Federico II, De le mia disïanza

De le mia disïanza
c’ò penato ad avire,
mi fa sbaldire – poi ch’i’ n’ò ragione,
chè m’à data fermanza
com’io possa compire
[ lu meu placire ] – senza ogne cagione,
a la stagione – ch’io l’averò [‘n] possanza.
Senza fallanza – voglio la persone,
per cui cagione – faccio mo’ membranza.
A tut[t]ora membrando
de lo dolze diletto
ched io aspetto, – sonne alegro e gaudente.
Vaio tanto tardando,
chè paura mi metto
ed ò sospetto – de la mala gente,
che per neiente – vanno disturbando
e rampognando – chi ama lealmente;
ond’io sovente – vado sospirando.
Sospiro e sto ‘[n] rancura;
ch’io son sì disioso
e pauroso – mi face penare.
Ma tanto m’asicura
lo suo viso amoroso,
e lo gioioso – riso e lo sguardare
e lo parlare – di quella criatura,
che per paura – mi face penare
e dimorare: – tant’è fine e pura.
Tanto è sagia e cortise,
no creco che pensasse,
nè distornasse – di ciò che m’à impromiso.
Da la ria gente aprise
da lor non si stornasse,
che mi tornasse – a danno chi gli ò offiso,
e ben mi à miso – [ . . . -ise]
[ . . . -ise] – in foco, ciò m’è aviso,
che lo bel viso – lo cor m’adivise.
Diviso m’à lo core
e lo corpo à ‘n balìa;
tienmi e mi lia – forte incatenato.
La fiore d’ogne fiore
prego per cortesia,
che più non sia – lo suo detto fallato,
nè disturbato – per inizadore,
nè suo valore – non sia menovato,
nè rabassato – per altro amadore.