Earbits, l’anti-Pandora che chiede soldi agli artisti e non disdegna la "classica"

Un musicista riconvertito al marketing, un modello di Internet radio che fa a meno della pubblicità ma punta a diventare profittevole percorrendo una strada diametralmente opposta a quella imboccata da Pandora o Spotify. A pagare non è l’inserzionista o l’abbonato, ma i musicisti stessi, che ricorrono a Earbits, il servizio di music discovery lanciato da Joey Flores, proprio per promuoversi e

Tratto da: Radiopassioni.it, a cura di Andrea Lawendel – Licenza Creative Commons

Lascia un commento