Galletto Pisano, Credeam’ essere, lasso

Credeam’ essere, lasso,
come quei che si parte
da ciò che pió gli è danno.
Or son caduto, ohi lasso!,
loc’ o’ non ebbi parte,
trapassat’ è pió d’anno,
com’ ho ad esser servo
de voi, donna, cui servo
de bon cor, ciò m’e viso:
sì siete adorna e gente,
faite stordir la gente,
quando vo mira ‘n viso.
Ed eo ponendo mente
la vostra fresca cera,
ch’è bianca più che riso,
feristemi la mente,
und’ardo como cera:
levastemi lo riso.
Le man vostre e la gola
cogli occhi mi dàn gola
tanto a veder, s’i’ miro:
mostran che l’autre membra
vaglian pió, ciò mi membra;
pur de tanto mi smiro.
Volea veder; non pare
nessuna donna roma
quanto voi bella sia:
non trovai vostra pare;
cercat’ ho infin a Roma;
grasi’ e mercé vo sia.
Le vostre beltà sole,
che lucen pió che sole,
m’hano d’amore punto:
ch’eo n’era sordo e muto;
or me ne vesto e muto,
e càntone ogni punto.
Lo meo cor non fa fallo
se da me si diparte
e saglisce in voi al pè;
mai mi confort’ a fallo:
non v’ho loco né parte;
e pió c’arcione in alpe
m’ha ‘l piè legato e serra,
e poi mi stringe e serra
e non vol ch’eo sormonte,
lo vostro amor, che colpa
a meve sensa colpa:
fam’ esser pian di monte.
Lo vostro amor mi cura:
di vano amor m’ha mondo,
e son piò fermo e saggio,
poi che ‘n voi misi cura,
sovrana d’esto mondo
che d’amor siete saggio.
S’al vostro amor m’aresto,
a assai pió sottil resto
si lega saggio e matto.
Di bella donna gallo,
ch’amo; ben dico Gallo
ch’a ciascun ne do matto.