Francesco Petrarca – Questa humil fera, un cor di tigre o d’orsa

Questa humil fera, un cor di tigre o d’orsa,
che ‘n vista humana e ‘n forma d’angel vène,
in riso e ‘n pianto, fra paura et spene
mi rota sí ch’ogni mio stato inforsa.

Se ‘n breve non m’accoglie o non mi smorsa,
ma pur come suol far tra due mi tene,
per quel ch’io sento al cor gir fra le vene
dolce veneno, Amor, mia vita è corsa.

Non pò piú la vertú fragile et stanca
tante varïetati omai soffrire,
che ‘n un punto arde, agghiaccia, arrossa e ‘nbianca.

Fuggendo spera i suoi dolor’ finire,
come colei che d’ora in hora manca:
ché ben pò nulla chi non pò morire.