Gaspara Stampa – Mille volte, signor, movo la penna

Mille volte, signor, movo la penna
per mostrar fuor, qual chiudo entro il pensiero,
il valor vostro e ‘l bel sembiante altero,
ove Amor e la gloria l’ale impenna;
ma perché chi cantò Sorga e Gebenna,
e seco il gran Virgilio e ‘l grande Omero
non basteriano a raccontarne il vero,
ragion ch’io taccia a la memoria accenna.
Però mi volgo a scriver solamente
l’istoria de le mie gioiose pene,
che mi fan singolar fra l’altra gente:
e come Amor ne’ be’ vostr’occhi tiene
il seggio suo, e come indi sovente
sì dolce l’alma a tormentar mi viene.