Franco Sacchetti – Come Alberto, avendo a far con la matrigna, essendo dal padre trovato, allega con nuove ragioni piacevolmente.

Non voglio lasciare la quarta novella d’Alberto, di quelle che già udi’ di lui, come che molte altre ne facesse. Avea il detto Alberto una matrigna assai giovane e complessa e atticciata, il quale in nessun modo, come spesso interviene, potea avere pace con lei; e di questo suo caso dolendosi spesse volte con alcuni suoi compagni, da loro gli fu dato questo consiglio, dicendo:
– Alberto, se tu non trovi modo d’avere a far di lei, non isperar mai di star con lei se non in battaglia e in mala ventura.
Dice Alberto:
– Credete voi cotesto?
Coloro rispondono:
– Noi l’abbiamo per lo fermo.
Dice Alberto:
– E’ serebbe troppo gran peccato! e pur s’i’ ‘l facesse, e venisse agli orecchi dello inquisitore, e’ m’ha colto animo addosso, leggermente mi farebbe morire.
E quasi come se non vi avesse l’animo, si partí dalle parole di costoro; e da altra parte pensò di mettere il consiglio ad effetto, e nol dissono a sordo; ché un dí, essendo andato il padre fuori e la donna rimanendo in camera, Alberto sanza dire troppe parole ché male le sapea dire, venne a’ fatti e in sul letto l’uno e l’altro si condussono, e fu fatta la pace, che parea una casa cheta e riposata, che prima parea tempestosa e indemoniata. Nella qual pace e amore continuando Alberto, aiutando alle fatiche del padre, avvenne un dí che l’uno e l’altro stando di meriggio a giacere, che ‘l padre ch’era andato in villa, tornò in quell’ora, e andato su, trovò sul letto sprovveduti la donna e Alberto.
Alberto, veggendo il padre, si gittò alla panca lungo il muro; e ‘l padre piglia la mazza del letto per dargli, dicendo: “Sozzo traditore”, e quando: “ria puttana”.
E andando Alberto ora in su e ora in giú, secondo come la mazza del padre si menava, e gridando e l’uno e l’altro, tutta la vicinanza trasse al romore, dicendo:
– Che vuol dire questo?
E Alberto dice:
– E’ questo mio padre, che ebbe a fare cotanto tempo con mia madre, e mai non gli dissi una parola torta; e ora perché mi ha trovato giacer con la moglie, non altro che per buono amore, mi vuole uccidere, come voi vedete.
Gli vicini, udendo la ragione allegata per Alberto, dissono il padre avere il torto; e tirandolo da parte, dissono che non era senno il suo di fare palese quelle cose che si doverriano nascondere, e fecionli credere che, conoscendo eglino la condizione d’Alberto, che egli non era salito su quel letto per alcun male, ma per molta dimestichezza, avendo voglia di dormire. E cosí si dié pace il padre, e la donna si dié pace con Alberto per la domestichezza che avea presa con lei, facendo ciascuno da quell’ora innanzi i fatti loro sí occulti e sí cheti che ‘l padre mentre che visse non ebbe piú a giucare del bastone.
Buono fu il rimedio che dato fu ad Alberto a stare in pace con la matrigna, e buona fu la ragione d’Alberto, ch’elli disse a’ vicini quando trassono. E cosí credo che assai (non tutte) averebbono pace co’ figliastri, se elli facessono quello che costui, e massimamente quelle che son mogli degli antichi padri, come era costei, le quali, essendo giovani, voglion vegliare, e’ vecchi mariti voglion dormire.