Francesco Petrarca – I’ mi vivea di mia sorte contento

I’ mi vivea di mia sorte contento,
senza lagrime et senza invidia alcuna,
che, s’altro amante à piú destra fortuna,
mille piacer’ non vaglion un tormento.
Or quei belli occhi ond’io mai non mi pento
de le mie pene, et men non ne voglio una,
tal nebbia copre, sí gravosa et bruna,
che ‘l sol de la mia vita à quasi spento.
O Natura, pietosa et fera madre,
onde tal possa et sí contrarie voglie
di far cose et disfar tanto leggiadre?
D’un vivo fonte ogni poder s’accoglie:
ma Tu come ‘l consenti, o sommo Padre,
che del Tuo caro dono altri ne spoglie?