Francesco Petrarca – Amor, se vuo’ ch’i’torni al giogo anticho

Amor, se vuo’ ch’i’torni al giogo anticho,
come par che tu mostri, un’altra prova
meravigliosa et nova,
per domar me, conventi vincer pria.
Il mio amato tesoro in terra trova,
che m’è nascosto, ond’io son sí mendico,
e ‘l cor saggio pudico,
ove suol albergar la vita mia;
et s’egli è ver che tua potentia sia
nel ciel sí grande come si ragiona,
et ne l’abisso (perché qui fra noi
quel che tu val’ et puoi,
credo che ‘l sente ogni gentil persona),
ritogli a Morte quel ch’ella n’à tolto,
et ripon’ le tue insegne nel bel volto.
Riponi entro ‘l bel viso il vivo lume
ch’era mia scorta, et la soave fiamma
ch’anchor, lasso, m’infiamma
essendo spenta: or che fea dunque ardendo?
E’ non si vide mai cervo né damma
con tal desio cercar fonte né fiume,
qual io il dolce costume
onde ò già molto amaro; et piú n’attendo,
se ben me stesso et mia vaghezza intendo,
che mi fa vaneggiar sol del pensero,
et gire in parte ove la strada manca,
et co la mente stanca
cosa seguir che mai giugner non spero.
Or al tuo richiamar venir non degno,
ché segnoria non ài fuor del tuo regno.
Fammi sentir de quell’aura gentile
di for, sí come dentro anchor si sente;
la qual era possente,
cantando, d’acquetar li sdegni et l’ire,
di serenar la tempestosa mente
et sgombrar d’ogni nebbia oscura et vile,
ed alzava il mio stile
sovra di sé, dove or non poria gire.
Aguaglia la speranza col desire;
et poi che l’alma è in sua ragion piú forte,
rendi agli occhi, agli orecchi il proprio obgetto,
senza qual imperfetto
è lor oprare, e ‘l mio vivere è morte.
Indarno or sovra me tua forza adopre,
mentre ‘l mio primo amor terra ricopre.
Fa ch’io riveggia il bel guardo, ch’un sole
fu sopra ‘l ghiaccio ond’io solea gir carco;
fa’ ch’i’ ti trovi al varco,
onde senza tornar passò ‘l mio core;
prendi i dorati strali, et prendi l’arco,
et facciamisi udir, sí come sòle,
col suon de le parole
ne le quali io imparai che cosa è amore;
movi la lingua, ov’erano a tutt’ore
disposti gli ami ov’io fui preso, et l’ésca
ch’i’ bramo sempre; e i tuoi lacci nascondi
fra i capei crespi et biondi,
ché il mio voler altrove non s’invesca;
spargi co le tue man’ le chiome al vento,
ivi mi lega, et puo’ mi far contento.
Dal laccio d’òr non sia mai chi me scioglia,
negletto ad arte, e ‘nnanellato et hirto,
né de l’ardente spirto
de la sua vista dolcemente acerba,
la qual dí et notte più che lauro o mirto
tenea in me verde l’amorosa voglia,
quando si veste et spoglia
di fronde il bosco, et la campagna d’erba.
Ma poi che Morte è stata sí superba
che spezzò il nodo ond’io temea scampare,
né trovar pôi, quantunque gira il mondo,
di che ordischi ‘l secondo,
che giova, Amor, tuoi ingegni ritentare?
Passata è la stagion, perduto ài l’arme,
di ch’io tremava: ormai che puoi tu farme?
L’arme tue furon gli occhi, onde l’accese
saette uscivan d’invisibil foco,
et ragion temean poco,
ché ‘ncontra ‘l ciel non val difesa humana;
il pensar e ‘l tacer, il riso e ‘l gioco,
l’abito honesto e ‘l ragionar cortese,
le parole che ‘ntese
avrian fatto gentil d’alma villana,
l’angelica sembianza, humile et piana,
ch’or quinci or quindi udia tanto lodarsi;
e ‘l sedere et lo star, che spesso altrui
poser in dubbio a cui
devesse il pregio di piú laude darsi.
Con quest’arme vincevi ogni cor duro:
or se’ tu disarmato; i’ son securo.
Gli animi ch’al tuo regno il cielo inchina
leghi ora in uno et ora in altro modo;
ma me sol ad un nodo
legar potêi, ché ‘l ciel di piú non volse.
Quel’uno è rotto; e ‘n libertà non godo
ma piango et grido: «Ahi nobil pellegrina,
qual sententia divina
me legò inanzi, et te prima disciolse?
Dio, che sí tosto al mondo ti ritolse,
ne mostrò tanta et sí alta virtute
solo per infiammar nostro desio».
Certo ormai non tem’io,
Amor, de la tua man nove ferute;
indarno tendi l’arco, a voito scocchi;
sua virtú cadde al chiuder de’ begli occhi.
Morte m’à sciolto, Amor, d’ogni tua legge:
quella che fu mia donna al ciel è gita,
lasciando trista et libera mia vita.