Francesco Petrarca – Qual piú diversa et nova

Qual piú diversa et nova
cosa fu mai in qual che stranio clima,
quella, se ben s’estima,
piú mi rasembra: a tal son giunto, Amore.
Là onde il dí vèn fore,
vola un augel che sol senza consorte
di volontaria morte
rinasce, et tutto a viver si rinova.
Cosí sol si ritrova
lo mio voler, et cosí in su la cima
de’ suoi alti pensieri al sol si volve,
et cosí si risolve,
et cosí torna al suo stato di prima:
arde, et more, et riprende i nervi suoi,
et vive poi con la fenice a prova.

Una petra è sí ardita
là per l’indico mar, che da natura
tragge a sé il ferro e ‘l fura
dal legno, in guisa che ‘ navigi affonde.
Questo prov’io fra l’onde
d’amaro pianto, ché quel bello scoglio
à col suo duro argoglio
condutta ove affondar conven mia vita:
cosí l’alm’à sfornita
(furando ‘l cor che fu già cosa dura,
et me tenne un, ch’or son diviso et sparso)
un sasso a trar piú scarso
carne che ferro. O cruda mia ventura,
che ‘n carne essendo, veggio trarmi a riva
ad una viva dolce calamita!

Né l’extremo occidente
una fera è soave et queta tanto
che nulla piú, ma pianto
et doglia et morte dentro agli occhi porta:
molto convene accorta
esser qual vista mai ver’ lei si giri;
pur che gli occhi non miri,
l’altro puossi veder securamente.
Ma io incauto, dolente,
corro sempre al mio male, et so ben quanto
n’ò sofferto, et n’aspetto; ma l’engordo
voler ch’è cieco et sordo
sí mi trasporta, che ‘l bel viso santo
et gli occhi vaghi fien cagion ch’io pèra,
di questa fera angelica innocente.

Surge nel mezzo giorno
una fontana, e tien nome dal sole,
che per natura sòle
bollir le notti, e ‘n sul giorno esser fredda;
e tanto si raffredda
quanto ‘l sol monta, et quanto è piú da presso.
Cosí aven a me stesso,
che son fonte di lagrime et soggiorno:
quando ‘l bel lume adorno
ch’è ‘l mio sol s’allontana, et triste et sole
son le mie luci, et notte oscura è loro,
ardo allor; ma se l’oro
e i rai veggio apparir del vivo sole,
tutto dentro et di for sento cangiarme,
et ghiaccio farme, cosí freddo torno.

Un’altra fonte à Epiro,
di cui si scrive ch’essendo fredda ella,
ogni spenta facella
accende, et spegne qual trovasse accesa.
L’anima mia, ch’offesa
anchor non era d’amoroso foco,
appressandosi un poco
a quella fredda, ch’io sempre sospiro,
arse tutta: et martiro
simil già mai né sol vide, né stella,
ch’un cor di marmo a pietà mosso avrebbe;
poi che ‘nfiammata l’ebbe,
rispensela vertú gelata et bella.
Cosí piú volte à ‘l cor racceso et spento:
i’ ‘l so che ‘l sento, et spesso me ‘nadiro.

Fuor tutti nostri lidi,
ne l’isole famose di Fortuna,
due fonti à: chi de l’una
bee, mor ridendo; et chi de l’altra, scampa.
Simil fortuna stampa
mia vita, che morir poria ridendo,
del gran piacer ch’io prendo,
se nol temprassen dolorosi stridi.
Amor, ch’anchor mi guidi
pur a l’ombra di fama occulta et bruna,
tacerem questa fonte, ch’ognor piena,
ma con piú larga vena
veggiam, quando col Tauro il sol s’aduna:
cosí gli occhi miei piangon d’ogni tempo,
ma piú nel tempo che madonna vidi.

Chi spïasse, canzone
quel ch’i’ fo, tu pôi dir: Sotto un gran sasso
in una chiusa valle, ond’esce Sorga,
si sta; né chi lo scorga
v’è, se no Amor, che mai nol lascia un passo,
et l’imagine d’una che lo strugge,
ché per sé fugge tutt’altre persone.