Francesco Petrarca – D’un bel chiaro polito et vivo ghiaccio

D’un bel chiaro polito et vivo ghiaccio
move la fiamma che m’incende et strugge,
et sí le vène e ‘l cor m’asciuga et sugge
che ‘nvisibilmente i’ mi disfaccio.

Morte, già per ferire alzato ‘l braccio,
come irato ciel tona o leon rugge,
va perseguendo mia vita che fugge;
et io, pien di paura, tremo et taccio.

Ben poria anchor Pietà con Amor mista,
per sostegno di me, doppia colonna
porsi fra l’alma stancha e ‘l mortal colpo;

ma io nol credo, né ‘l conosco in vista
di quella dolce mia nemica et donna:
né di ciò lei, ma mia ventura incolpo.