Fernando Fontana – La forma e l’idea

La forma son le tenebre,
E la luce è l’Idea;
La Forma è il rito, il simbolo
Del pensiero che crea;
Il pensiero è l’Iehova
Dei veggenti profeti
Che parla dai roveti.,
E la Forma è Gesù.
La Forma è la parabola,
La Forma è il pane, è il vino,
È l’orto, il bacio, il Golgota,
È la Croce, è Longino;
E il pensiero è l’assiduo
Svolgersi del crëato,
Cui spiegar non è dato
Alle menti quaggiù!

Eterna lotta!…. Scorgere
L’Idea!…. Vedere il sole!…
E disperar d’esprimerlo
Con possenti parole!
Nelle affannose veglie
Concepir l’universo….
E alla foga del verso
Non saperlo svelar!
Dietro un fatal connubio
Il cervello si stanca!….
Giunge lo sposo al tempio,
Ma la sposa vi manca;
Egli, il Pensiero, l’évoca
Colla voce pietosa….
Ma la Forma, la sposa,
Non si reca all’altar.

Ahi!…. Talora nel cranio,
Indarno affaticato,
Disperando, un terribile
Dubbio m’è balenato!
Pensai che forse esistono
Idee sì vaghe e arcane
Che invan le menti umane
S’attentano a scolpir!
Forse passò fra gli uomini
Il sommo dei pöeti
Fra la schiera dei mutoli
E degli analfabeti….
E, forse, il suo silenzio
Fu incompresa epopea,
In cui sfuggì l’Idea
Della Forma il martîr!

Ah!…. Perché, dunque, struggerti,
O povero cervello?
Contro la Forma, il despota,
Sorgi, schiavo rubello!
Non ti curar degli uomini!
Vivi in te stesso e pensa!….
La tua melòde immensa
Non rivelar che a te!
Chiuso nel tuo silenzio
Ogni idïoma oblia!
Del tempo e dello spazio
Comprendi l’armonia!
Ogni idïoma e frivolo
A esprimer l’Universo!
Nato a servire un verso
Il mio pensier non è!!

Evvia!…. Sorridi, Emilio!….
Sorge nel Ciel l’aurora,
E, solitario, io vigilo
Sulle mie carte ancora!
Stolto!…. Giuro il silenzio,
E ti favello intanto!….
Stolto!…. E rileggo il canto
Che la mia man notò!
Emilio, io voglio illudermi!
Sono troppo felice!
Mi risveglio da un’estasi
E il pensiero mi dice:
“Stretto è il fatal connubio!
“Chiudi gli occhi e riposa….
“Questa notte la sposa
“All’altar si recò….”

Milano, giugno 1875.