Folgore da San Gimignano – Umiltà

Umilità dolcemente il riceve,

e dice: “Punto non vo’ che ti gravi,

ch’e’ pur convien ch’io ti rimondi e lavi,

e farotti piú bianco che la neve;

e intendi quel ched io ti dico breve,

ch’i’ vo’ portar dello tuo cor le chiavi,

ed a mio modo converrà che navi,

ed io ti guiderò sí come meve.

Ma d’una cosa far tosto ti spaccia,

ché tu sai che soperbia m’è nimica:

che piú con teco dimoro non faccia.

I’ ti sarabbo cosí fatta amica

ch’e’ converrà ch’a tutta gente piaccia;

e cosí fa chi di me si notrica”.