Francesco Petrarca – Cesare, poi che ‘l traditor d’Egitto

Cesare, poi che ‘l traditor d’Egitto
li fece il don de l’onorata testa,
celando l’allegrezza manifesta,
pianse per gli occhi fuor sí come è scritto;

et Hanibàl, quando a l’imperio afflitto
vide farsi Fortuna sí molesta,
rise fra gente lagrimosa et mesta
per isfogare il suo acerbo despitto.

Et cosí aven che l’animo ciascuna
sua passïon sotto ‘l contrario manto
ricopre co la vista or chiara or bruna:

però, s’alcuna volta io rido o canto,
facciol, perch’i’ non ò se non quest’una
via da celare il mio angoscioso pianto.