Francesco Petrarca – L’alto et novo miracol ch’a’ dí nostri

L’alto et novo miracol ch’a’ dí nostri
apparve al mondo, et star seco non volse,
che sol ne mostrò ‘l ciel poi sel ritolse,
per adornarne i suoi stellanti chiostri,

vuol ch’i’ depinga a chi nol vide, e ‘l mostri,
Amor, che ‘n prima la mia lingua sciolse,
poi mille volte indarno a l’opra volse
ingegno, tempo, penne, carte, e ‘nchiostri.

Non son al sommo anchor giunte le rime:
in me il conosco; et proval ben chiunque
è ‘nfin a qui, che d’amor parli o scriva.

Chi sa pensare, il ver tacito estime,
ch’ogni stil vince, et poi sospire: – Adunque
beati gli occhi che la vider viva. –

(Visited 11 times, 1 visits today)