Cecco Angiolieri (?) – Quando mie donn’esce la man del letto

Quando mie donn’esce la man del letto
che non s’ha post’ancor del fattibello,
non ha nel mondo sì laido vasello,
che, lungo lei, non paresse un diletto;
così ha ‘l viso di bellezze netto
fin ch’ella non cerne col burattello
biacca, allume scagliuol’e bambagello:
par a veder un segno maladetto!
Ma rifassi d’un liscio smisurato,
che non è om che la veggia ‘n chell’ora,
ch’ella nol faccia di sé ‘nnamorato.
E me ha ella così corredato,
che di null’altra cosa metto cura
se non di lei: o ecc’om ben ammendato.