Dante Alighieri – Poi che sguardando il cor feriste in tanto

Poi che sguardando il cor feriste in tanto
di grave colpo, ch’io non batto vena,
Dio, per pietà, or deali alcuna lena,
che ‘l tristo spirto si rinvegna alquanto.
Or non vedete consumar in pianto
gli occhi dolenti per soperchia pena?
la qual sì stretto a la morte mi mena,
che già fuggir non posso in alcun canto.
Vedete, donna, s’io porto dolore,
e la mia voce ch’è fatta sottile,
chiamando a voi mercé sempre d’amore:
e s’el v’aggrada, donna mia gentile
che questa doglia pur mi strugga ‘l core
eccomi apparecchiato servo umile.