Franco Sacchetti – Marchese Aldobrandino domanda al Basso della Penna qualche nuovo uccello da tenere in gabbia, il Basso fa fare una gabbia, ed entrovi è portato a lui

Marchese Aldobrandino da Esti, nel tempo che ebbe la signoria di Ferrara, gli venne vaghezza, come spesso viene a’ signori, di avere qualche nuovo uccello in gabbia. Di che per questa cagione mandò un dí per uno Fiorentino che tenea albergo in Ferrara, uomo di nuova e di piacevolissima condizione, che avea nome Basso della Penna. Era vecchio e piccolo di persona, e sempre pettinato andava in zazzera e in cuffia. Giunto questo Basso dinanzi al marchese, il marchese sí gli dice:
– Basso, io vorrei qualche uccello per tenere in gabbia, che cantasse bene, e vorrei che fosse qualche uccello nuovo, che non se ne trovassono molti per l’altre genti, come sono fanelli e calderelli, e di questi non vo cercando; e però ho mandato per te, perché diversa gente e di diversi paesi ti vengono per le mani al tuo albergo; di che possibile ti fia che qualcuno di questi ti metta in via, donde se ne possa avere uno.
Rispose il Basso:
– Signore mio, io ho compreso la vostra intenzione, la quale m’ingegnerò di mettere ad effetto, e cercherò di far sí che subitamente serete servito.
Udendo il marchese questo, gli parve avere già in gabbia la fenice, e cosí si partío. Il Basso, avendo già immaginato ciò che far dovea, giunto che fu al suo albergo, mandò per un maestro di legname, e disse:
– Io ho bisogno di una gabbia di cotanta lunghezza, e tanto larga e tanto alta; e fa’ ragione di farla sí forte ch’ella sia sofficiente a un asino, se io ve l’avessi a metter dentro, e abbia uno sportello di tanta grandezza.
Compreso che ‘l maestro ebbe tutto, fu in concordia del pregio, e andò a fare la detta gabbia; fatta che l’ebbe, la fe’ portare al Basso e tolse i denari.
Il Basso subito mandò per uno portatore, e là venuto entrando nella gabbia, disse al portatore che ‘l portasse al marchese. Al portatore parve questa una nuova mercanzia e quasi non volea; se non che ‘l Basso tanto disse che pur lo portò. Il qual giunto al marchese, con grande moltitudine di popolo che correa dietro alla novità; il marchese quasi dubitò, non conoscendo ancora che cosa fosse quella. Ma appressatosi la gabbia e ‘l Basso ed essendo su portato presso al marchese, il marchese, conoscendo ciò che era, disse:
– Basso, che vuol dir questo?
Il Basso, cosí nella gabbia, con lo sportello serrato, cominciò a squittire, e disse:
– Messer lo marchese, voi mi comandaste pochi dí fa che io trovasse modo che voi avesse qualche nuovo uccello in gabbia, e che di quelli tali pochi ne fossono al mondo; di che, considerando chi io sono e quanto nuovo sono, ché posso dire che nessuno ne sia piú nuovo di me in su la terra, in questa gabbia intrai, e a voi mi rappresento, e mi vi dono per lo piú nuovo uccello che tra’ cristiani si possa trovare; e ancora vi dico piú, che non ce n’ha niuno fatto com’io: il canto mio fia tale, che vi diletterà assai; e però fate posare la gabbia da quella finestra.
Disse il marchese:
– Mettetela sul davanzale.
Il Basso dice:
– Oimè, non fate, ché io potrei cadere.
Dice il marchese:
– Mettetelo su, ché ‘l davanzale è largo.
E cosí messo su, accennò a un suo famiglio che dondolasse la gabbia, e nientedimeno la sostenesse.
E ‘l Basso dice:
– Marchese, io ci venni per cantare, e voi volete ch’io pianga.
E cosí, quando il Basso fu rassicurato, disse:
– Marchese, se mi darete mangiare delle vivande che mangiate voi, io canterò molto bene.
Il marchese li fece venire un pane con un capo d’aglio, e tennelo tutto quel dí su la finestra, facendo a lui di nuovi giuochi; e tutto il popolo era sulla piazza a vedere il Basso nella gabbia; e in fine la sera cenò col signore, e poi si ritornò all’albergo, e la gabbia rimase al marchese, ché mai non la riebbe.
Il marchese da quell’ora innanzi ebbe il Basso piú caro che mai, e spesso l’invitava a mangiare, e facevalo cantare nella gabbia, e pigliava gran diletto di lui. Chi sapesse la disposizione de’ signori, quando fossono in buona tempera, ognora penserebbono di cose nuove, come fece il Basso, che per certo ben serví il marchese, e non andò in India per l’uccello; ma essendogli presso presso, fu servito del piú nuovo e unico uccello che si potesse trovare.

Lascia un commento