Francesco Petrarca – Là ver’ l’aurora, che sí dolce l’aura

Là ver’ l’aurora, che sí dolce l’aura
al tempo novo suol movere i fiori,
et li augelletti incominciar lor versi,
sí dolcemente i pensier’ dentro a l’alma
mover mi sento a chi li à tutti in forza,
che ritornar convenmi a le mie note.
Temprar potess’io in sí soavi note
i miei sospiri ch’addolcissen Laura,
faccendo a lei ragion ch’a me fa forza!
Ma pria fia ‘l verno la stagion de’ fiori,
ch’amor fiorisca in quella nobil alma,
che non curò già mai rime né versi.
Quante lagrime, lasso, et quanti versi
ò già sparti al mio tempo, e ‘n quante note
ò riprovato humilïar quell’alma!
Ella si sta com’aspr’alpe a l’aura
dolce, la qual ben move frondi et fiori,
ma nulla pò se ‘ncontra maggior forza.
Homini et dèi solea vincer per forza
Amor, come si legge in prose e ‘n versi:
et io ‘l provai in sul primo aprir de’ fiori.
Ora né ‘l mio signor né le sue note
né ‘l pianger mio né i preghi pòn far Laura
trarre o di vita o di martir quest’alma.
A l’ultimo bisogno, o misera alma,
accampa ogni tuo ingegno, ogni tua forza,
mentre fra noi di vita alberga l’aura.
Nulla al mondo è che non possano i versi;
et li aspidi incantar sanno in lor note,
nonché ‘l gielo adornar con novi fiori.
Ridon or per le piagge herbette et fiori:
esser non pò che quella angelica alma
non senta il suon de l’amorose note.
Se nostra ria fortuna è di piú forza,
lagrimando et cantando i nostri versi
et col bue zoppo andrem cacciando l’aura.
In rete accolgo l’aura, e ‘n ghiaccio i fiori,
e ‘n versi tento sorda et rigida alma,
che né forza d’Amor prezza né note.