Dante Alighieri – Non canoscendo, amico, vostro nomo

Non canoscendo, amico, vostro nomo,
donde che mova chi con meco parla,
conosco ben che scienz’à di gran nomo,
sì che di quanti saccio nessun par l’à:
ché si pò ben canoscere d’un omo,
ragionando, se ha senno, che ben par là;
conven poi voi laudar sanza far nomo,
è forte a lingua mia di ciò com parla.
Amico (certo sonde, acciò ch’amato
per amore aggio), sacci ben, chi ama,
se non è amato, lo maggior dol porta;
ché tal dolor ten sotto suo camato
tutti altri, e capo di ciascun si chiama:
da ciò ven quanta pena Amore porta.

Lascia un commento