Giacomino Pugliese, Lontano amore manda sospiri

Lontano amore manda sospiri,
merzè cherendo inver l’amorusa,
che falso non mi degia teniri,
chè falsitate già non m’acusa;
non ch’io fallasse lo suo fino amore,
con gioi si dipartisse lo mio core
per altra donna, ond’ella sia pensusa.
Di ciò si ‘nganna, s’ell’à sospetto
ca piacimento d’altra mi sia,
chè ‘n altra donna già non diletto,
se no ‘n lei, ch’è la gioi mia.
Vista nè riso d’altra non m’agenza,
anzi mi tegno in forte penitenza
i be’ sembianti c’altra mi facìa.
Se mi ‘ntendesse, a non cruciare
lo mio diritto senza cascione,
inanzi voglio ben confessare
ch’agio torto de la mia rascione.
Ma facc[i]a che le chiace, ch’io m’arendo
a sua merzè; colpa non mi difendo
e ‘nver l’amore non fo difensione.
Se la mia donna ben si pensasse
ch’io son più ardente de la sua amanza
ch’ella si pensa ch’io la fallasse,
che m’à donato sì gra[n] leanza!
De lo suo amore, che m’à radopiato,
ch’ella si pensi ch’io non sia vietato:
lo cor mi ‘ncende di grande adiranza.
Canzonetta, va a quella ch’è dea,
che l’altre donne tene in dimino
da Lamagna infino in Agulea:
di quello regno, ch’è [lo] più fino
de gli altri regni, a[h] Deo, quanto mi piace!
in dolze terra dimoranza face
madonna, c’a lo Fiore sta vicino.