Francesco Petrarca – Ben mi credea passar mio tempo omai

Ben mi credea passar mio tempo omai
come passato avea quest’anni a dietro,
senz’altro studio et senza novi ingegni:
or poi che da madonna i’ non impetro
l’usata aita, a che condutto m’ài,
tu ‘l vedi, Amor, che tal arte m’insegni.
Non so s’i’ me ne sdegni,
che ‘n questa età mi fai divenir ladro
del bel lume leggiadro,
senza ‘l qual non vivrei in tanti affanni.
Cosí avess’io i primi anni
preso lo stil ch’or prender mi bisogna,
ché ‘n giovenil fallir è men vergogna.

Li occhi soavi ond’io soglio aver vita,
de le divine lor alte bellezze
fûrmi in sul cominciar tanto cortesi,
che ‘n guisa d’uom cui non proprie ricchezze,
ma celato di for soccorso aita,
vissimi, che né lor né altri offesi.
Or, bench’a me ne pesi,
divento ingiurïoso et importuno:
ché ‘l poverel digiuno
vèn ad atto talor che ‘n miglior stato
avria in altrui biasmato.
Se le man’ di Pietà Invidia m’à chiuse,
fame amorosa, e ‘l non poter, mi scuse.

Ch’i’ ò cercate già vie piú di mille
per provar senza lor se mortal cosa
mi potesse tener in vita un giorno.
L’anima, poi ch’altrove non à posa,
corre pur a l’angeliche faville;
et io, che son di cera, al foco torno;
et pongo mente intorno
ove si fa men guardia a quel ch’i’ bramo;
et come augel in ramo,
ove men teme, ivi piú tosto è colto,
cosí dal suo bel volto
l’involo or uno et or un altro sguardo;
et di ciò inseme mi nutrico et ardo.

Di mia morte mi pasco, et vivo in fiamme:
stranio cibo, et mirabil salamandra;
ma miracol non è, da tal si vòle.
Felice agnello a la penosa mandra
mi giacqui un tempo; or a l’extremo famme
et Fortuna et Amor pur come sòle:
cosí rose et vïole
à primavera, e ‘l verno à neve et ghiaccio.
Però, s’i’ mi procaccio
quinci et quindi alimenti al viver curto,
se vòl dir che sia furto,
sí ricca donna deve esser contenta,
s’altri vive del suo, ch’ella nol senta.

Chi nol sa di ch’io vivo, et vissi sempre,
dal dí che ‘n prima que’ belli occhi vidi,
che mi fecer cangiar vita et costume?
Per cercar terra et mar da tutti lidi,
chi pò saver tutte l’umane tempre?
L’un vive, ecco, d’odor, là sul gran fiume;
io qui di foco et lume
queto i frali et famelici miei spirti.
Amor, et vo’ ben dirti,
disconvensi a signor l’esser sí parco.
Tu ài li strali et l’arco:
fa’ di tua man, non pur bramand’io mora,
ch’un bel morir tutta la vita honora.

Chiusa fiamma è piú ardente; et se pur cresce,
in alcun modo piú non pò celarsi:
Amor, i’ ‘l so, che ‘l provo a le tue mani.
Vedesti ben, quando sí tacito arsi;
or de’ miei gridi a me medesmo incresce,
che vo noiando et proximi et lontani.
O mondo, o penser’ vani;
o mia forte ventura a che m’adduce!
O di che vaga luce
al cor mi nacque la tenace speme,
onde l’annoda et preme
quella che con tua forza al fin mi mena!
La colpa è vostra, et mio ‘l danno et la pena.

Cosí di ben amar porto tormento,
et del peccato altrui cheggio perdono:
anzi del mio, che devea torcer li occhi
dal troppo lume, et di sirene al suono
chiuder li orecchi; et anchor non me ‘n pento,
che di dolce veleno il cor trabocchi.
Aspett’io pur che scocchi
l’ultimo colpo chi mi diede ‘l primo;
et fia, s’i’ dritto extimo,
un modo di pietate occider tosto,
non essendo ei disposto
a far altro di me che quel che soglia:
ché ben muor chi morendo esce di doglia.

Canzon mia, fermo in campo
starò, ch’elli è disnor morir fuggendo;
et me stesso reprendo
di tai lamenti; sí dolce è mia sorte,
pianto, sospiri et morte.
Servo d’Amor, che queste rime leggi,
ben non à ‘l mondo, che ‘l mio mal pareggi.