Francesco Petrarca – Non da l’hispano Hibero a l’indo Ydaspe

Non da l’hispano Hibero a l’indo Ydaspe
ricercando del mar ogni pendice,
né dal lito vermiglio a l’onde caspe,
né ‘n ciel né ‘n terra è piú d’una fenice.

Qual dextro corvo o qual mancha cornice
canti ‘l mio fato, o qual Parca l’innaspe?
che sol trovo Pietà sorda com’aspe,
misero, onde sperava esser felice.

Ch’i’ non vo’ dir di lei: ma chi la scorge,
tutto ‘l cor di dolcezza et d’amor gli empie,
tanto n’à seco, et tant’altrui ne porge;

et per far mie dolcezze amare et empie,
o s’infinge o non cura, o non s’accorge,
del fiorir queste inanzi tempo tempie.

(Visited 5 times, 1 visits today)

Commenti

commenti