Francesco Petrarca – Come talora al caldo tempo sòle

Come talora al caldo tempo sòle
semplicetta farfalla al lume avezza
volar negli occhi altrui per sua vaghezza,
onde aven ch’ella more, altri si dole:

cosí sempre io corro al fatal mio sole
degli occhi onde mi vèn tanta dolcezza
che ‘l fren de la ragion Amor non prezza,
e chi discerne è vinto da chi vòle.

E veggio ben quant’elli a schivo m’ànno,
e so ch’i’ ne morrò veracemente,
ché mia vertú non pò contra l’affanno;

ma sí m’abbaglia Amor soavemente,
ch’i’ piango l’altrui noia, et no ‘l mio danno;
et cieca al suo morir l’alma consente.