Francesco Petrarca – Il mal mi preme, et mi spaventa il peggio

Il mal mi preme, et mi spaventa il peggio,
al qual veggio sí larga et piana via,
ch’i’ son intrato in simil frenesia,
et con duro penser teco vaneggio;
né so se guerra o pace a Dio mi cheggio,
ché ‘l danno è grave, et la vergogna è ria.
Ma perché piú languir? di noi pur fia
quel ch’ordinato è già nel sommo seggio.
Bench’i’ non sia di quel grand’onor degno
che tu mi fai, ché te n’inganna Amore,
che spesso occhio ben san fa veder torto,
pur d’alzar l’alma a quel celeste regno
è il mio consiglio, et di spronare il core:
perché ‘l camin è lungo, e ‘l tempo è corto.