Claudio Tolomei – Quando la Tullia mia che vien dal cielo, che d’altronde non puo si bella cosa, umilemente altera e disdegnosa, toglie al mondo ‘l suo sol con un bel velo; allora agghiaccia ‘l fuoco ed arde ‘l gelo, e Amor tremando l’armi in terra posa, vertu si fugge e cortesia sta ascosa, e spegnesi ogni ardente onesto zelo. Ma s’avvien poi che a le tranquille ciglia ridendo levi il velo, allor piu incende il foco e ‘l ghiaccio e freddo in ogni parte; virtu ritorna e Amor l’armi riprende ch’ella governa, e non e meraviglia cio che puo far ‘l ciel, natura ed arte

Quando la Tullia mia che vien dal cielo,
che d’altronde non puo si bella cosa,
umilemente altera e disdegnosa,
toglie al mondo ‘l suo sol con un bel velo;

allora agghiaccia ‘l fuoco ed arde ‘l gelo,
e Amor tremando l’armi in terra posa,
vertu si fugge e cortesia sta ascosa,
e spegnesi ogni ardente onesto zelo.

Ma s’avvien poi che a le tranquille ciglia
ridendo levi il velo, allor piu incende
il foco e ‘l ghiaccio e freddo in ogni parte;

virtu ritorna e Amor l’armi riprende
ch’ella governa, e non e meraviglia
cio che puo far ‘l ciel, natura ed arte.

Lascia un commento