Francesco Petrarca – Amor, che meco al buon tempo ti stavi

Amor, che meco al buon tempo ti stavi
fra queste rive, a’ pensier’ nostri amiche,
et per saldar le ragion’ nostre antiche
meco et col fiume ragionando andavi;

fior’, frondi, herbe, ombre, antri, onde, aure soavi,
valli chiuse, alti colli et piagge apriche,
porto de l’amorose mie fatiche,
de le fortune mie tante, et sí gravi;

o vaghi habitator’ de’ verdi boschi,
o nimphe, et voi che ‘l fresco herboso fondo
del liquido cristallo alberga et pasce:

i dí miei fur sí chiari, or son sí foschi,
come Morte che ‘l fa; cosí nel mondo
sua ventura à ciascun dal dí che nasce.