Francesco Petrarca – L’aura che ‘l verde lauro et l’aureo crine

L’aura che ‘l verde lauro et l’aureo crine
soavemente sospirando move,
fa con sue viste leggiadrette et nove
l’anime da’ lor corpi pellegrine.
Candida rosa nata in dure spine,
quando fia chi sua pari al mondo trove,
gloria di nostra etate? O vivo Giove,
manda, prego, il mio in prima che ‘l suo fine:
sí ch’io non veggia il gran publico danno,
e ‘l mondo remaner senza ‘l suo sole,
né li occhi miei, che luce altra non ànno;
né l’alma, che pensar d’altro non vòle,
né l’orecchie, ch’udir altro non sanno,
senza l’oneste sue dolci parole.