Franco Sacchetti – Messer Bernabò signore di Melano comanda a uno abate che lo chiarisca di quattro cose impossibili; di che uno mugnaio, vestitosi de’ panni dello abate, per lui le chiarisce in forma che rimane abate e l’abate rimane mugnaio

Messer Bernabò signore di Melano, essendo trafitto da un mugnaio con belle ragioni, gli fece dono di grandissimo benefizio. Questo signore ne’ suoi tempi fu ridottato da piú che altro signore; e come che fosse crudele, pur nelle sue crudeltà avea gran parte di justizia. Fra molti de’ casi che gli avvennono fu questo, che uno ricco abate, avendo commesso alcuna cosa di negligenza di non avere ben notricato due cani alani, che erano diventati stizzosi, ed erano del detto signore, li disse che pagasse fiorini quattromila. Di che l’abate cominciò a domandare misericordia. E ‘l detto signore, veggendolo addomandare misericordia, gli disse:
– Se tu mi fai chiaro di quattro cose, io ti perdonerò in tutto; e le cose son queste che io voglio che tu mi dica: quanto ha di qui al cielo; quant’acqua è in mare; quello che si fa in inferno; e quello che la mia persona vale.
Lo abate, ciò udendo, cominciò a sospirare, e parveli essere a peggior partito che prima; ma pur, per cessar furore e avanzar tempo, disse che li piacesse darli termine a rispondere a sí alte cose. E ‘l signore gli diede termine tutto il dí sequente; e come vago d’udire il fine di tanto fatto, gli fece dare sicurtà del tornare.
L’abate, pensoso, con gran malenconia, tornò alla badía, soffiando come un cavallo quando aombra; e giunto là, scontrò un suo mugnaio, il quale, veggendolo cosí afflitto, disse:
– Signor mio, che avete voi che voi soffiate cosí forte?
Rispose l’abate:
– Io ho ben di che, ché ‘l signore è per darmi la mala ventura se io non lo fo chiaro di quattro cose, che Salamone né Aristotile non lo potrebbe fare.
Il mugnaio dice:
– E che cose son queste?
L’abate gli lo disse.
Allora il mugnaio, pensando, dice all’abate:
– Io vi caverò di questa fatica, se voi volete.
Dice l’abate:
– Dio il volesse.
Dice il mugnaio:
– Io credo che ‘l vorrà Dio e’ santi.
L’abate, che non sapea dove si fosse, disse:
– Se ‘l tu fai, togli da me ciò che tu vuogli, ché niuna cosa mi domanderai, che possibil mi sia, che io non ti dia.
Disse il mugnaio:
– Io lascerò questo nella vostra discrizione.
– O che modo terrai? – disse l’abate.
Allora rispose il mugnaio:
– Io mi voglio vestir la tonica e la cappa vostra, e raderommi la barba, e domattina ben per tempo anderò dinanzi a lui, dicendo che io sia l’abate; e le quattro cose terminerò in forma ch’io credo farlo contento.
All’abate parve mill’anni di sustituire il mugnaio in suo luogo; e cosí fu fatto.
Fatto il mugnaio abate, la mattina di buon’ora si mise in cammino; e giunto alla porta, là dove entro il signore dimorava, picchiò, dicendo che tale abate voleva rispondere al signore sopra certe cose che gli avea imposte. Lo signore, volontoroso di udire quello che lo abate dovea dire, e maravigliandosi come sí presto tornasse, lo fece a sé chiamare: e giunto dinanzi da lui un poco al barlume, facendo reverenza, occupando spesso il viso con la mano per non esser conosciuto, fu domandato dal signore se avea recato risposta delle quattro cose che l’avea addomandato.
Rispose:
– Signor sí. Voi mi domandaste: quanto ha di qui al cielo. Veduto appunto ogni cosa, egli è di qui lassú trentasei milioni e ottocento cinquantaquattro mila e settantadue miglia e mezzo e ventidue passi.
Dice il signore:
– Tu l’hai veduto molto appunto; come provi tu questo?
Rispose:
– Fatelo misurare, e se non è cosí, impiccatemi per la gola. Secondamente domandaste: quant’acqua è in mare. Questo m’è stato molto forte a vedere, perché è cosa che non sta ferma, e sempre ve n’entra; ma pure io ho veduto che nel mare sono venticinque milia e novecento ottantadue di milioni di cogna e sette barili e dodici boccali e due bicchieri.
Disse il signore:
– Come ‘l sai?
Rispose:
– Io l’ho veduto il meglio che ho saputo: se non lo credete, fate trovar de’ barili, e misurisi; se non trovate essere cosí, fatemi squartare. Il terzo mi domandaste quello che si faceva in inferno. In inferno si taglia, squarta, arraffia e impicca, né piú né meno come fate qui voi.
– Che ragione rendi tu di questo?
Rispose:
– Io favellai già con uno che vi era stato, e da costui ebbe Dante fiorentino ciò che scrisse delle cose dell’inferno; ma egli è morto; se voi non lo credete, mandatelo a vedere. Quarto mi domandaste quello che la vostra persona vale; e io dico ch’ella vale ventinove danari.
Quando messer Bernabò udí questo, tutto furioso si volge a costui, dicendo:
– Mo ti nasca il vermocan; sono io cosí dappoco ch’io non vaglia piú che una pignatta?
Rispose costui, e non sanza gran paura:
– Signor mio, udite la ragione. Voi sapete che ‘l nostro Signore Jesú Cristo fu venduto trenta danari; fo ragione che valete un danaro meno di lui.
Udendo questo il signore, immaginò troppo bene che costui non fosse l’abate, e guardandolo ben fiso, avvisando lui esser troppo maggiore uomo di scienza che l’abate non era, disse:
– Tu non se’ l’abate.
La paura che ‘l mugnaio ebbe ciascuno il pensi; inginocchiandosi con le mani giunte, addomandò misericordia, dicendo al signore come egli era mulinaro dell’abate, e come e perché camuffato dinanzi dalla sua signoria era condotto, e in che forma avea preso l’abito, e questo piú per darli piacere che per malizia.
Messer Bernabò, udendo costui, disse:
– Mo via, poi ch’ello t’ha fatto abate, e se’ da piú dí lui, in fé di Dio, e io ti voglio confirmare, e voglio che da qui innanzi tu sia l’abate, ed ello sia il mulinaro, e che tu abbia tutta la rendita del monasterio, ed ello abbia quella del mulino.
E cosí fece ottenere tutto il tempo che visse che l’abate fu mugnaio, e ‘l mugnaio fu abate.
Molto è scura cosa, e gran pericolo, d’assicurarsi dinanzi a’ signori, come fe’ questo mugnaio, e avere quello ardire ebbe lui. Ma de’ signori interviene come del mare, dove va l’uomo con grandi pericoli, e ne’ gran pericoli li gran guadagni. Ed è gran vantaggio quando il mare si truova in bonaccia, e cosí ancora il signore: ma l’uno e l’altro è gran cosa di potersi fidare, che fortuna tosto non venga.
Alcuni hanno già detto essere venuta questa, o simil novella, a… papa, il quale, per colpa commessa da un suo abate, li disse che li specificasse le quattro cose dette di sopra, e una piú, cioè: qual fosse la maggior ventura che elli mai avesse aúto. Di che l’abate, avendo rispetto della risposta, tornò alla badía, e ragunati li monaci e’ conversi, infino al cuoco e l’ortolano, raccontò loro quello di che avea a rispondere al detto papa; e che a ciò gli dessono e consiglio e aiuto. Eglino, non sappiendo alcuna cosa che si dire, stavano come smemorati: di che l’ortolano, veggendo che ciascheduno stava muto, disse:
– Messer l’abate, però che costoro non dicono alcuna cosa, e io voglio esser colui e che dica e che faccia, tanto che io credo trarvi di questa fatica; ma datemi li vostri panni, sí che io vada come abate, e di questi monaci mi seguano; e cosí fu fatto.
E giunto al papa, disse dell’altezza del cielo esser trenta voci. Dell’acqua del mare disse: “Fate turare le bocche de’ fiumi, che vi mettono entro, e poi si misuri”. Quello che valea la sua persona, disse: “Danari ventotto”; ché la facea due danari meno di Cristo, ché era suo vicario. Della maggior ventura ch’egli avesse mai, disse: “Come d’ortolano era diventato abate”; e cosí lo confermò. Come che si fosse, o intervenne all’uno e all’altro, o all’uno solo, e l’abate diventò o mugnaio o ortolano.

Lascia un commento