Francesco Petrarca – Quel sempre acerbo et honorato giorno

Quel sempre acerbo et honorato giorno
mandò sí al cor l’imagine sua viva
che ‘ngegno o stil non fia mai che ‘l descriva,
ma spesso a lui co la memoria torno.

L’atto d’ogni gentil pietate adorno,
e ‘l dolce amaro lamentar ch’i’ udiva,
facean dubbiar, se mortal donna o diva
fosse che ‘l ciel rasserenava intorno.

La testa òr fino, et calda neve il volto,
hebeno i cigli, et gli occhi eran due stelle,
onde Amor l’arco non tendeva in fallo;

perle et rose vermiglie, ove l’accolto
dolor formava ardenti voci et belle;
fiamma i sospir’, le lagrime cristallo.