Francesco Petrarca – Se col cieco desir che ‘l cor distrugge

Se col cieco desir che ‘l cor distrugge
contando l’ore no m’inganno io stesso,
ora mentre ch’io parlo il tempo fugge
ch’a me fu inseme et a mercé promesso.

Qual ombra è sí crudel che ‘l seme adugge,
ch’al disïato frutto era sí presso?
et dentro dal mio ovil qual fera rugge?
tra la spiga et la man qual muro è messo?

Lasso, nol so; ma sí conosco io bene
che per far piú dogliosa la mia vita
amor m’addusse in sí gioiosa spene.

Et or di quel ch’i’ ò lecto mi sovene,
che ‘nanzi al dí de l’ultima partita
huom beato chiamar non si convene.