Ferdinando Fontana – La forma e l’idea

La forma son le tenebre,
E la luce e` l'Idea;
La Forma e` il rito, il simbolo
Del pensiero che crea;
Il pensiero e` l'Iehova
Dei veggenti profeti
Che parla dai roveti.,
E la Forma e` Gesu`.
La Forma e` la parabola,
La Forma e` il pane, e` il vino,
E` l'orto, il bacio, il Golgota,
E` la Croce, e` Longino;
E il pensiero e` l'assiduo
Svolgersi del creato,
Cui spiegar non e` dato
Alle menti quaggiu`!

Eterna lotta!.... Scorgere
L'Idea!.... Vedere il sole!...
E disperar d'esprimerlo
Con possenti parole!
Nelle affannose veglie
Concepir l'universo....
E alla foga del verso
Non saperlo svelar!
Dietro un fatal connubio
Il cervello si stanca!....
Giunge lo sposo al tempio,
Ma la sposa vi manca;
Egli, il Pensiero, l'evoca
Colla voce pietosa....
Ma la Forma, la sposa,
Non si reca all'altar.

Ahi!.... Talora nel cranio,
Indarno affaticato,
Disperando, un terribile
Dubbio m'e` balenato!
Pensai che forse esistono
Idee si` vaghe e arcane
Che invan le menti umane
S'attentano a scolpir!
Forse passo` fra gli uomini
Il sommo dei poeti
Fra la schiera dei mutoli
E degli analfabeti....
E, forse, il suo silenzio
Fu incompresa epopea,
In cui sfuggi` l'Idea
Della Forma il martir!

Ah!.... Perche', dunque, struggerti,
O povero cervello?
Contro la Forma, il despota,
Sorgi, schiavo rubello!
Non ti curar degli uomini!
Vivi in te stesso e pensa!....
La tua melode immensa
Non rivelar che a te!
Chiuso nel tuo silenzio
Ogni idioma oblia!
Del tempo e dello spazio
Comprendi l'armonia!
Ogni idioma e frivolo
A esprimer l'Universo!
Nato a servire un verso
Il mio pensier non e`!!

Evvia!.... Sorridi, Emilio!....
Sorge nel Ciel l'aurora,
E, solitario, io vigilo
Sulle mie carte ancora!
Stolto!.... Giuro il silenzio,
E ti favello intanto!....
Stolto!.... E rileggo il canto
Che la mia man noto`!
Emilio, io voglio illudermi!
Sono troppo felice!
Mi risveglio da un'estasi
E il pensiero mi dice:
"Stretto e` il fatal connubio!
"Chiudi gli occhi e riposa....
"Questa notte la sposa
"All'altar si reco`...."

Milano, giugno 1875.

Lascia un commento