Galletto Pisano, In alta donna ho miso mia ‘ntendansa

In alta donna ho miso mia ‘ntendansa:
in quella c’ha ‘n bailia
gioi’ e solasso e tutto insegnamento.
Lo meo core in altessa s’avansa
pió ch’ïo non solia;
conforteraggio lo mio ‘ntendimento,
ché ben conosco, e aggiolo provato,
che ogne bon servire è meritato,
chi serve a bon signore a piagimento.
A piagimento, con fina leanza,
lo mio cor s’umelìa,
e servo là ‘v’è tutto adornamento.
Li amadori lo sacciano ‘n certansa,
ch’i’ho ciò che golìa,
ch’io servo l’alta donna a suo talento:
a dir lo me mandao per suo celato,
c’ogni meo bon servir li è tanto in grato,
ca prodessa verrà’nde a perdimento.
A perdimento perdei mi’ allegransa:
per ciò ch’io mi dolia
mi fa sbaudir, poi So’ a comandamento
di quella che mi tiene ‘n sua possansa.
Sens’ella non valia;
or vivo ‘n bona spen’ e gioia sento.
Tal fors’ ha l’alta donna dal su’ lato,
che lo vil omo fa esser pregiato
e lo mutulo torna in parlamento.
In parlamento e ‘n gioco e ‘n allegransa
più ch’eo non solia
viviamo insembre sensa partimento.
Li mai parlier che metteno scordansa,
in mar di Seccelìa
poss’ anegare, u viver a tormento;
ca per li fini amanti è giudicato,
launqu’è mal parlier, sia frustato:
a l’alta donna piace esto convento.
Convento mi donao di su’ amansa
un giorno ch’io sallia
a lo giardino in suo difendimento.
Una rosa mandao per simigliansa:
più c’altro fiore aulia,
und’io lo tegno bon cominciamento.
Dall’alta donna che m’ha sigurato
col su’ aulente flor che m’ha donato,
bon cominciare aspetta compimento.