Francesco Petrarca – Lasso, ben so che dolorose prede

Lasso, ben so che dolorose prede
di noi fa quella ch’a nullo huom perdona,
et che rapidamente n’abandona
il mondo, et picciol tempo ne tien fede;

veggio a molto languir poca mercede,
et già l’ultimo dí nel cor mi tuona:
per tutto questo Amor non mi spregiona,
che l’usato tributo agli occhi chiede.

So come i dí, come i momenti et l’ore,
ne portan gli anni; et non ricevo inganno,
ma forza assai maggior che d’arti maghe.

La voglia et la ragion combattuto ànno
sette et sette anni; et vincerà il migliore,
s’anime son qua giú del ben presaghe.