Gaspara Stampa – Se di rozzo pastor, di gregge e folle

Se di rozzo pastor di gregge e folle
il giogo ascreo fe’ diventar poeta
lui, che poi salse a sì lodata meta,
che quasi a tutti gli altri fama tolle,
      che meraviglia fia s’alza ed estolle
me bassa e vile a scriver tanta pièta
quel che può più che studio e che pianeta,
il mio verde, pregiato ed alto colle?
      La cui sacra, onorata e fatal ombra
dal mio cor, quasi sùbita tempesta,
ogni ignoranza, ogni bassezza sgombra.
      Questa da basso luogo m’erge, e questa
mi rinnova lo stil, la vena adombra;
tanta virtù nell’alma ognor mi desta!

Lascia un commento