Francesco Petrarca – O misera et horribil visïone!

O misera et horribil visïone!
È dunque ver che ‘nnanzi tempo spenta
sia l’alma luce che suol far contenta
mia vita in pene et in speranze bone?
Ma come è che sí gran romor non sone
per altri messi, et per lei stessa il senta?
Or già Dio et Natura nol consenta,
et falsa sia mia trista opinïone.
A me pur giova di sperare anchora
la dolce vista del bel viso adorno,
che me mantene, e ‘l secol nostro honora.
Se per salir a l’eterno soggiorno
uscita è pur del bel’ albergo fora,
prego non tardi il mio ultimo giorno.