Francesco Petrarca – Qual paura ò, quando mi torna a mente

Qual paura ò, quando mi torna a mente
quel giorno ch’i’ lasciai grave et pensosa
madonna, e ‘l mio cor seco! et non è cosa
che sí volentier pensi, et sí sovente.
I’ la riveggio starsi humilemente
tra belle donne, a guisa d’una rosa
tra minor’ fior’, né lieta né dogliosa,
come chi teme, et altro mal non sente.
Deposta avea l’usata leggiadria,
le perle et le ghirlande et i panni allegri,
e ‘l riso e ‘l canto e ‘l parlar dolce humano.
Cosí in dubbio lasciai la vita mia:
or tristi auguri, et sogni et penser’ negri
mi dànno assalto, et piaccia a Dio che ‘nvano.