget.
  3. “Genetic Engineering” Sedaris discusses the disparate interests between his father and the rest of the family.
  4. “Twelve Moments in the Life of the Artist” – Sedaris discusses his performance art and methamphetamine days.
  5. “You Can’t Kill the Rooster” – Sedaris’s brother, Paul, has a dirty mouth, but kind heart.
  6. “The Youth in Asia” – Sedaris recounts the different pets he grew up – and their demises.
  7. “The Learning Curve” – Sedaris recalls his job teaching a writing workshop while being highly unqualified.
  8. “Big Boy” – After going to a party, Sedaris finds himself trying to get rid of a huge turd that was left as a present by the previous visitor.
  9. “The Great Leap Forward”- Sedaris is hired by a woman that lives in a big house to be her personal assistant.
  10. “Today’s Special” – Sedaris has trouble understanding the many complex food items on menus.
  11. “City of Angels” – A lesbian childhood friend back in North Carolina comes to visit Sedaris and Hugh, and she brings along her rather uncultured hick girlfriend who seems to express culture shock much to the annoyance of Sedaris (and even her girlfriend at times).
  12. “A Shiner Like a Diamond” Sedaris’s sister, Amy, is profiled in a New York magazine
  13. “Nutcracker.com” – Sedaris recalls his reluctance to join the internet

Deux

  1. “See You Again Yesterday”
  2. “Me Talk Pretty One Day” – Sedaris recalls a French class he took in Paris.
  3. “Jesus Shaves”
  4. “The Tapeworm Is In”
  5. “Make That a Double”
  6. “Remembering My Childhood on the Continent of Africa” – Sedaris discusses the childhood of his partner, Hugh.
  7. “21 Down” – Sedaris talks about his crossword addiction.
  8. “The City of Light in the Dark” – With much to do in Paris, Sedaris rather enjoys going to the movies during the day.
  9. “I Pledge Allegiance to the Bag”
  10. “Picka Pocketoni” – American tourists mistake Sedaris for a pickpocket while riding the train in Paris.
  11. “I Almost Saw This Girl Get Killed” – Sedaris recalls an evening at the county fair near his home in France.
  12. “Smart Guy”
  13. “The Late Show” – Sedaris lists the different fantasies he mulls over while trying to sleep at night.
  14. “I’ll Eat What He’s Wearing” – Sedaris’s father visits him in Paris.

References

  1. ^ Fleming, Michael. “‘Wave’ duo pilot cable; Wang’s ‘Pretty’ deal”, Variety, 2001-04-05. Retrieved on 2007-10-07.
  2. ^ a b c Lafreniere, Steve. “Amy and David Sedaris”, Index Magazine, 2001. Retrieved on 2007-10-09.
  3. ^ Tyrangiel, Josh. “10 Questions for David Sedaris”, Time, 2004-06-21. Retrieved on 2007-10-07.



This article uses material from the Wikipedia article Me Talk Pretty One Day, which is released under the Creative Commons Attribution-Share-Alike License 3.0.

David Sedaris

David Sedaris
David Sedaris (June 2008).jpg

Sedaris in 2007
Born David Raymond Sedaris
(1956-12-26) December 26, 1956 (age 57)
Binghamton, New York
Residence West Sussex, England
Citizenship United States of America
Known for Humorist, comedian, radio contributor, writer
Influences Lorrie Moore, Alice Munro, Flannery O’Connor, Tobias Wolff, Richard Yates, Kurt Vonnegut[1]
Partner Hugh Hamrick

David Raymond Sedaris (born December 26, 1956) is an American humorist, comedian, author, and radio contributor. He was publicly recognized in 1992 when National Public Radio broadcast his essay “SantaLand Diaries“. He published his first collection of essays and short stories, Barrel Fever, in 1994. His next five essay collections, Naked (1997), Holidays on Ice (1997), Me Talk Pretty One Day (2000), Dress Your Family in Corduroy and Denim (2004), and When You Are Engulfed in Flames (2008), became New York Times Best Sellers.[2][3][4][5][6] In 2010, he released a collection of stories, Squirrel Seeks Chipmunk: A Modest Bestiary.[7][8][9] In 2013, Sedaris released his latest collection of essays, Let’s Explore Diabetes with Owls.

By 2008, his books had sold seven million copies.[10] Much of Sedaris’ humor is autobiographical and self-deprecating, and often concerns his family life, his middle-class upbringing in the suburbs of Raleigh, North Carolina, his Greek heritage, jobs, education, drug use, and obsessive behaviors, and his life in France, London, and the English South Downs.

Personal life

Sedaris was born in Binghamton, New York, to Lou, an IBM engineer, and Sharon (née Leonard)[11] Sedaris[12][13] and grew up in Raleigh, North Carolina. He is of Greek descent on his father’s side.[citation needed] His mother was Protestant and his father is Greek Orthodox.[14]

Sedaris was raised in a suburb of Raleigh and is the second child of six. His siblings, from oldest to youngest, are Lisa, Gretchen, Amy,[15] Tiffany,[16] and Paul (The Rooster). Tiffany Sedaris died in May 2013.[17] In his teens and twenties, he dabbled in visual and performance art. He describes his lack of success in several of his essays. After graduating from Jesse O. Sanderson High School in Raleigh, Sedaris briefly attended Western Carolina University[18] before transferring to and dropping out of Kent State University in 1977. He moved to Chicago in 1983 and graduated from the School of the Art Institute of Chicago in 1987. (He did not attend Princeton University, although he spoke fondly of doing so in “What I Learned”, a comic baccalaureate address delivered at Princeton in June 2006.[19])

Sedaris currently lives in Horsham, West Sussex, England, with his longtime partner Hugh Hamrick, whom Sedaris mentions in a number of his stories.[20] Sedaris describes them as the “sort of couple who wouldn’t get married”.[21][22] He enjoys collecting litter in the local area, where he is known as “Pig Pen”, and has a garbage truck named after him.[23][24]

Career

While working odd jobs across Raleigh, Chicago, and New York City, Sedaris was discovered in a Chicago club by radio host Ira Glass; Sedaris was reading a diary he has kept since 1977. Glass asked him to appear on his weekly local program, The Wild Room.[25] Sedaris said, “I owe everything to Ira … My life just changed completely, like someone waved a magic wand.”[26] Sedaris’ success on The Wild Room led to his National Public Radio debut on December 23, 1992, when he read a radio essay on Morning Edition titled “SantaLand Diaries“, which described his purported experiences as an elf at Macy’s department store during Christmas in New York.

“SantaLand Diaries” was a success with listeners,[27] and made Sedaris what The New York Times called “a minor phenomenon”.[25] He began recording a monthly segment for NPR based on his diary entries, edited and produced by Glass, and signed a two-book deal with Little, Brown and Company.[25] In 1993, Sedaris told The New York Times he was publishing his first book, a collection of stories and essays, and had 70 pages written of his second book, a novel “about a man who keeps a diary and whom Mr. Sedaris described as ‘not me, but a lot like me'”.[25]

Collections and mainstream success

In 1994, Sedaris published Barrel Fever, a collection of stories and essays. He became a frequent contributor when Glass began a weekly hour-long PRI/Chicago Public Radio show, This American Life, in 1995. Sedaris began writing essays for Esquire and The New Yorker. In 1997, he published another collection of essays, Naked, which won the Randy Shilts Award for Gay Non-Fiction from Publishing Triangle in 1998.[28]

He wrote his next book, Me Talk Pretty One Day, mostly in France over seven months and published it in 2000 to “practically unanimous rave reviews”.[29] For that book, Sedaris won the 2001 Thurber Prize for American Humor.[30]

In April 2001, Variety reported Sedaris had sold the Me Talk Pretty One Day film rights to director Wayne Wang, who was adapting four stories from the book for Columbia Pictures.[15][31] Wang had completed the script and begun casting when Sedaris asked to “get out of it”, after he and his sister worried how their family might be portrayed. He wrote about the conversation and its aftermath in the essay “Repeat After Me”. Sedaris recounted that Wang was “a real prince … I didn’t want him to be mad at me, but he was so grown up about it. I never saw how it could be turned into a movie anyway.”[32]

In 2004, Sedaris published Dress Your Family in Corduroy and Denim, which reached number 1 on The New York Times Nonfiction Best Seller List on June 20, 2004.[5] The audiobook of Dress Your Family, read by Sedaris, was nominated for a Grammy Award for Best Spoken Word Album; the same year, Sedaris was nominated for a Grammy Award for Best Comedy Album for his recording Live at Carnegie Hall. In March 2006, Ira Glass said that Sedaris’ next book would be a collection of animal fables;[33] that year, Sedaris included several animal fables in his US book tour, and three of his fables were broadcast on This American Life.[citation needed]

In September 2007, a new Sedaris collection was announced for publication on June 3, 2008.[8] The collection’s working title was All the Beauty You Will Ever Need, but Sedaris retitled it Indefinite Leave to Remain and finally settled on the title When You Are Engulfed in Flames.[7][34] Although at least one news source assumed the book would be fables,[8] Sedaris said in October 2007 that the collection might include a “surprisingly brief story about [his] decision to quit smoking … along with stories about a Polish crybaby, throwing shit in a paraplegic’s yard, chimpanzees at a typing school, and people visiting [him] in France.”[7]

In December 2008, Sedaris received an honorary doctorate from Binghamton University.[35]

In April 2010, BBC Radio 4 aired Meet David Sedaris, a four-part series of essays which Sedaris read before a live audience.[36] A second series of 6 programmes began airing on BBC Radio 4 Extra on June 13, 2011, with third series beginning on September 30, 2012.[37]

Sedaris released Squirrel Seeks Chipmunk: A Modest Bestiary, a collection of fables “detailing animals in strange adult situations”, on September 28, 2010.[7][8][9]

In July 2011, Sedaris’ essay, “Chicken Toenails, Anyone?”, published in The Guardian,[38] garnered some criticism over perceptions that it was insensitive towards China and Chinese culture.[39][40]

A frequent guest of late-night US talk show host Craig Ferguson‘s, in April 2012, Sedaris joined Ferguson and the cast of CBS’s The Late, Late Show in Scotland for a theme week in and around Ferguson’s hometown between Glasgow and Edinburgh. The five weeknight episodes aired in May 2012, during the high profile rating sweeps.[citation needed]

On April 23, 2013, Sedaris’ ninth book, Let’s Explore Diabetes With Owls, was released.

Veracity of nonfiction work

In 2007, in an article in The New Republic, Alexander S. Heard stated that much of Sedaris’ work is insufficiently factual to justify being marketed as nonfiction.[41] Several published responses to Heard’s article argued that Sedaris’ readers are aware that his descriptions and stories are intentionally exaggerated and manipulated to maximize comic effect.[42][43]

Subsequently, in the wake of a controversy involving Mike Daisey‘s dramatizing and embellishing his personal experiences at Chinese factories, during an excerpt from his theatrical monologue for This American Life, new attention has been paid to the veracity of Sedaris’ nonfiction stories. NPR will label stories from Sedaris, such as “SantaLand Diaries“, as fiction, while This American Life will fact check stories to the extent that memories and long-ago conversations can be checked.[44] The New Yorker already subjects nonfiction stories written for that magazine to its comprehensive fact-checking policy.[45]

The Talent Family

Sedaris is also a playwright, having written with his sister, actress Amy Sedaris, several plays under the name “The Talent Family”. These include Stump the Host (1993), Stitches (1994), and The Little Frieda Mysteries (1997). All were produced and presented by Meryl Vladimer when she was the artistic director of “the CLUB” at La MaMa, E.T.C., and The Book of Liz (2002) was produced by Ania A. Shapiro.[citation needed]

Sedaris also co-authored Incident at Cobbler’s Knob, presented and produced by David Rockwell at the Lincoln Center Festival. Sets for those performances were designed by Sedaris’ longtime partner, Hugh Hamrick, who also directed two of them, The Book of Liz and Incident at Cobbler’s Knob.[citation needed]

Sedaris and his sister Amy shared “The Talent Family” credit on the latter’s short-lived sketch comedy show Exit 57, while David was a contributing writer.[citation needed]

Works

Story and essay collections

Articles

The New Yorker

Sedaris has contributed over 40 essays to The New Yorker magazine and blog,[46] including:

  • “Old Faithful”[47]
  • “What I Learned”[48] (delivered at Princeton in June 2006), a comic baccalaureate address
  • “Dentists Without Borders”[49], a humorous essay on socialized medicine in France

Other articles/Unpublished

  • “I Brake for Traditional Marriage” (2010), a heterosexual perspective of California’s repeal of Proposition 8Liz McAvoy (October 6, 2010). “Author, humorist David Sedaris enlivens Landmark Theater”. The Collegian (Unversity of Richmond (Virginia)). Retrieved May 15, 2014. 
  • “The Poo Corner”, a piece addressing public defecation in department stores, hotels, and college dorm washing machines[50]

Audio recordings

Episodes of This American Life featuring Sedaris

References

  1. ^ Sedaris, David. “Introduction” to Sedaris, David, ed. Children Playing Before a Statue of Hercules. New York: Simon & Schuster, 2005. ISBN 0-7432-7394-X. pp. 1-7.
  2. ^ “Best Sellers: April 6, 1997”, The New York Times, April 6, 1997. Retrieved October 7, 2007.
  3. ^ “Paperback Best Sellers: December 22, 2002”, The New York Times, December 22, 2002. Retrieved October 7, 2007.
  4. ^ “Best Sellers: June 11, 2000”, The New York Times, June 11, 2000. Retrieved October 7, 2007.
  5. ^ a b “Best Sellers: June 20, 2004”, The New York Times, June 20, 2004. Retrieved October 7, 2007.
  6. ^ “Best Sellers: July 6, 2008”, The New York Times, July 6, 2008. Retrieved July 1, 2008.
  7. ^ a b c d Hambrick, Greg. “David Sedaris is Taking Notes”, Charleston City Paper, October 3, 2007. Retrieved October 7, 2007.
  8. ^ a b c d Isaac, Mike. “David Sedaris announces new book release”, Paste, September 20, 2007. Retrieved January 8, 2007.
  9. ^ a b Releases worth a bookmark. September 8, 2010. Retrieved August 9, 2010.
  10. ^ Lyall, Sarah. “What You Read Is What He Is, Sort Of”, The New York Times, June 8, 2008. Retrieved June 9, 2008.
  11. ^ Sedaris, David (2006). Dix Hill’, p. 90″. Naked (1 ed.). London: Abacus. Retrieved September 2, 2010. 
  12. ^ “TNR”. 
  13. ^ “TNR”. 
  14. ^ “Me Talk Pretty One Day: Books: David Sedaris”. Amazon.com. 
  15. ^ a b Lafreniere, and Steve “Amy and David Sedaris”, Index Magazine, 2001. Retrieved October 9, 2007.
  16. ^ Moore, Jina (August 15, 2004). “Sister in a Glass House”, The Boston Globe. Retrieved March 24, 2009.
  17. ^ Sedaris, David (October 28, 2013). “Now We Are Five: A big family, at the beach”, The New Yorker. Retrieved October 28, 2013.
  18. ^ [1][dead link]
  19. ^ Sedaris, David (June 26, 2006). “What I Learned”. The New Yorker. Retrieved December 4, 2013. 
  20. ^ David Spera, Steven M. Birkland and Todd Hanlon Bright Ideas Design. “David Sedaris – Gay and Lesbian Travel”. Passportmagazine.com. Retrieved December 4, 2013. 
  21. ^ Schrobsdorff, Susanna (May 29, 2008). “David Sedaris on Writing, Reading and Gay Marriage – Newsweek and The Daily Beast”. Thedailybeast.com. Retrieved December 4, 2013. 
  22. ^ “BBC Radio 4 – Ramblings, Series 23, David Sedaris”. BBC. March 9, 2013. Retrieved December 4, 2013. 
  23. ^ “South Downs litter picker has truck named after him”. West Sussex County Times (Horsham). July 28, 2014. Retrieved July 28, 2014. 
  24. ^ Tim Dowling (31 July 2014). “David Sedaris? Who? Oh, you mean the local litter-picker”. Guardian newspapers. Retrieved 31 July 2014. 
  25. ^ a b c d Marchese, John. “He Does Radio And Windows”, The New York Times, July 4, 1993. Retrieved October 7, 2007.
  26. ^ St. John, Warren. “Turning Sour Grapes Into a Silk Purse”, The New York Times, June 6, 2004. Retrieved October 7, 2007.
  27. ^ “Sedaris and Crumpet the Elf: A Holiday Tradition”, NPR.org. Retrieved October 8, 2007.
  28. ^ “awards”. The Publishing Triangle. Retrieved May 15, 2014. 
  29. ^ Richards, Linda. “David Sedaris”, January Magazine, June 2000. Retrieved October 9, 2007.
  30. ^ “Past Thurber Prize Winners”. Thurber House. Retrieved May 15, 2014. 
  31. ^ Fleming, Michael. “‘Wave’ duo pilot cable; Wang’s ‘Pretty’ deal”, Variety, April 5, 2001. Retrieved October 7, 2007.
  32. ^ Tyrangiel, Josh. “10 Questions For David Sedaris”, Time, June 21, 2004. Retrieved October 7, 2007.
  33. ^ Glass, Ira. Chicago Public Radio pledge drive, March 24, 2006.
  34. ^ Why Does David Sedaris Keep Changing the Title of His Book? The Man Himself Explains New York Observer. February 21, 2008. Retrieved October 17, 2008.
  35. ^ “Binghamton University to hold second Fall commencement” (Press release). Binghamton University. December 8, 2008. Retrieved December 4, 2013. 
  36. ^ “Meet David Sedaris”. Radio 4. BBC. 
  37. ^ “Meet David Sedaris”. Radio 4 Extra. BBC. 
  38. ^ “David Sedaris: Chicken toenails, anyone?”, The Guardian, July 15, 2011. Retrieved July 30, 2011.
  39. ^ Yang, Jeff (July 29, 2011). “David Sedaris Talks Ugly About China”, San Francisco Chronicle. Retrieved July 30, 2011.
  40. ^ O’Connell, Joe (July 23, 2011). “Your letters: Tell us what you think”. The Guardian (London). Retrieved January 21, 2012. 
  41. ^ Heard, Alex. “This American Lie: A midget guitar teacher, a Macy’s elf, and the truth about David Sedaris”, The New Republic, March 19, 2007. Retrieved June 15, 20085.
  42. ^ Balk, Alex. “David Sedaris May Sometimes Exaggerate For Effect!”, Gawker.com, March 14, 2007. Retrieved August 7, 2007.
  43. ^ Villalon, Oscar. “Public’s taste for nonfiction has publishers playing fast and loose with labels”, San Francisco Chronicle, April 3, 2007. Retrieved August 7, 2007.
  44. ^ Farhi, Paul (May 14, 2012). “Style”. The Washington Post. 
  45. ^ Lyall, Sarah (June 8, 2008). “What You Read Is What He Is, Sort Of”. The New York Times. 
  46. ^ “Contributors – David Sedaris”. The New Yorker. Retrieved March 9, 2011. 
  47. ^ Sedaris, David (November 29, 2004). “Reflections: Old Faithful”. The New Yorker. Retrieved June 28, 2014. 
  48. ^ Sedaris, David (June 26, 2006). “Annals of Commencement: What I Learned”. The New Yorker. Retrieved June 28, 2014. 
  49. ^ Sedaris, David (April 2, 2012). “Socialized Medicine in Old Europe”. The New Yorker. Retrieved June 28, 2014. 
  50. ^ David Sedaris (December 2, 2005). “David and Goliath”. This American Life (WBEZ). Retrieved May 15, 2014. 
  51. ^ “This American Life, Episode 3”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  52. ^ “This American Life, Episode 4”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  53. ^ “This American Life, Episode 6”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  54. ^ “This American Life, Episode 23”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  55. ^ “This American Life, Episode 27”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  56. ^ “This American Life, Episode 28”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  57. ^ “This American Life, Episode 35”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  58. ^ “This American Life, Episode 47”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  59. ^ “This American Life, Episode 49”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  60. ^ “This American Life, Episode 52”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  61. ^ “This American Life, Episode 57”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  62. ^ “This American Life, Episode 60”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  63. ^ “This American Life, Episode 67”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  64. ^ “This American Life, Episode 73”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  65. ^ “This American Life, Episode 82”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  66. ^ “This American Life, Episode 87”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  67. ^ “This American Life, Episode 97”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  68. ^ “This American Life, Episode 99”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  69. ^ “This American Life, Episode 104”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  70. ^ “This American Life, Episode 136”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  71. ^ “This American Life, Episode 137”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  72. ^ “This American Life, Episode 141”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  73. ^ “This American Life, Episode 148”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  74. ^ “This American Life, Episode 154”. Thisamericanlife.org. Retrieved December 4, 2013. 
  75. ^ “Million Bubbles”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  76. ^ “Americans In Paris”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  77. ^ “Three Kinds of Deception”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  78. ^ “Stories of Loss”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  79. ^ “Before and After”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  80. ^ “How to Win Friends and Influence People”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  81. ^ “Them”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  82. ^ “Family Physics”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  83. ^ “Fake I.D.”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  84. ^ “Home Movies”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  85. ^ “The Balloon Goes Up”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  86. ^ “I’m In Charge Now”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  87. ^ “20 Acts in 60 Minutes”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  88. ^ “What I Should’ve Said”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  89. ^ “Apology”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  90. ^ “Not What I Meant”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  91. ^ “David and Goliath”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  92. ^ “The This American Life Holiday Spectacular”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  93. ^ “Star-Crossed Love”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  94. ^ “Cat and Mouse”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  95. ^ “The Parrot and the Potbellied Pig”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  96. ^ “And the Call Was Coming from the Basement”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  97. ^ “Crybabies”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 
  98. ^ “Day At The Beach”. This American Life. Retrieved June 28, 2014. 

External links



This article uses material from the Wikipedia article David Sedaris, which is released under the Creative Commons Attribution-Share-Alike License 3.0.

Andrea De Carlo

Andrea De Carlo

Andrea De Carlo (Milano, 11 dicembre 1952) è uno scrittore, musicista, pittore e fotografo italiano.

Biografia

Nasce e cresce a Milano: il suo “odio-amore” per il capoluogo lombardo sarà un tema ricorrente in diversi suoi romanzi. Suo padre è il noto architetto genovese Giancarlo De Carlo, amico di Elio Vittorini e di altri intellettuali milanesi. Sua madre Giuliana è traduttrice dall’inglese.

Frequenta il Liceo Classico Giovanni Berchet (protagonista dei primi capitoli di Due di due), e consegue una laurea in Storia contemporanea, con una tesi sulle comunità anarchiche d’Aragona durante la guerra civile spagnola. Si occupa di fotografia, facendo da secondo assistente a Oliviero Toscani e poi dedicandosi per conto proprio a ritratti e reportage.

Viaggia molto, in Europa, Nord e Sud America. Negli Stati Uniti risiede a Boston, New York, Santa Barbara e Los Angeles, dove insegna italiano e fa altri lavori che racconterà nel suo primo romanzo.

Successivamente si stabilisce in Australia lungo le tappe descritte in Due di due: Sydney, Melbourne e il Queensland. A questo periodo risale la stesura di due romanzi che De Carlo non pubblica, perché li considera “esercizi di ricerca e formazione”. Torna in Italia, dove vive a Milano, Roma e nella campagna delle Marche. Nel 1981 l’editore Einaudi pubblica Treno di panna, già scritto in inglese con il titolo Cream Train. Italo Calvino ne cura la quarta di copertina. Treno di panna diventerà anni più tardi un film diretto da De Carlo (il protagonista è Sergio Rubini), la cui trama riporta solo qualche somiglianza con il libro.

Il suo secondo romanzo è Uccelli da gabbia e da voliera, pubblicato nella primavera del 1982. Andrea De Carlo riceve l’apprezzamento di Federico Fellini, che lo invita a fargli da assistente per il film E la nave va. Alla fine delle riprese, De Carlo realizza il film/documentario Le facce di Fellini, sul rapporto tra il grande regista e i suoi attori (lavoro proiettato in pubblico solo due volte e poi misteriosamente scomparso). In seguito De Carlo collabora con Michelangelo Antonioni alla scrittura di un film mai realizzato.

Il suo romanzo più noto è Due di due, la storia dell’amicizia tra l’insofferente, anarchico, creativo Guido Laremi e quella del più tranquillo e concreto Mario, voce narrante della vicenda.

Nel 2006 esce Mare delle verità, un romanzo avventuroso con una trama molto diversa dalle precedenti, dal ritmo serrato ed emozionante. Con questo romanzo, uno dei suoi più impegnati, De Carlo propone la sua lucida e personale visione di problemi sociali, politici e religiosi ancora aperti.

Nel 2008 esce Durante, romanzo che ruota intorno alla figura di una sorta di sciamano contemporaneo (Durante), per raccontare rapporti tra uomini e donne e della relazione tra realtà e immaginazione nella vita di ognuno.

Nel giugno del 2009 si dimette dalla giuria del Premio Strega con una lettera indirizzata al presidente Tullio De Mauro, pubblicata anche sul proprio sito internet, in cui denuncia le manipolazioni sistematiche dei principali premi letterari da parte dei grandi gruppi editoriali.

Nel 2010 esce Leielui, romanzo che racconta dell’amore tra Clare Moletto, americana che vive in Italia, e Daniel Deserti, romanziere in profonda crisi creativa e personale. Ambientata a Milano, sulla costa della Liguria, nel sud della Francia e a Vancouver, la vicenda si svolge tutta nel corso di una caldissima estate.

Nel 2012 esce Villa Metaphora. In un esclusivo resort arrampicato sulla disabitata costa occidentale dell’isola vulcanica di Tari converge un gruppo di personaggi ricchi e famosi, in fuga dal mondo per le più diverse ragioni. Di capitolo in capitolo si alternano quattordici punti di vista che corrispondono ad altrettanti protagonisti, in registri che vanno dal drammatico all’ironico all’apertamente comico. Romanzo di 921 pagine, con immissioni di lingue dall’inglese al francese al russo, all’immaginario dialetto tarese, è forse l’opera più impegnativa di Andrea De Carlo, costruita con l’intento di raccontare il mondo contemporaneo nelle sue molte contraddizioni.

Il suo amore per la musica l’ha portato a realizzare i due cd (“Alcuni nomi” e “Dentro Giro di vento”), il primo insieme al grande percussionista bengalese Arup Kanti Das, con il quale ha girato a lungo l’Italia e diversi paesi europei in una serie di letture/concerti.

Dal novembre 2013 al marzo 2014, assieme agli scrittori Taiye Selasi e Giancarlo De Cataldo, è stato giudice del talent show di Rai Tre Masterpiece, primo talent show letterario al mondo,[1] il cui vincitore Nikola P. Savic ha pubblicato presso Bompiani il suo primo romanzo, con una postfazione dello stesso De Carlo.

Opere

Cinema

Musica

Ha composto ed eseguito le musiche dei cd Alcuni nomi (2002) e Dentro Giro di vento (2004).

Altro

Ha scritto e messo in scena insieme al musicista Ludovico Einaudi i balletti Time Out con il gruppo americano ISO, e Salgari con Daniel Ezralow e il corpo di ballo dell’Arena di Verona.

Tutte le copertine dei romanzi di Andrea De Carlo sono realizzate dall’autore, utilizzando suoi dipinti (tempere su carta) o fotografie.

Nel 2004 Andrea De Carlo ha aderito alla campagna di Greenpeace “Scrittori per le foreste”, e da allora tutti i suoi romanzi sono stampati su carta riciclata senza uso di cloro o certificata FSC (Forest Stewardship Council).

Note

  1. ^ Al via Masterpiece, il primo talent letterario al mondo, valdichianaoggi.it. URL consultato il 19 novembre 2013.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF: 113162966 LCCN: n/85/239639 SBN: ITICCUCFIV15419



This article uses material from the Wikipedia article Andrea De Carlo, which is released under the Creative Commons Attribution-Share-Alike License 3.0.

Susanna Tamaro

Susanna Tamaro

Susanna Tamaro (Trieste, 12 dicembre 1957) è una scrittrice italiana.

Biografia

Susanna Tamaro nasce in una famiglia della buona borghesia triestina. Ha un fratello più grande, Stefano, e uno più piccolo, Lorenzo. È lontana parente dello scrittore Italo Svevo.

Nel 1976 prende il diploma magistrale e poco dopo vince una borsa di studio per frequentare il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, città nella quale si trasferisce. Si diploma in regia con il cortometraggio d’animazione L’origine del giorno e della notte, tratto da un mito incas.

Nell’estate del 1977 è aiuto-regista di Salvatore Samperi che a Trieste sta girando Ernesto, tratto dall’omonimo libro di Umberto Saba.

Nel 1981 completò il primo romanzo “Illmitz“, edito nel 2014, che malgrado l’apprezzamento di Claudio Magris venne rifiutato dalle case editrici[1].

L’esordio

Negli anni ottanta collabora saltuariamente con la RAI. Non riesce ad entrare come regista nella neonata Rai 3 perché il suo diploma del Centro Sperimentale non è riconosciuto come laurea.

Nel 1989 partecipa ad un’iniziativa della casa editrice Marsilio che vuole lanciare sul mercato una collana di giovani scrittori inediti. Tamaro riesce ad esordire nel mondo della letteratura con il suo primo romanzo, La testa fra le nuvole. In questo periodo si ammala di bronchite asmatica, aggravata dallo smog e dall’inquinamento di Roma. Si trasferisce perciò in Umbria, nei dintorni di Orvieto, ospite di un’amica. In seguito acquisterà un casale a Porano, a pochi chilometri di distanza.

Nel 1990 esce sempre per Marsilio Per voce sola; il libro passa completamente inosservato, ma riceve gli elogi pubblici di Federico Fellini e di Alberto Moravia.

Nel 1991 si dedica al romanzo per l’infanzia con Cuore di ciccia, pubblicato dalla Mondadori.

Il successo internazionale di Va’ dove ti porta il cuore

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Va’ dove ti porta il cuore.

Nel 1994, dopo tre anni di silenzio, pubblica il suo più grande successo, il romanzo epistolare Va’ dove ti porta il cuore, edito da Baldini Castoldi Dalai Editore. Accolto con freddezza da una parte della critica letteraria, vende oltre 15 milioni di copie in tutto il mondo.[2][3]

Nonostante il successo, il romanzo viene giudicato negativamente dalla critica di sinistra[4].

Ispirandosi al libro di Tamaro, nel 1996 la regista Cristina Comencini ne trae un omonimo film, con Virna Lisi e Margherita Buy.

Nel 2011, in occasione delle celebrazioni per l’unità d’Italia al Salone del Libro di Torino, Va’ dove ti porta il cuore viene inserito fra i 150 «Grandi Libri» che hanno segnato la storia d’Italia.[2][3]

Gli anni Novanta

Nel 1996 inizia a tenere una rubrica sul settimanale Famiglia Cristiana nel quale affronta realtà solitamente ignorate dai grandi media. Lascia la rubrica nel 1998, raccogliendone però i numeri più salienti nel libro Cara Matildha – Non vedo l’ora che l’uomo cammini edito dalle Edizioni Paoline.

Nel 1997 ha esordito come autrice di musica, scrivendo insieme a Ron, per Tosca, il brano Nel respiro più grande,[5] presentato al Festival di Sanremo 1997 e giunto in finale. Lo stesso anno pubblica un altro best-seller, anche se di respiro minore rispetto al precedente, Anima Mundi.

Il 23 settembre del 1998 muore a Roma il padre Giovanni. Alcuni telegiornali lanciano la notizia falsa che sarebbe stato assassinato nel monolocale di Susanna Tamaro, sollevando uno scandalo [6]. Un comunicato della Procura e della stessa scrittrice poi chiarisce che il pensionato Giovanni Tamaro è morto per emorragia interna. Lo scandalo si chiude ma la famiglia Tamaro decide di tenere i suoi funerali in fretta e in segreto per sfuggire agli “sciacalli massmediatici”.

Nel 1998 scrive il soggetto per la storia a fumetti Paperino e la corsa al best-seller, pubblicata sul periodico Disney Topolino[7].

Gli anni Duemila e gli anni Dieci

Nel 2000 firma un contratto con la Rizzoli, alla quale cede in parte i diritti di tutte le sue opere precedenti, tra cui quelli miliardari di Va’ dove ti porta il cuore. Il 16 ottobre dà vita alla Fondazione Tamaro, che cura diverse iniziative e progetti di solidarietà e volontariato. Nel 2001 pubblica la raccolta Rispondimi, costituita da tre racconti, nel 2002 Più fuoco, più vento, nel 2003 Fuori, un’altra raccolta, stavolta di storie di immigrati tenuti ai margini della società.

Nel 2005 produce e realizza il suo primo film Nel mio amore, tratto dal suo racconto L’inferno non esiste presente in Rispondimi. Il film esce in DVD. Nel 2006 ha scritto uno spettacolo teatrale insieme con la cantautrice Grazia Di Michele e la scrittrice Sandra Cisnereos. Il 27 settembre del 2006 viene pubblicato Ascolta la mia voce, seguito di Va’ dove ti porta il cuore. Il libro è di nuovo un successo internazionale, i suoi diritti sono venduti in più di dodici Paesi. Nel libro sono contenute dure prese di posizione contro l’eutanasia, l’aborto e l’ingegneria genetica sugli embrioni, la netta condanna del Sessantotto e delle ideologie che ha portato con sé. Nel 2008 esce il romanzo Luisito. Una storia d’amore.

Nel 2011 pubblica un nuovo romanzo, Per sempre, una storia d’amore che vede protagonista un uomo sposato con una donna straordinaria. A gennaio del 2013 esce Ogni angelo è tremendo, pubblicato da Bompiani. Si tratta nel contempo di un’autobiografia e di un romanzo di formazione: infatti, nella protagonista (una bambina che affronta le vicissitudini di un’infanzia difficile che non tarda a passare), non è difficile riconoscere la stessa Tamaro. Nel marzo del 2013, Susanna Tamaro raccoglie per VandA Editore la sfida di “incrociare gli occhi dell’Agnello”, di quel Gesù che è stato “re senza eserciti e senza esecuzioni” e pubblica (ma solo in formato e-book) “Via Crucis. Meditazioni e preghiere”, dove l’autrice affianca a ogni passo, a ogni singola tappa, una meditazione e un’orazione.

Nell’aprile del 2013, nel corso di un incontro a cui prendono parte centinaia di ammiratori, la scrittrice riceve il Dante d’oro, il premio istituito dall’A.L. “Bocconi d’Inchiostro”, il salotto letterario degli studenti della Bocconi. Il riconoscimento è motivato dal prestigio dell’opera omnia, che ha appassionato milioni di lettori in decine di lingue, grazie ad una produzione di oltre venti lavori.

Il 10 gennaio 2014 riceve il San Giusto d’oro che dedica a suo padre. La scrittrice confida in merito:” Il San Giusto d’oro non è una lotteria. Non stai lì a concorrere con un libro solo, sperando che la giuria scelga te. No, è un riconoscimento alla carriera, all’opera intera. E riceverlo proprio nella mia città mi dà una grande gioia. Nella mia vita non ho ricevuto molti premi.”

Posizioni politiche, religiose e sociali

Pur avendo ricevuto all’inizio dei riconoscimenti per il suo ruolo culturale da parte degli ambienti della sinistra, Susanna Tamaro è divenuta poi oggetto di numerose accuse politiche per via di presunte posizioni anti-comuniste che emergerebbero in Va’ dove ti porta il cuore e in Anima Mundi, accuse denunciate dall’editore Alessandro Dalai come una vera e propria campagna di denigrazione[8].

In vista delle elezioni politiche del 2008, Tamaro è stata contattata da Giuliano Ferrara affinché si candidasse in Umbria e in Friuli nella sua lista antiabortista “Aborto? No grazie”. Susanna Tamaro, pur apprezzando e sostenendo le battaglie di Ferrara, ha rifiutato la proposta di entrare in politica.

Vicinissima al mondo cattolico, ha supportato diverse campagne della Chiesa, come l’astensione al referendum sulla procreazione assistita del 2005 o il “Family Day” del 2007. Per questo motivo è stata accusata più volte di incoerenza per la sua presunta omosessualità. La Tamaro ha però più volte smentito tali voci. Ha sempre dichiarato di non essersi mai sentita portata per una vita di coppia e per la maternità.[9][10][11][12].

Ha espresso posizioni animaliste, definendo l’industria alimentare della carne come «il grande crimine di questi tempi».[13] La scrittrice è infatti una convinta vegetariana.

È particolarmente sensibile, inoltre, alle tematiche ambientali (è iscritta a varie associazioni di tutela)[14] ed è naturalista con interessi di botanica ed entomologia.[15]

Premi e riconoscimenti

Onorificenze

Medaglia d'Oro ai Benemeriti della Cultura e dell'Arte - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia d’Oro ai Benemeriti della Cultura e dell’Arte
— Roma, 2 aprile 2003

Opere

  • La testa fra le nuvole, Venezia, Marsilio, 1989.
  • Per voce sola, Venezia, Marsilio, 1991.
  • Cuore di ciccia, Milano, Mondadori, 1992.
  • Il cerchio magico, Milano, Mondadori, 1994.
  • Va’ dove ti porta il cuore, Roma, Baldini & Castoldi, 1994.
  • Chissene.., Viterbo, Stampa alternativa, 1994.
  • Papirofobia, Milano, Mursia, 1994.
  • Anima Mundi, Milano, Rizzoli 1997.
  • Cara Mathilda. Non vedo l’ora che l’uomo cammini, Cinisello Balsamo, San Paolo, 1997.
  • Il respiro quieto. Conversazione con Susanna Tamaro, Roma, Baldini & Castoldi, 1997.
  • Tobia e l’angelo, Milano, Rizzoli, 1998.
  • Verso casa, Milano, Rizzoli, 1999.
  • Rispondimi, Milano, Rizzoli, 2001.
  • Più fuoco più vento, Milano, Rizzoli, 2002.
  • Il Castello dei sogni. Storie che parlano al cuore, (Raccolta Opere), Milano, Mondadori, 2002.
  • Fuori, Milano, Rizzoli, 2003.
  • Ogni parola è un seme, Milano, Rizzoli 2005.
  • Ascolta la mia voce, Milano, Rizzoli 2006.
  • Baita dei pini, Corriere della Sera, Corti di carta, Racconto, 2007.
  • Luisito. Una storia d’amore, Milano, Rizzoli, 2008.
  • Il grande albero, Milano, Salani, 2009.
  • Per sempre, Giunti Editore, 2011.
  • L’ isola che c’è. Il nostro tempo, l’Italia, i nostri figli, Torino, Lindau, 2011.
  • Ogni angelo è tremendo, Bompiani, 2013.
  • Via Crucis. Meditazioni e preghiere, VandA, 2013. (E-book)
  • Illmitz, Bompiani, 2014

Filmografia

Note

  1. ^ Ha faticato a trovare la sua strada…. URL consultato il 12 agosto 2012.
  2. ^ a b Articolo del Corriere della Sera, 27 aprile 2011.
  3. ^ a b Articolo della Gazzetta del Mezzogiorno, 23 luglio 2012.
  4. ^ Daniela Coli, Da Saviano a Piperno, vi spieghiamo perché in Italia la letteratura è morta, articolo su L’Occidentale, 26 marzo 2010.
  5. ^ Nel respiro più grande su italiancharts.com. URL consultato il 5 marzo 2012.
  6. ^ da La Repubblica Trovato morto il padre di Susanna Tamaro, 25 settembre 1998. URL consultato il 20 novembre 2010.
  7. ^ An index of Italian Disney stories: Topolino 2201-2300
  8. ^ dal Corriere della Sera, Susanna? Regalata dall’Ulivo alla destra, 23 maggio 1997.
  9. ^ «Ho un’amicizia d’amore con una donna» – Corriere della Sera
  10. ^ Susanna Tamaro su gay, lesbiche e Chiesa – Giornalettismo
  11. ^ La Tamaro: «Magari fossi omosessuale» – IlGiornale.it
  12. ^ Susanna Tamaro vive con una donna, ma non fa sesso
  13. ^ Intervento tenuto da Susanna Tamaro alla Giornata per la Coscienza degli Animali del 13 maggio 2010
  14. ^ Sito internet ufficiale
  15. ^ Intervista a Fabio Fazio in Che tempo che fa del 27 gennaio 2013

Bibliografia

  • Davide Torrecchia, Cuore di nuvola. Susanna Tamaro e «Luisito». Dalla cronaca alla fiaba, il rigore della semplicità in una scrittura da sempre nel fuoco della controversia, «Caffè Michelangiolo», Firenze, Pagliai Polistampa-Accademia degli Incamminati, a. XIII, n. 2, maggio-agosto 2008, pp. 28-34.
  • Idem, Una fiaba lunga tre secoli. «Il grande albero» di Susanna Tamaro, «LG Argomenti», Genova, Erga Edizioni, a. XLVI, n. 2, aprile-giugno 2010, pp. 61-63.

Altri progetti

Collegamenti esterni

Controllo di autorità VIAF: 2541571 LCCN: n94084206



This article uses material from the Wikipedia article Susanna Tamaro, which is released under the Creative Commons Attribution-Share-Alike License 3.0.

Mastro-don Gesualdo

bussola Disambiguazione – Se stai cercando informazioni sull’omonimo sceneggiato televisivo, vedi Mastro Don Gesualdo (sceneggiato televisivo).
Mastro-don Gesualdo
Sebastianutti, Guglielmo (1825-1881) & Benque, Franz (1841-1921) - Giovanni Verga.jpg
ritratto di Giovanni Verga
Autore Giovanni Verga
1ª ed. originale 1889
Genere romanzo
Lingua originale italiano
Ambientazione Vizzini
Protagonisti Gesualdo Motta

Mastro-don Gesualdo, pubblicato nel 1889, è uno tra i più conosciuti romanzi di Giovanni Verga. Narra la vicenda dell’omonimo protagonista, ed è ambientato a Vizzini, in Sicilia, nella prima metà dell’Ottocento in periodo risorgimentale.

Secondo romanzo del ciclo dei vinti, è il frutto di un lungo lavoro preparatorio proseguito incessantemente per nove anni. I primi abbozzi risalgono al 18811882, subito dopo la pubblicazione de I Malavoglia. Mastro-don Gesualdo uscì a puntate sulla Nuova Antologia dal 1º luglio al 16 dicembre 1888, e poi in volume presso l’editore Treves, nel 1889, ma datato 1890.

L’operazione linguistica condotta dallo scrittore risulta in questo romanzo particolarmente complessa, a causa dell’eterogeneità delle classi sociali rappresentate, ognuna portatrice di un lessico proprio.

L’elaborazione dell’opera è stata ricostruita filologicamente da Carla Riccardi, curatrice anche dell’Edizione Nazionale delle Opere di Giovanni Verga. La filologa ha accolto come definitivo il testo così come appare nel manoscritto inviato in tipografia, e lo ha corredato di un ricco apparato genetico nel quale sono però anche presenti alcune varianti evolutive.

Trama

Il romanzo è diviso in 4 parti, ognuna delle quali è suddivisa a sua volta in capitoli.

Parte prima

Cap I. Il romanzo si apre con l’incendio di palazzo Trao, di proprietà di una famiglia nobile decaduta, composta da 3 fratelli: don Diego (malato di tisi), don Ferdinando e donna Bianca. La gente che accorre la critica per le condizioni in cui si è ridotta; i suoi componenti infatti non hanno voluto cambiare stile di vita e iniziare a lavorare, attività estranea alla loro classe sociale. I fratelli preferiscono vivere dell’elemosina dei parenti, che peraltro forniscono i viveri e gli abiti per Bianca. Quando scoppia l’incendio Bianca si trova nella sua camera da letto con Ninì Rubiera, suo cugino ed amante. I due vengono scoperti da don Diego.

Cap II. Don Diego l’indomani si reca al palazzo della cugina Rubiera per raccontarle ciò che ha scoperto, con l’intenzione di combinare un matrimonio. La baronessa però non vuol saperne di ammogliare l’abbiente figliolo con Bianca poiché priva di dote ma promette che si impegnerà a trovarle un marito alla sua altezza. Don Ferdinando è considerato più stupido di don Diego; quest’ultimo è ossessionato dalle carte della lite, ossia la documentazione di una contesa giudiziaria secolare che oppone i nobili Trao alla corona di Spagna. Quando quella lite sarà vinta frutterà un’immensa ricchezza alla loro famiglia.

Don Gesualdo Motta intanto si è messo in testa di concorrere all’asta per la gabella delle terre comunali ed il barone Zacco si infuria per questo perché sono da generazioni di proprietà della sua famiglia.

Cap. III. Ha luogo la festa di San Gregorio Magno; la cugina Marianna Sganci ha organizzato un ricevimento a casa sua, al quale è accorso il fior fiore della nobiltà. Alla festa viene anche mastro don Gesualdo, che viene fatto accomodare sul balcone del vicoletto, riservato agli invitati meno prestigiosi ed ai parenti poveri, dove appunto erano seduti anche don Ferdinando e donna Bianca. Alla festa gli invitati parlottano del matrimonio di Bianca e Gesualdo e criticano la cosa per l’inferiore condizione sociale di lui, indignandosi per non essere stati informati di nulla, pur essendo parenti di Bianca. Oltre al matrimonio di Bianca si sta programmando anche quello di Ninì Rubiera con Fifì Margarone. Gesualdo e la baronessa Rubiera sono diventati soci in affari per potersi accaparrare le terre del comune: lui mette a disposizione il capitale, lei il nome prestigioso. A un certo punto Bianca e Ninì si incontrano e riescono a discutere da soli sul balcone. Bianca lo mette alle strette, vuole che le dica chiaramente se hanno un  futuro insieme ma lui è un debole, succube della madre e si lascia manovrare da lei come un burattino. Ninì alla fine confessa che la madre non acconsente al suo matrimonio. Emerge allora la realtà dei loro prossimi matrimoni, lui con Fifì Margarone, di cui ha già il sentore da un po’, lei con don Gesualdo, di cui però è ignara. Lei si dispera, lui si preoccupa solo del fatto che non devono dare nell’occhio. Lui potrebbe opporsi alla volontà della madre ma è vile e codardo. Sarebbe infatti figlio unico e l’eredità gli spetterebbe integralmente, il giorno che la madre venisse a mancare ma è così debole che accetta passivamente ciò che la madre gli impone, anche di sposare una donna brutta che per giunta non ama. Egli infatti teme che possa infliggergli una vita di inferno, negandogli il denaro, fintanto che è in vita. La zia Sganci chiede a Gesualdo di accompagnare a casa i Trao così che lui abbia la prima occasione per conoscere sua nipote Bianca. Il marchese Limoli, zio della ragazza, cerca di convincerla che è un buon partito perché ha molto denaro; il canonico Lupi fa lo stesso con Gesualdo, dicendo che il matrimonio con la donna lo introdurrà nella buona società e conseguirà così il titolo nobiliare.

Cap. IV. Viene descritta la solerzia di Gesualdo nello svolgere il proprio lavoro e nel controllare quello altrui. Gesualdo non si ferma di fronte a nessuna difficoltà e lavora strenuamente in ogni condizione climatica. Tutti i pasticci dei parenti ricadono sulle sue spalle, è lui l’unico che fatica e mantiene tutti quanti. Gesualdo controlla costantemente le sue proprietà e che i braccianti lavorino la terra, ma spesso e volentieri li trova oziosi, sdraiati al riposo dal sole. Gesualdo abita con l’umile servetta Diodata, compiacente e servizievole, segretamente innamorata dell’uomo.

Si racconta come Gesualdo sia partito dal nulla e con alacrità sia riuscito a crearsi la sua fortuna e ad accumulare la sua “roba”; egli infatti è un uomo che si è fatto da sé (Homo faber fortunae suae). Si narrano poi i primi dissidi con il padre, quando per voler aiutare economicamente la famiglia va a lavorare come manovale. Tutte le sue fatiche e i sacrifici vengono ricompensati perché Gesualdo ha il cervello per gli affari e riesce perciò a diventare padrone lui stesso di molteplici terreni. Un giorno Gesualdo comunica a Diodata che presto prenderà moglie; ella è sconvolta dalla notizia anche perché teme per la sorte che avranno i figli avuti da lui e abbandonati all’orfanotrofio.

Cap. V. La sorella Speranza e il cognato Burgio speculano sugli affari; Burgio si occupa sempre di investimenti che non fruttano niente. Il fratello Santo vive sulle spalle di Gesualdo e il padre, non volendo essere defraudato del suo ruolo di capofamiglia, combina solo guai con gli affari del figlio, ai quali quest’ultimo è sempre costretto a rimediare. Il padre si sente depauperato della sua posizione all’interno della famiglia e quindi fa di testa sua, rovina gli affari del figlio, facendogli perdere soldi. A causa di una malversazione del padre un ponte è crollato e Gesualdo ha perso un affare. Sotto la spinta di questa disgrazia si decide al matrimonio con Bianca propostogli dal canonico Lupi.

Cap. VI. Bianca si reca in chiesa per confessarsi e lì il sagrestano Luca e il canonico Lupi esercitano su di lei pressione psicologica circa il matrimonio con Gesualdo. Nei giorni precedenti lui aveva presentato la proposta ufficiale ai suoi fratelli, che però non avevano acconsentito e per questo va in collera. Don Luca esorta donna Bianca a riproporre la questione del matrimonio ai suoi fratelli perché sarebbe un affarone per tutta la sua famiglia, un’occasione da non perdere. Donna Marianna a sua volta cerca di convincere Ferdinando e Diego che pure sono restii a dare in moglie la loro sorella a uno come Gesualdo. La loro nobiltà deriva dal sangue, per questo ripudiano l’idea di fare entrare nella loro famiglia il mastro. Alla fine tuttavia, rassegnati, dicono a Bianca di fare ciò che vuole. Ella decide di sposarsi non per il guaio combinato con il cugino, ma per uscire dalle ristrettezze economiche in cui versa la famiglia.

Cap. VII. Al loro matrimonio non viene nessun parente, né di lei perché non approvano, né di lui perché si vergognano della loro condizione di miserabili. I pochi invitati presenti alla successiva festa sembrano interessati solo ad arraffare cibo e a sparlare dell’atteggiamento dei fratelli di lei. Diodata è innamorata di Gesualdo ma lui le ha combinato un matrimonio riparatore con Nanni l’Orbo. Gesualdo si illude di poter trovare un possibile terreno d’intesa con la moglie (“i segni umili di privazione che l’avvicinavano a lei”). Viene consumata la prima notte di nozze. Lui è impacciato, ha quasi paura di toccarla anche perché lei rimane rigida. Tale atteggiamento preannuncia la loro futura incomunicabilità, il principio di un’unione triste.

Parte seconda

Cap. I. Nella sede del comune si svolge la gabella per l’affitto delle terre comunali; c’è un parapiglia generale: tutti si infervorano e si accapigliano, tranne Gesualdo, che resta impassibile perché sa di avere il coltello dalla parte del manico ed è il più furbo di tutti. Per quanto lui faccia offerte alte, cercano di farlo desistere dall’impresa prima proponendogli la concessione del denaro perso nella cauzione del ponte crollato a patto che lui rinunci ad accaparrarsi le terre comunali; viene proposto poi che le terre siano divise tra lui, la baronessa Rubiera e il barone Zacco, che ne ha il possesso da generazioni. Ma Gesualdo non accetta neanche questa proposta; non vuole scendere a compromessi perché vuole il monopolio sulle terre. Tiene così tanto ad aggiudicarsele anche per una rivalsa personale nei confronti dei nuovi parenti per l’affronto subito (matrimonio a sua insaputa riparatore). Il suo più acerrimo competitore è il baronello Rubiera, che è sia avido sia geloso nei confronti del marito di Bianca. Il matrimonio con la donna è stato un fallimento perché lui è tuttora solo contro tutti, non ha ottenuto l’appoggio dei nobili sposandola. Venendo a sapere dal canonico dei moti rivoluzionari carbonari di Palermo, Gesualdo decide di aderire lui stesso alla Carboneria ed anzi di provare ad assumerne la guida per farla pagare a tutti i pezzi grossi. Il moto popolare nelle campagne sfocia nella rivendicazione delle terre da parte dei “villani”.

Cap. II. Si prospetta il tema della rivolta contadina; da una parte i “villani”, incapaci di organizzarsi e di darsi dei capi, dall’altra i “galantuomini”, impauriti dalla collera popolare. Ma il fermento popolare prodotto dalle notizie dei rivolgimenti politici palermitani non sfocia nella temuta jacquerie, anzi rinsalda la solidarietà tra i possidenti che dimenticano la loro rivalità di “cani e gatti” per fare fronte comune contro il nemico di classe. I rivoltosi infatti si riuniscono durante una notte ma al primo segnale di pericolo si disperdono e scappano. Secondo Gesualdo, il fervore politico dei “galantuomini” è solo un ennesimo tentativo di tagliarsi l’uno all’altro l’erba sotto i piedi e deriva dalla necessità di trovarsi dalla parte giusta, qualora la rivoluzione avesse successo. In Gesualdo e negli altri possidenti dunque prevale l’interesse a tutelare i propri profitti.

Cap. III. Si chiude con il parto prematuro di Bianca che dà alla luce Isabella, dovuta al colpo per la perdita del fratello Diego. La povera ragazza era stata tenuta all’oscuro del degenerare della sua malattia. Durante la notte don Diego morente è rimasto affidato soltanto alla carità del sagrestano poiché a causa dei tafferugli in paese, nessuno aveva avuto il coraggio di uscire di casa. Diego muore tra l’indifferenza dei parenti, nessuno dei quali vorrebbe accollarsi le spese del funerale.

Cap. IV. Tradito dal barbiere mastro Titta, Ninì Rubiera vede consegnata la lettera d’amore indirizzata ad Aglae, prima donna di una compagnia teatrale, alla fidanzata Fifì. Aglae, che recita dentro e fuori del teatro, è una donna scaltra che cerca di ricavare i maggiori vantaggi possibili dal fascino che esercita sui provinciali vizzinesi, apparentemente ignara dei guasti patrimoniali che la passione può arrecare. Le malignità mormorate a teatro da parenti e conoscenti sulla paternità di Isabella non hanno alcun fondamento reale e sono l’ennesimo gratuito atto di ostilità nei confronti del mastro. Dopo i familiari e Bianca, neanche Isabella infatti potrà colmare il vuoto di affetti nel quale si muove il protagonista. Il baronello Rubiera per conquistare Aglae, le manda leccornie di ogni tipo, che insieme al suo collega consuma nella taverna. I 2 sono dei ruffiani. Alla fine Ninì riesce a raggiungere il suo scopo, indebitandosi fino al collo; la baronessa essendo venuta a conoscenza di ciò, gli ha tagliato i viveri. Il canonico Lupi intercede per lui presso Gesualdo, cercando di persuaderlo a fargli un prestito per sanare i debiti. Una volta morta la madre, lui otterrà l’eredità e da galantuomo qual è, estinguerà il debito contratto con Gesualdo.

Cap. V. La baronessa Rubiera viene a sapere della nuova amante di suo figlio e di tutti i soldi che per lei sperpera, che per certo non sono suoi, perché la baronessa gli aveva proibito di disporre della sua eredità. Una mattina un conoscente detto il Ciolla viene a farle visita, mettendole la pulce nell’orecchio riguardo al coinvolgimento di Gesualdo nell’affare come prestatore di denaro. La baronessa insospettita decide di andare al battesimo di Isabella Trao, per saperne di più, ma quando chiede spiegazioni a Bianca prima e a Gesualdo poi, le vengono negate. Alla cerimonia i parenti di Gesualdo non si presentano perché si sentono indegni della nobiltà. La donna è ossessionata dal pensiero che la sua “roba” è in imminente pericolo. L’aver concesso il denaro a Ninì è per Gesualdo un modo per vendicarsi di lei. A causa di tutti gli affanni la donna viene colpita da un ictus cerebrale che la rende paralitica e incapace di parlare. Ninì allora abbandona l’amante, si ravvede e inizia a prendersi cura della madre senza sosta come per espiare la sua colpa.  Ora è lui ad avere in mano l’amministrazione della casa e per la madre inerte e muta è un dolore ogni volta che il figlio prende le chiavi dei magazzini, contenenti i suoi averi. Per l’improvviso malore non ha fatto in tempo a diseredare il figlio come invece sarebbe stato nelle sue intenzioni. L’unica ragione per cui Ninì lascia Aglae è perché ha saputo che la madre aveva intenzione di chiamare il notaio e quindi per paura di perdere l’eredità. Col prendersi cura della madre il ragazzo deperisce e non si cura più.

Parte terza

Cap. I. Isabella prima dei 5 anni viene mandata in collegio. Bianca, dopo il parto, aveva iniziato a deperire di giorno in giorno, perché malata di tubercolosi come i fratelli. Essendo Isabella la sua unica figlia, Gesualdo desidera il meglio per lei: la migliore educazione, che possegga tutto ciò che a lui è mancato, che conduca una vita pari a quella di una figlia di un nobile. Bianca però non avrebbe voluto separarsi da lei. Le compagne di collegio vedono di malocchio la bambina, in quanto figlia di un arricchito, condizionate in questo dall’opinione dei parenti. Le lanciano continue frecciatine sulla sua condizione di inferiorità. Quando il padre va a trovarla, ella ha nei suoi confronti lo stesso atteggiamento della madre: restio al contatto fisico e quasi di repulsione nei suoi confronti. La ragazzina si sente solo Trao, rinnegando il cognome Motta. Fifì Margarone dopo il tradimento di Ninì non vuole più saperne di sposarlo, perciò lui per ragioni di interesse e di tutela del suo casato opta per sposare Giuseppina Alosi; ella infatti garantisce il debito del marito ipotecando le proprie terre a favore di mastro don Gesualdo, non avendo Ninì la disponibilità di denaro che gli occorreva. Quando Isabella è più grande passa al primo educatorio di Palermo. Quando si trovava di fronte a lei Gesualdo provava soggezione tanto era la nobiltà della sua persona. Né il fratello di Bianca né i parenti di Gesualdo sentono legami con la ragazza, con la quale infatti mantengono una distanza. Anche quando imperversa l’epidemia di colera tutti i parenti rifiutano per orgoglio l’aiuto di Gesualdo, che offrirebbe volentieri la propria dimora in campagna, lontano dal paese appestato. Non vogliono mischiarsi a persone tanto diverse.

Cap. II. In campagna a Mangalavite dà ricovero a mezzo paese a causa dell’incalzare del colera. Isabella, uscita dal collegio per il diffondersi dell’epidemia, vive in campagna un’esistenza infelice poiché si sente sola, in un ambiente privo di stimoli, eccezion fatta per il rapporto che si viene a creare con il cugino Corrado, di cui Gesualdo diffida in quanto letterato e quindi in grado di incantare la sua figliola con le sue belle parole.

Cap. III. Gesualdo si reca alla Salonia dopo aver appreso che anche il padre si è ammalato di colera; l’uomo arriva giusto in tempo per vederlo morire nella notte. La sorella Speranza, fintamente addolorata, si preoccupa unicamente della ripartizione dell’eredità e rifiuta ancora una volta l’aiuto di Gesualdo, che si offre di condurre con sé tutta la famiglia a Mangalavite. Amareggiato per l’ingratitudine della sorella se ne ritorna a casa, dove Nanni l’Orbo lo mette in guardia sulla tresca tra Isabella e Corrado. Gesualdo allora va su tutte le furie e impone a lui e alla zia Cirmena di andarsene. Gesualdo è cosciente del fatto che Cirmena vorrebbe far sposare al nipote la ragazza per migliorare la loro situazione economica ma lui a “rovinare il sangue” non ci sta, mettendo in secondo piano però la felicità della figlia.

Cap. IV. Gesualdo tenta in tutti i modi di scoraggiare la passione di Isabella per Corrado ma alla fine è costretto a ricondurla in convento. La madre difende a spada tratta la figlia; è uno strazio per lei doversene separare e questa rimarrà una ferita insanabile nel suo cuore. Vorrebbe tenerla con sé per quel poco che le resta da vivere ma il marito è irremovibile. Tuttavia amici e parenti gli remano contro e lo pugnalano alle spalle, facendo scappare la ragazza dal convento cosicché i 2 amanti hanno la possibilità di riunirsi. Ma la giovane ormai è compromessa e Cirmena auspica le nozze tra il figlio e Isabella. Tuttavia quando Gesualdo viene a conoscenza della situazione, fa intervenire la polizia e Corrado è mandato in esilio. Si paventa intanto la possibilità di un matrimonio riparatore, con un uomo maggiormente all’altezza di Isabella; costui sarà il duca di Leyra, nobile di Palermo, oberato di debiti, perché per niente avvezzo agli affari. Isabella andava a piangere dai parenti e a supplicarli di non sacrificarla. Gesualdo, conosciuta la reputazione dell’uomo, non è più convinto di concedergli in sposa la figlia, ma messo alle strette da tutti, in particolare dal marchese Limoli che vuol fargli capire che la ragazza è rimasta incinta di Corrado, alla fine acconsente. Il matrimonio viene celebrato in fretta, senza troppe cerimonie e i 2 coniugi partono per Palermo.

Parte quarta.

Cap. I. Sei mesi più tardi nasce il figlio di Isabella e Corrado, della cui illegittimità Gesualdo tiene all’oscuro Bianca. Il padre è addoloratissimo per il fatto che i terreni assegnati in dote vengono mal gestiti e coltivati dopo tutte le fatiche che aveva fatto a metterli insieme. Il genero continuava a contrarre debiti e lui era costretto a provvederci cosicché tutti i suoi risparmi cominciavano ad essere dissipati. Bianca intanto continua a peggiorare con l’unico desiderio di poter rivedere la figlia un’ultima volta, evento che non si verificherà. La donna accusa Gesualdo di averle strappato la figlia contro la sua volontà. Bianca è in fin di vita e per l’occasione si presentano al suo capezzale i parenti più stretti: prima il barone Zacco e la sua famiglia; il barone più che mostrare dolore per la sua imminente fine parla imperturbabilmente d’affari, sparlando del canonico Lupi e di Ninì Rubiera, con la scusa di voler distrarre la povera Bianca. Si presentano poi Ninì e la consorte, con il pretesto di voler visitare la cugina malata, ma con il vero intento di chiedere l’ennesimo aiuto economico a Gesualdo. La visita a Bianca per entrambe le famiglie di parenti diviene una copertura per poter sancire un accordo economico con Gesualdo. Le sorelle Zacco pensano già a quale potrebbe essere una nuova moglie per l’uomo e per questo Bianca lo implora di non farle più venire. Vi è così da parte sua, per la prima volta, quasi la dimostrazione di un sentimento nei confronti del marito.

Cap. II. Tutte le serve abbandonano la casa dei coniugi Motta per paura di essere contagiati dalla tisi. Come ultima speranza Gesualdo manda a chiamare Diodata, il cui marito acconsente a farla lavorare solo su compenso economico. Tuttavia Bianca per gelosia la rifiuta e non vuole avere niente a che fare con lei. Gesualdo decide di far chiamare tutti i parenti di Bianca perché la poveretta sta per morire. La donna muore senza che la figlia sia potuta accorrere al suo capezzale, ignara della degenerazione della malattia materna, che il duca aveva voluto tenerle nascosta.

Cap. III. Dopo la morte di Bianca anche Gesualdo si ammala di un tumore allo stomaco a causa di tutti i dispiaceri e gli affanni. Si paventa infatti una rivoluzione da parte dei villani che vogliono che le terre comunali siano egualmente ripartite fra loro. La sua roba è minacciata e come se non bastasse tutti gli hanno voltato le spalle.

Cap. IV. Le pretese della povera gente sui possedimenti dei più ricchi, primo fra cui spicca Gesualdo, si fanno sempre più pressanti. Da tanto tempo mal visto dai poveri, è ora non solo diffamato da coloro che hanno debiti nei suoi confronti, ma anche dai signori, i quali cercano di dirottare l’ira popolare nei confronti del più potente e ricco di loro. Intanto la sua malattia, manifestatasi in concomitanza con la morte di Bianca, degenera a tal punto che il duca di Leyra decide di portarlo a Palermo con la falsa intenzione di farlo visitare dai migliori medici della città e assicurargli le cure più efficaci. La figlia gli fa visita nelle sue stanze tutte le mattine, più per un dovere morale, che per sua reale volontà. Il palazzone in cui vivono i duchi è un surplus di sfarzo e sprechi, popolato da uno stuolo di servi che ostentano una finta riverenza nei confronti del padrone ma che oziano per la maggior parte del tempo. I due coniugi sembrano andare d’amore e d’accordo ma lei in realtà conduce una vita carica di menzogne, di ipocrisia, coltivando altre relazioni. Il genero vuole impedire a Gesualdo di far testamento perché teme che egli possa lasciare ad altri parte della propria fortuna. Egli infatti ha degli scrupoli di coscienza nei confronti dei figli avuti con Diodata. Durante l’ultimo colloquio tra padre e figlia sembra crearsi un po’ di tenerezza e complicità tra loro, che subito svanisce poiché i due non riescono a comunicare: lei rimane una Trao, una d’un’altra pasta e lui un Motta, lei trincerata nel suo rancore e lui attanagliato dal dubbio circa l’essere o meno il vero padre di Isabella. L’ultima richiesta che rivolge alla figlia è di concedere del denaro a Diodata e ai suoi figli.

La sua tragica fine avviene pochi giorni dopo, durante la notte, in solitudine, tra l’indifferenza dei servi, che ignorano e anzi risultano infastiditi dai suoi lamenti di dolore, che credono essere solamente delle lagne di un povero vecchio. Un dovere come un altro servire chi realmente è nato meglio di loro; inaccettabile servire un arricchito ma loro pari dal punto di vista sociale. L’uomo ha le mani ancora segnate dalla calcina, primo particolare dell’aspetto fisico del mastro sottolineato dal Verga nel capitolo III, mani da cui i servi capiscono “com’era nato”.

Temi

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Giovanni Verga (tecnica narrativa).

Mastro-don Gesualdo è uno dei capolavori di Giovanni Verga e appartiene al ciclo, incompiuto, detto dei Vinti. Il romanzo è infatti incentrato sulla figura di Gesualdo Motta, un uomo che nel corso della sua vita sacrifica ogni affetto a ragioni strettamente economiche ritrovandosi alla fine schiacciato e sconfitto dall’aridità di cui si è circondato.

Il tema del romanzo risulta evidente sin dal titolo: il personaggio principale, Gesualdo Motta è soprannominato dai suoi compaesani “mastro-don“. Si tratta di un nomignolo dispregiativo che sottolinea la natura di parvenu di Gesualdo, una via di mezzo fra “Mastro” (appellativo riservato a chi dirige un gruppo di muratori) e “Don” (epiteto riservato ai signori e proprietari terrieri).

Il protagonista, infatti, da muratore diventa imprenditore, proprietario terriero, marito di una nobildonna; da qui il suo conseguente isolamento, poiché viene detestato da tutti coloro che non hanno ottenuto lo stesso successo in termini di ascesa sociale e disprezzato dal ceto notabile che lo considera un bifolco arricchito.

Il romanzo è costituito da ventuno capitoli suddivisi a loro volta in quattro parti corrispondenti alle quattro più importanti fasi della vita del protagonista: il matrimonio con Bianca Trao, il successo economico, l’inizio del declino di Gesualdo, la sua morte. Si tratta quindi di un romanzo che ricorre ad una tecnica per scorci: i fatti più importanti vengono isolati grazie ad ampi salti temporali.

Collegamenti esterni

Altri progetti

letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura



This article uses material from the Wikipedia article Mastro-don Gesualdo, which is released under the Creative Commons Attribution-Share-Alike License 3.0.