Compagnetto da Prato, L’amor fa una donna amare

L’amor fa una donna amare.
Dice: «Lassa, com faragio?
Quelli a cui mi voglio dare
non so se m’à ‘n suo coragio.
Sire Dio, che lo savesse
ch’io per lui sono al morire,
o c’a donna s’avenesse:
manderia a lui a dire
che lo suo amor mi desse.
Dio d’amor, quel per cui m’ài
conquisa, di lui m’aiuta;
non t’è onor s’a lui non vai,
combatti per la renduta.
Dio! l’avessero in usanza
l’altre di ‘nchieder d’amare!
ch’io inchiedesse lui d’amanza,
chè m’à tolto lo posare;
per lui moro for fallanza.
Donne, no ‘l tenete a male,
s’io danneo il vostro onore,
chè ‘l pensier m’à messa a tale
convenmi inchieder d’amore.
Manderò per l’amor mio,
saprò se d’amor mi ‘nvita;
se non, gliela dirabo io
la mia angosciosa vita.
Lo mio aunore non disio».
«Madonna, a vostre belleze
non era ardito di ‘ntendre;
non credea che vostre alteze
ver me degnassero iscendre.
A voi mi do, donna mia,
vostro son, mio non mi tegno,
mio amor coral in voi sia;
fra tut[t]o, senza ritegno
met[t]omi in vostra balìa».
«Deo! como mi fa morire
l’omo a cui mandai il mes[s]agio!
Domandomi che vuol dire.
Quando in zambra meco l’agio
non me ne de’ domandare.
Drudo mio, aulente più c’ambra,
ben ti dovresti pensare
perch’i’ òti co meco in zambra;
sola son, non dubitare».
«Dim[m]i s’è ver l’abraz[z]are
che mi fai, donna avenente,
chè sì gran cosa mi pare,
creder no ‘l posso neiente».
«Drudo mio, se Dio mi vaglia
ch’io del tuo amor mi disfaccio,
merzè, non mi dar travaglia!
Poi che m’ài ignuda in braccio,
meo sir, tenemi in tua baglia!».