Francesco Petrarca – La donna che ‘l mio cor nel viso porta

La donna che ‘l mio cor nel viso porta,
là dove sol fra bei pensier’ d’amore
sedea, m’apparve; et io per farle honore
mossi con fronte reverente et smorta.

Tosto che del mio stato fussi accorta,
a me si volse in sí novo colore
ch’avrebbe a Giove nel maggior furore
tolto l’arme di mano, et l’ira morta.

I’ mi riscossi; et ella oltra, parlando,
passò, che la parola i’ non soffersi,
né ‘l dolce sfavillar degli occhi suoi.

Or mi ritrovo pien di sí diversi
piaceri, in quel saluto ripensando,
che duol non sento, né sentí’ ma’ poi.